Banche ai cassintegrati Sirio:
"Restituiteci gli interessi
del fondo di solidarietà"

Gubbio

Banche ai cassintegrati Sirio:
"Restituiteci gli interessi
del fondo di solidarietà"

Oltre alla perdita del lavoro, cinque lavoratori si sono visti presentare la richiesta di corrispondere gli interessi dovuti per aver fruito di un fondo di solidarietà

21.02.2014 - 10:38

0
Oltre al danno anche la beffa. Ma per alcuni dipendenti della ex Sirio ecologica è una drammatica realtà. Oltre alla perdita del lavoro, cinque di essi si sono visti presentare dalle banche la richiesta di corrispondere gli interessi dovuti per aver fruito di un fondo di solidarietà. Una convenzione tra banche e Comune prevedeva la somministrazione di duemila euro circa a lavoratori in difficoltà. Non tutti i dipendenti ne hanno fruito, tre sono stati supportati dal Comune nei giorni scorsi, grazie al commissario prefettizio D’Alessandro, che se ne è fatto garante, per altri invece non c’è risoluzione: devono pagare. Questo perché nel novembre 2012 la Giunta Guerrini con una delibera ha stabilito la chiusura di tale fondo lasciando ai lavoratori già in difficoltà le responsabilità (400 euro). I dipendenti ex Sirio sono arrabbiati, amareggiati, delusi. Losfogo è suonato come un tuono, ieri, durante la conferenza in sala Pertini tenuta da Alessandro Piergentili, referente Cgil Alta Umbria. Ad appesantire la situazione il fatto che da mesi i 18 dipendenti non ricevono la somma (500 euro) della cassa integrazione in deroga. “Prima era regolare, poi c’è stato sempre più ritardo, la consegna del protocollo è sempre incerta, non sappiamo se e quando riusciremo a prendere il denaro, non è una bella situazione e non pensiate che ci piaccia vivere così, noi vorremmo lavorare, ancora crediamo in un progetto professionale che è sempre stato quello della Sirio, una realtà produttiva d’eccellenza sul territorio. Il gruppo Maio ci ha dato il colpo di grazia. Bastava installare uno sterilizzatore”. Squilla un telefono, un sospiro di sollievo, la Cid di dicembre c’è. Intanto Piergentili ha richiesto alla Regione la convocazione di un tavolo di crisi per aprire un dialogo tra i soggetti coinvolti e la proroga della Cid fino alla prossima asta del 13 marzo. “Pare che qualche reale interessato ci sia, sono stati chiesti i documenti al curatore del Tribunale fallimentare - afferma Piergentili - speriamo sia la volta buona. Questi lavoratori sono stati trattati con superficialità, hanno delle competenze uniche, ci sono clienti che ancora da fuori regione arrivano e richiedono i servizi della ex Sirio”. Anche monsignor Ceccobelli ha mostrato vicinanza alle 18 famiglie. “Sono figlio anche io di una famiglia dove si doveva lavorare per vivere, pensare a padri e madri che stentano per la precarietà della loro situazione senza orizzonti mi turba e mi coinvolge emotivamente”, si legge in un passo della lettera che ha inviato tramite Piergentili. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Hong Kong, in carcere i leader del Movimento degli Ombrelli

Hong Kong, in carcere i leader del Movimento degli Ombrelli

Hong Kong, (askanews) - Joshua Wong e altri due giovani leader del Movimento degli Ombrelli sono stati condannati a pene detentive a Hong Kong per il loro ruolo nelle proteste pro-democratiche del 2014. Wong, Nathan Law e Alex Chow sono stati condannati nell'ordine a sei, otto e sette mesi di reclusione, dopo che la Corte di Appello ha confermato le sentenze nei loro confronti. Gli attivisti ...

 
Attacco Barcellona, la Rambla riprende vita tra dolore e paura

Attacco Barcellona, la Rambla riprende vita tra dolore e paura

Barcellona (askanews) - Il giorno dopo l'attentato terroristico sulla Rambla di Barcellona la strada è stata riaperta, alcuni negozi hanno regolarmente aperto, altri hanno deciso di tenere le saracinesche abbassate in ricordo delle vittime. Le forze di sicurezza sono a lavoro sul luogo dove il furgone si è lanciato sulla folla, ma sono poche le zone ancora cordonate. Ben visibili i danni ...

 
Bandiere a mezz'asta a Palazzo Chigi, c'è anche quella spagnola

Bandiere a mezz'asta a Palazzo Chigi, c'è anche quella spagnola

Roma, (askanews) - Bandiere a mezz'asta, in segno di lutto per le vittime dell'attentato a Barcellona, a Palazzo Chigi. Esposte la bandiera italiana, quella europea e quella spagnola. Tricolore e bandiera Ue a mezz'asta anche al Quirinale e all'Altare della Patria.

 
A Barcellona un italiano morto, la conferma della sua azienda

A Barcellona un italiano morto, la conferma della sua azienda

Roma, (askanews) - Si chiamava Bruno Gullotta, veniva da Legnano e aveva 35 anni la vittima italiana accertata dell'attentato di Barcellona. L'azienda informatica per cui lavorava, Tom's Hardware, ha la pagina web listata a lutto e si stringe con affetto alla compagna e ai due figlioletti di Gullotta. Il giovane era in vacanza a Barcellona con la famiglia. "Bruno" si legge sul sito dell'azienda, ...

 
Daniel Craig sarà ancora 007

Cinema

Daniel Craig sarà ancora 007

Daniel Craig ha confermato che sarà nuovamente 007 nel 25esimo film della saga di James Bond. Ma sarà la sua ultima volta nel ruolo dell’agente segreto più famoso al mondo. ...

16.08.2017

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Gossip

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Laura Freddi sarà mamma all'età di 45 anni. Lo rivela il settimanale 'Chi', che nel numero in edicola da oggi pubblica le immagini della showgirl in dolce attesa. La diretta ...

16.08.2017

Al via il Festival Luci della Ribalta

Narni ospita il festival

Settima edizione

Al via il Festival Luci della Ribalta

Con il grande concerto inaugurale di lunedì 14 agosto, alle 21 e 30, nella splendida cornice della corte del palazzo comunale di Narni, prende ufficialmente il via il settimo ...

13.08.2017