"Trust", tagliati 22 capi d'imputazione: Goracci attacca

PERUGIA

"Trust", tagliati 22 capi d'imputazione: Goracci attacca

15.07.2014 - 10:06

0

Ridotti i capi d’imputazione, anche di molto a livello numerico. Restano altre accuse non secondarie, come l’associazione per delinquere e episodi di concussione ed abuso d’ufficio. La sentenza del Gup (giudice dell’udienza preliminare) Luca Semeraro sfoltisce i capi d’imputazione e fa luce, nelle motivazioni, su tanti episodi che erano finiti sulla stampa nell’ambito dell’inchiesta “Trust” in cui sono finiti alla sbarra l’ex sindaco di Gubbio Orfeo Goracci e altri nove imputati tra ex dipendenti del Comune, consiglieri e membri dell’esecutivo. Il processo avrà inizio nel febbraio 2015 e per Goracci c’è stato il non luogo a procedere per 22 capi d’imputazione. Alcuni profili sono stati prosciolti definitivamente. In 76 pagine Semeraro riduce le accuse: o meglio stabilisce se ci sono i presupposti affinché possano essere considerate o meno nel pubblico dibattimento. L’atto di Semeraro porta la data del 14 aprile. Sono trascorsi i tempi tecnici entro i quali l’accusa e le parti civili potevano impugnarlo. Goracci (oggi consigliere regionale del gruppo ”Comunista umbro”) sul gruppo facebook “Orfeo Goracci siamo solidali” ha annunciato di voler pubblicare stralci della “sentenza” del Gup proprio sul social network. Per Goracci nelle 76 pagine di Semeraro si riconosce “l’esistenza - è scritto in una lettera pubblicata proprio su fb - di molte accuse assurde, le stesse, però, che hanno determinato per me (noi) un’assurda detenzione con l'aggiunta, assurda anche questa, del divieto di colloquio con l'avvocato difensore per 5 giorni (trattati peggio di Riina, Provenzano, Lavitola o, per stare all' attualità, a un omicida reo-confesso di tre familiari). Le accuse di cui parlo, poi, torneranno in mente a coloro i quali rimasero ovviamente colpiti da titoli costruiti su termini quali ‘sparizione, sottrazione e distruzione di documenti, pedinamenti, fotografie’. Solo che nulla di tutto ciò si è verificato”. Goracci va all’attacco: “Tutti quelli che sono stati chiamati dalla procura e hanno detto cose rivelatesi false e calunniose, e non poteva essere diversamente, ne dovranno rispondere, oltreché alla propria coscienza, nelle sedi deputate”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Ramallah (askanews) - Migliaia di palestinesi sono scesi in piazza a Ramallah, in Cisgiordania, una ventina di Km a nord di Gerusalemme, per protestare contro la scelta del presidente americano, Donald Trump di riconoscere proprio Gerusalemme come capitale dello Stato d'Israele, spostandovi da Tel Aviv la sede dell'ambasciata americana. Nel frattempo, Fatah, il movimento del presidente ...

 
Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Roma (askanews) - "L'ambiente è uno degli impegni fondamentali di cui c'è un estremo bisogno per questo deve esserci uno sforzo da parte di tutti. Possiamo fare di meglio. In questo anno di governo io ho cercato, a dispetto della mia biografia, di fare qualche sforzo ma dobbiamo fare di meglio e di più". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo all'iniziativa dei ...

 
Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

annuncio in diretta tv

Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

L'attesa è finita. Sono stati annunciati in diretta su Rai1, nella notte di venerdì 15 dicembre, i nomi dei 20 big e delle 8 nuove proposte che gareggeranno nel 68esimo ...

16.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017