Banche ai cassintegrati Sirio:
"Restituiteci gli interessi
del fondo di solidarietà"

Gubbio

Banche ai cassintegrati Sirio:
"Restituiteci gli interessi
del fondo di solidarietà"

Oltre alla perdita del lavoro, cinque lavoratori si sono visti presentare la richiesta di corrispondere gli interessi dovuti per aver fruito di un fondo di solidarietà

21.02.2014 - 10:38

0
Oltre al danno anche la beffa. Ma per alcuni dipendenti della ex Sirio ecologica è una drammatica realtà. Oltre alla perdita del lavoro, cinque di essi si sono visti presentare dalle banche la richiesta di corrispondere gli interessi dovuti per aver fruito di un fondo di solidarietà. Una convenzione tra banche e Comune prevedeva la somministrazione di duemila euro circa a lavoratori in difficoltà. Non tutti i dipendenti ne hanno fruito, tre sono stati supportati dal Comune nei giorni scorsi, grazie al commissario prefettizio D’Alessandro, che se ne è fatto garante, per altri invece non c’è risoluzione: devono pagare. Questo perché nel novembre 2012 la Giunta Guerrini con una delibera ha stabilito la chiusura di tale fondo lasciando ai lavoratori già in difficoltà le responsabilità (400 euro). I dipendenti ex Sirio sono arrabbiati, amareggiati, delusi. Losfogo è suonato come un tuono, ieri, durante la conferenza in sala Pertini tenuta da Alessandro Piergentili, referente Cgil Alta Umbria. Ad appesantire la situazione il fatto che da mesi i 18 dipendenti non ricevono la somma (500 euro) della cassa integrazione in deroga. “Prima era regolare, poi c’è stato sempre più ritardo, la consegna del protocollo è sempre incerta, non sappiamo se e quando riusciremo a prendere il denaro, non è una bella situazione e non pensiate che ci piaccia vivere così, noi vorremmo lavorare, ancora crediamo in un progetto professionale che è sempre stato quello della Sirio, una realtà produttiva d’eccellenza sul territorio. Il gruppo Maio ci ha dato il colpo di grazia. Bastava installare uno sterilizzatore”. Squilla un telefono, un sospiro di sollievo, la Cid di dicembre c’è. Intanto Piergentili ha richiesto alla Regione la convocazione di un tavolo di crisi per aprire un dialogo tra i soggetti coinvolti e la proroga della Cid fino alla prossima asta del 13 marzo. “Pare che qualche reale interessato ci sia, sono stati chiesti i documenti al curatore del Tribunale fallimentare - afferma Piergentili - speriamo sia la volta buona. Questi lavoratori sono stati trattati con superficialità, hanno delle competenze uniche, ci sono clienti che ancora da fuori regione arrivano e richiedono i servizi della ex Sirio”. Anche monsignor Ceccobelli ha mostrato vicinanza alle 18 famiglie. “Sono figlio anche io di una famiglia dove si doveva lavorare per vivere, pensare a padri e madri che stentano per la precarietà della loro situazione senza orizzonti mi turba e mi coinvolge emotivamente”, si legge in un passo della lettera che ha inviato tramite Piergentili. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Ramallah (askanews) - Migliaia di palestinesi sono scesi in piazza a Ramallah, in Cisgiordania, una ventina di Km a nord di Gerusalemme, per protestare contro la scelta del presidente americano, Donald Trump di riconoscere proprio Gerusalemme come capitale dello Stato d'Israele, spostandovi da Tel Aviv la sede dell'ambasciata americana. Nel frattempo, Fatah, il movimento del presidente ...

 
Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Roma (askanews) - "L'ambiente è uno degli impegni fondamentali di cui c'è un estremo bisogno per questo deve esserci uno sforzo da parte di tutti. Possiamo fare di meglio. In questo anno di governo io ho cercato, a dispetto della mia biografia, di fare qualche sforzo ma dobbiamo fare di meglio e di più". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo all'iniziativa dei ...

 
Johannesbourg, migliaia al congresso per eleggere l'erede di Zuma

Johannesbourg, migliaia al congresso per eleggere l'erede di Zuma

Johannesbourg (askanews) - A Johannesbourg, in Sudafrica, migliaia di delegati dell'Anc, il Congresso nazionale africano, partito al potere nel Paese, si sono ritovati sabato 16 dicembre 2017, per eleggere un nuovo capo che possa succedere al contestatissimo Jacob Zuma, accusato di corruzione, frode e riciclaggio di denaro, presidente del Sudafrica dal 2009 e al suo secondo mandato che dovrebbe ...

 
Settimana prenatalizia bella al nord, venti e piogge al Centrosud

Settimana prenatalizia bella al nord, venti e piogge al Centrosud

Milano (askanews) - In Italia lo shopping per gli ultimi regali di Natale sarà accompagnato da un'ondata di grande freddo, soprattutto sulle regioni adriatiche e meridionali. Le correnti gelide che seguono la perturbazione in transito sul nostro Paese, nel corso del fine settimana si propagheranno a tutta la penisola, determinando un marcato rinforzo dei venti da nord e un generale sensibile calo ...

 
Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

annuncio in diretta tv

Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

L'attesa è finita. Sono stati annunciati in diretta su Rai1, nella notte di venerdì 15 dicembre, i nomi dei 20 big e delle 8 nuove proposte che gareggeranno nel 68esimo ...

16.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017