Lo scudetto a Perugia, grandissima Sir Conad

La gioia di Sirci per il primo scudetto della Sir (foto Testa)

VOLLEY SUPERLEGA

Lo scudetto a Perugia, grandissima Sir Conad

08.05.2018 - 09:24

0

di Mauro Barzagna

Domenica 6 maggio 2018 sarà una destinata che resterà nella storia di Perugia e della Sir Safety Conad. E' il giorno in cui i Block Devils conquistano lo scudetto della pallavolo maschile e regalano alla città una gioia indescrivibile. La Sir Safety Conad guarda tutti dall'alto, grazie a una prova maiuscola, con un 3-0 schiacciante sulla Lube Civitanova Marche che non ammette repliche.
Lube avanti nella prima metà del primo finchè, sotto 15-18, Atanasijevic (un attacco e un ace) e Anzani (attacco) prendono in mano la situazione e pareggiano. La Sir non molla e allunga con due punti di Russell e per Civitanova non c'è scampo: 25-22.
Sir spietata e travolgente anche nel secondo set. Parte meglio la Lube, ma la reazione della Sir, nelle cui file Bernardi ha inserito Berger al posto di Russell, è rabbiosa. Sul 3-7 piazza un parziale monstre di 6-1 e torna avanti con un muro di Podrascanin e due attacchi di Atanasijevic e Zaytsev. Civitanova si aggrappa come può, ma nel gioco di contrattacco paga dazio pesantissimo in termini di efficacia: invasione di Stankovic e harakiri di Sokolov per il 14-12 Sir. Reagisce la Lube e arriva 16-14, ma non ha fatto i conti con la Sir e, soprattutto, con uno Zaytsev devastante nel momento topico della partita. Cucinieri in tilt quando dovrebbero giocare il tutto per tutto: Juntorena fa invasione su una palla senza muro che avrebbe potuto dare alla Lube il 22-22 e Stankovic completa la frittata (Christenson lo chiama per un primo tempo e lui prende la rincorsa per una "tesa") per il 24-22 Sir, trasformato in un 25-23 senza appello da un indemoniato Atanasijevic. Sir avanti due set a zero.
Tensione alle stelle nel terzo set, che potrebbe consegnare la Sir Safety Conad Perugia alla storia. proprio quello che accade quando Ivan Zaytsev mette a segno il punto del 27-25 che fa esplodere il PalaEvangelisti. Il trionfo, perché è di trionfo che bisogna parlare, va in scena al termine di un set incredibile, che ribadisce la forza della squadra di Lorenzo Bernardi, capace di arginare il tentativo disperato della lube di tornare in partita. Kovar è l'ultimo a mollare e porta Civitanova a giocarsi un set ball sul 24-23, ma nel momento più delicato di gara5 entra in azione lo Zar. Zaytsev firma gli ultimi tre punti e consegna a un pubblico stupendo uno scudetto memorabile.

IL PUNTO DECISIVO (VIDEO)

Emblematiche le prime parole di Lorenzo Bernardi, artefice insieme al presidente Gino Sirci e a una squadra straordinaria di questa bellissima impresa: "E' uno scudetto che regala emozioni uniche e speciali, che ho voluto con tutto me stesso per questa gente e per questa città, che ogni giorno hanno dimostrato di voler vivere una giornata così".

LA GIOIA DI SIRCI (VIDEO)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 17, Podrascanin 5, Anzani 7, Russell 6, Zaytsev 10; Colaci (libero), Berger 6, Cesarini, Shaw. N.e. Ricci, Andric, Della Lunga. All. Bernardi
LUBE CIVITANOVA MARCHE: Christenson 4, Sokolov 18, Stankovic 5, Cester 3, Juantorena 10, Kovar 14; Grebennikov (libero), Candellaro 1, Sander 1, Casadei, Zhukowski, Marchisio. N.e. Milan, Storari (L). All. Medei
ARBITRI: Boris e Rapisarda
PARZIALI SET: 25-22, 25-23, 27-25
DURATA SET: 30', 34', 38'; totale incontro: un'ora e 48'

LE STATISTICHE DI GARA 5 DELLA FINALE SCUDETTO

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018