Lo staff

Lo staff della Caritas a Santa Maria degli Angeli

Il Papa ad Assisi

Alla Caritas il pranzo di Francesco con gli umili e i senzatetto

Nel centro gestito dal romano Silvio Vecchiarelli e dall'ascolana Stefana Baglivo lasagne, roast beef e qualche dolcettino come strappo alla regola

04.10.2013 - 11:13

0

Un antipasto semplice. Poi lasagne, roast beef con insalata, macedonia, gelato. E forse qualche dolcettino come strappo alla regola. Questo il pranzo di Papa Francesco nel Centro di prima accoglienza della Caritas di Assisi, a Santa Maria degli Angeli. Sessanta gli ospiti. Gli umili. I poveri. I senzatetto. Quelli che giornalmente frequentano la struttura per consumare un pasto caldo o trascorrere una notte in un letto vero. Gestito dal romano Silvio Vecchiarelli e dall'ascolana Stefania Baglivo, il centro accoglie ogni giorno una ventina di disperati "...ma ultimamente - dice Silvio - sono diventati di più". Effetti di una crisi che morde e che spinge sulla strada anche chi fino a qualche tempo fa viveva una condizione almeno dignitosa. I preparativi per accogliere il Santo Padre sono iniziati già in mattinata. Alle otto lo staff era al lavoro, stretto nella sorveglianza della gendarmeria vaticana e degli agenti della polizia. Silvio a dirigere le operazioni, Stefania a dettare i tempi alla cucina e tre volontari intenti alla preparazione delle semplici pietanze. Gli ospiti della Caritas, invece, si occupano di apparecchiare la tavola: tovagliette bianche, piatti e bicchieri di platica e un sacchetto di biscottini come segnaposto. "Nessun menù particolare - dice ancora Silvio - le stesse cose che si mangiano la domenica e nei giorni di festa". Emozioni? Quasi da commuoversi: "Per me - aggiunge - è una sensazione incredibile. E' stata la voglia di vivere una vita più semplice che mi ha spinto sin qui ed è stato quasi un caso che sia finito a dirigere la Caritas. Mi ci ha portato la provvidenza. Cosa gli dirò? Sogno soltanto di abbracciarlo. Di stringerlo". Fuori, ad attendere il Santo Padre, centinaia e centinaia di fedeli fin dalle prime ore del mattino. E sui balconi bandiere su bandiere e striscioni e striscioni. Tra cui l'immancabile "buon pranzo" a cui proprio Papa Bergoglio ci ha ormai abituato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello
La rivincita vista da vicino

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello

La gara è stata una delle più entusiasmanti della storia della Corsa all'Anello: la rivincita 2018 è stata conquistata a notte inoltrata dal terziere di Santa Maria, che pure era partito con handicap per l'infortunio (per fortuna non grave) capitato al suo primo cavaliere, che non è potuto entrare in campo. Ecco però viste da vicino le immagini della benedizione, preparazione, del corteo storico ...

 
Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018