"Trust", tagliati 22 capi d'imputazione: Goracci attacca

PERUGIA

"Trust", tagliati 22 capi d'imputazione: Goracci attacca

15.07.2014 - 10:06

0

Ridotti i capi d’imputazione, anche di molto a livello numerico. Restano altre accuse non secondarie, come l’associazione per delinquere e episodi di concussione ed abuso d’ufficio. La sentenza del Gup (giudice dell’udienza preliminare) Luca Semeraro sfoltisce i capi d’imputazione e fa luce, nelle motivazioni, su tanti episodi che erano finiti sulla stampa nell’ambito dell’inchiesta “Trust” in cui sono finiti alla sbarra l’ex sindaco di Gubbio Orfeo Goracci e altri nove imputati tra ex dipendenti del Comune, consiglieri e membri dell’esecutivo. Il processo avrà inizio nel febbraio 2015 e per Goracci c’è stato il non luogo a procedere per 22 capi d’imputazione. Alcuni profili sono stati prosciolti definitivamente. In 76 pagine Semeraro riduce le accuse: o meglio stabilisce se ci sono i presupposti affinché possano essere considerate o meno nel pubblico dibattimento. L’atto di Semeraro porta la data del 14 aprile. Sono trascorsi i tempi tecnici entro i quali l’accusa e le parti civili potevano impugnarlo. Goracci (oggi consigliere regionale del gruppo ”Comunista umbro”) sul gruppo facebook “Orfeo Goracci siamo solidali” ha annunciato di voler pubblicare stralci della “sentenza” del Gup proprio sul social network. Per Goracci nelle 76 pagine di Semeraro si riconosce “l’esistenza - è scritto in una lettera pubblicata proprio su fb - di molte accuse assurde, le stesse, però, che hanno determinato per me (noi) un’assurda detenzione con l'aggiunta, assurda anche questa, del divieto di colloquio con l'avvocato difensore per 5 giorni (trattati peggio di Riina, Provenzano, Lavitola o, per stare all' attualità, a un omicida reo-confesso di tre familiari). Le accuse di cui parlo, poi, torneranno in mente a coloro i quali rimasero ovviamente colpiti da titoli costruiti su termini quali ‘sparizione, sottrazione e distruzione di documenti, pedinamenti, fotografie’. Solo che nulla di tutto ciò si è verificato”. Goracci va all’attacco: “Tutti quelli che sono stati chiamati dalla procura e hanno detto cose rivelatesi false e calunniose, e non poteva essere diversamente, ne dovranno rispondere, oltreché alla propria coscienza, nelle sedi deputate”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Salvini querela Saviano, Delrio incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania."Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire". Queste le parole di Delrio ai giornalisti sulla querela del ...

 
Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone" Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Occorre uno sforzo per affermare il principio dell'uguaglianza tra persone nel nostro Paese". Queste le parole di ...

 
PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 PD, Delrio mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Bisogna mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente". Queste le parole di Delrio. AltrimondiNews Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018