Lotta ai portoghesi: carabinieri con i controllori

Gubbio

Lotta ai portoghesi: carabinieri con i controllori

15.08.2014 - 13:48

0

Si sono svegliati alle 4,20 e alle 5,39 erano già a Fossato di Vico per iniziare i controlli. E alle 8 avevano già sorpreso una decina di viaggiatori clandestini che pagando il biglietto di classe minima (poco più di un euro) si spostano con gli autobus di linea ovunque.

I controllori di Umbria mobilità svolgono il loro lavoro con meticolosità ma spesso, come è accaduto ieri mattina, si trovano a dover fronteggiare situazioni difficili con stranieri che diventano aggressivi. Hanno poteri limitati e pur avendo il diritto a chiedere i documenti ai viaggiatori clandestini per effettuare i controlli di rito e i vari accertamenti burocratico-amministrativi, non possono costringerli a esibirli. E allora ecco che i due operatori hanno dovuto chiamare in ausilio i carabinieri che hanno atteso l’arrivo dell’autobus in piazza Quaranta Martiri e hanno proceduto all’identificazione di tutti gli stranieri che erano saliti a Fossato di Vico “scroccando” il trasferimento a Gubbio.
La cosa è filata via senza eccessivi problemi fin quando qualcuno tra gli stranieri ha cominciato ad alzare la voce e a inveire contro i controllori. Una straniera ha poi denunciato di aver perso il proprio documento di identità durate i controlli e per questo, più tardi, si è recata presso la stazione dei carabinieri di Gubbio per formalizzare lo smarrimento.
“La situazione - ha detto uno degli controllori dell’Apm - diventa sempre più difficile; noi cerchiamo di svolgere al meglio il nostro servizio nel rispetto delle leggi e dei regolamenti. La verità è che la stragrande maggioranza degli italiani acquista regolarmente il biglietto e non crea mai problemi, tra gli stranieri invece la percentuale di quelli che acquistano il biglietto è bassa e, come se non bastasse, prendono quasi sempre biglietto di tratta minima per coprire invece spostamenti molto più lunghi. E questo, oltre che essere un comportamento irregolare, fa arrabbiare molto anche coloro che invece pagano regolarmente. Ma gli autisti e noi controllori abbiamo poca libertà di manovra e per questo spesso dobbiamo chiamare carabinieri e polizia, che non finiremo mai di ringraziare, che intervengono e impongo ai clandestini di esibire i documenti per l'identificazione”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Tokyo (askanews) - Shinzo Abe alla prova della verità. Il 22 ottobre in Giappone si vota per la Camera dei rappresentanti, un passaggio importante per il premier nipponico che ha indetto le elezioni anticipate con il doppio obiettivo di ottenere un mandato per la riforma costituzionale e dirottare in ambito sociale l'extragettito che dovrebbe giungere dal 2020 grazie all'incremento della tassa ...

 
Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Milano (askanews) - Nel variegato mondo del prosecco, occupa un posto di eccellenza. Un'eccellenza garantita dal territorio su cui nasce, quelle colline adagiate tra le asperità delle Dolomiti e la laguna veneta. E dalla sapienza degli uomini che qui lo producono da oltre 140 anni. Il Conegliano Valdobbiadene prosecco superiore Docg è il frutto di questo lembo di terra fortunata, 15 Comuni nelle ...

 
Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Roma, (askanews) - Ancora non è troppo tardi per approvare le riforme che farebbero riconsiderare al leader dell'opposizione kenyana Raila Odinga la sua decisione di ritirarsi dalle elezioni presidenziali del 26 ottobre. Lo ha affermato lo stesso Odinga parlando con la stampa dopo le dimissioni di Roselyn Akombe, membro della Commissione elettorale che si è detta convinta della parzialità di ...

 
A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

Ischia, (askanews) - I sette ministri dell'interno delle principali democrazie industrializzate del mondo si incontrano a Ischia per il vertice del G7 su contrasto al terrorismo, anche via web, e lotta ai foreign fighters di ritorno dai territori liberati dall'Isis. In tanti però sono scesi in piazza per chiedere ai grandi politiche diverse e che tutelino i diritti umani. Ecco alcune voci del ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017