Quaranta martiri, la città non dimentica

Gubbio

Quaranta martiri, la città non dimentica

22.06.2014 - 20:28

0

Gubbio ha celebrato domenica 22 giugno la ricorrenza dei settanta anni dall’eccidio (22 giugno 1944) dei quaranta civili eugubini (38 uomini e due donne) avvenuta per mano di truppe naziste.

 

Settanta anni di storia, di dolore, di memoria. In occasione della ricorrenza del 70esimo anniversario l’associazione Famiglia dei Quaranta Martiri ha organizzato la tradizionale manifestazione di commemorazione che ha coinvolto, come sempre, tutta la comunità, le autorità civili e militari del comprensorio. Una cerimonia sentita e partecipata, che ha preso il via con il corteo partito da piazza Quaranta Martiri e la deposizione di corone di alloro presso i principali monumenti commemorativi cittadini. Ad aprire il corteo i bambini, fiore in mano, deposto poi sopra al muro del Mausoleo, del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi ed alcune tra i volontari del Servizio civile nazionale.

Subito dopo tutti i sindaci della fascia appenninica, in testa il neosindaco di Gubbio Filippo Stirati ed il baby-sindaco del CCRR di Gubbio. Il corteo, arricchito dai gonfaloni di tutti i Comuni, dalle forze di pubblica sicurezza e da un nutrito gruppo di cittadini, ha raggiunto il monumento al Milite ignoto in piazza Quaranta Martiri, la stele in via del Teatro romano, l’edificio scolastico in via Perugina, dove i 40 vennero rinchiusi in attesa della sentenza mortale, ed infine il Mausoleo, sorto per volontà di concittadini ed eredi proprio nel luogo dell’eccidio. Ad aprire la giornata i 40 rintocchi ‘a morto’ del Campanone e con una prima cerimonia religiosa privata alle 6,30, ora dell’eccidio con le famiglie e poche autorità, officiata da monsignor Mario Ceccobelli. Una giornata di mestizia e dolore, che quasi stonava rispetto col sole caldo ed il turbinare delle rondini. La Santa Messa celebrata al termine della cerimonia civile è stata officiata da monsignore emerito don Pietro Bottaccioli, insieme a padre Giustino e don Ubaldo Braccini. Presente in sala anche Antonio Marionni, che fu l’interprete tra tedeschi di stanza a Gubbio e l’allora monsignor Beniamino Ubaldi che tentò con le truppe una mediazione, purtroppo fallita. Lucida la ricostruzione storica del secondo conflitto da parte dell’onorevole Marina Sereni, che ha ricordato quanto “la Repubblica di Salò fu attraente per molti giovani italiani che fecero l’errore di seguirne gli ideali, insieme a molti tedeschi, in certi casi condizionati da quegli stessi ideali. La strage eugubina rientra tra le oltre 400 avvenute in tutta Italia, con la perdita di oltre 15mila vite civili. Quella di Gubbio è una storia ancor più tragica perché è uno degli eccidi che non hanno un colpevole e non ha avuto processo. Con Gubbio così anche Sant’Anna di Stazzema e Marzabotto. Di fronte alla realtà storica non si può che tacere e prendere atto”. Lo stesso presidente della Famiglia dei Quaranta Martiri, Marcello Rogari, ha parlato di quanto “ancora oggi razzismo, nazismo, odio e violenza perdurino sotto altre forme. Chiediamo pertanto alla ‘buona politica’ di agire per promuovere uguaglianza, giustizia sociale, diritti e rispetto per il bene della comunità civile”. In conclusione Stirati ha fatto riferimento agli ideali della democrazia e della compattezza, “sarà da essi che partirà la nostra era amministrativa. Questo (il mausoleo) è un luogo di dolore, memoria, speranza. Siamo felici che ci siano tanti giovani qui oggi, sono l’investimento del nostro futuro e della memoria di questi eventi tragici”. 

 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

I topi invadono il percorso verde
Emergenza a Perugia

I topi invadono il percorso verde

Sono tantissimi i topi che da un mese a questa parte stanno popolando l'area verde di Pian di Massiano a Perugia. I roditori si concentrano nel tratto di percorso compreso tra la pista ciclabile e il campo da calcio. Ma non è solo questa la criticità del parco cittadino più frequentato. Servizio completo sul Corriere dell'Umbria di venerdì 20 luglio

 
Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Salvini querela Saviano, Delrio incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania."Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire". Queste le parole di Delrio ai giornalisti sulla querela del ...

 
Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone" Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Occorre uno sforzo per affermare il principio dell'uguaglianza tra persone nel nostro Paese". Queste le parole di ...

 
PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 PD, Delrio mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Bisogna mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente". Queste le parole di Delrio. AltrimondiNews Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018