Cerca

Lunedì 20 Febbraio 2017 | 05:11

Il caso

Pestato a sangue per un post su Facebook

carabinieri di notte

Operazione dei carabinieri

Sono a una svolta le indagini per fare luce sull’aggressione subita da un ventenne sabato sera nei pressi del centro commerciale. Ad aggredire il giovane con calci e pugni sarebbero state 3 persone, ma prima il ragazzo sarebbe stato circondato da una ventina di persone, ragazzi di estrema destra arrivati a Vignanello per una vera e propria spedizione punitiva. Il ventenne di Vasanello - che dopo l’aggressione è stato portato in ospedale con il setto nasale rotto - aveva la colpa di aver condiviso e commentato una vignetta che ironizzava sul modo di fare e sul linguaggio di alcuni gruppi di estrema destra. Una “moda” che si è scatenata sui social network che al ventenne è costata il pestaggio. Il ventenne era uscito con un gruppo di amici e stava all’esterno di un locale vicino a un centro commerciale. Poco prima di mezzanotte sono arrivati una ventina di ragazzi che cercavano proprio il ventenne di Vallerano: qualcuno di loro poco prima su Facebook aveva notato il meme. Quando il ventenne ha cercato di andare via sarebbe stato rincorso da almeno tre estremisti che l’avrebbero colpito con calci e pugni procurandogli lesioni guaribili in 30 giorni.

Più letti oggi

il punto
del direttore