Il grido d'allarme
di Federalberghi:
"Il turismo affonda"

Gubbio

Il grido d'allarme
di Federalberghi:
"Il turismo affonda"

Le variazioni (2013 sul 2012) di chi ha visitato Gubbio e dintorni e di chi ha pernottato - fra Natale, Capodanno e l’Epifania - fanno emergere un calo molto evidente che oscilla, a seconda dei casi, fra il 20 e il 50 per cento

07.01.2014 - 16:05

0

E’ un vero e proprio “grido di allarme” quello lanciato da Federalberghi sulla situazione del comparto turistico nel territorio eugubino. I rappresentanti locali della Federazione delle associazioni italiane alberghi e turismo, attraverso gli associati del comprensorio, hanno appena elaborato una prima stima delle variazioni di arrivi e presenze nel periodo delle festività natalizie. E i dati risultano a dir poco problematici.

Le variazioni (2013 sul 2012) di chi ha visitato Gubbio e dintorni e di chi ha pernottato - fra Natale, Capodanno e l’Epifania - fanno emergere un calo molto evidente che oscilla, a seconda dei casi, fra il 20 e il 50 per cento.

Situazione analoga per le stime relative al “Cenone” di Capodanno. In alcuni casi, le strutture hanno registrato solo una riduzione del numero dei partecipanti, quantificabile fra il 20 e il 30 per cento. In altri casi, le strutture hanno dovuto annullare l’evento stesso per le poche adesioni. Tutto questo - fanno sapere dalla Federalberghi eugubina - in un quadro già fortemente compromesso, dove i dati ufficiali della Regione segnalano il territorio di Gubbio al penultimo posto in Umbria, in termini di arrivi e presenze, con un calo di oltre l’8 per cento fra i primi dieci mesi del 2013 e lo stesso periodo dell’anno precedente. «I problemi strutturali che il comparto ha nella nostra zona, la crisi economica in generale e le informazioni distorte sulle scosse di terremoto che i media nazionali hanno divulgato - spiega Cinzia Rosati, referente di Federalberghi per il comprensorio eugubino - ci portano a lanciare un vero e proprio grido di allarme per il comparto turistico e ricettivo nel nostro territorio. Al quadro, bisogna aggiungere due altri fattori. In primo luogo, il fatto che storicamente i flussi turistici si fermano quasi del tutto fino a Pasqua, che nel 2014 è molto inoltrata, alla fine del mese di aprile. Poi, le pesanti scadenze fiscali che si sono concentrate a fine anno 2013».

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Video shock, collaboratore Macron picchia manifestante

Video shock, collaboratore Macron picchia manifestante

Roma, (askanews) - La procura di Parigi ha annunciato l'apertura di un'indagine preliminare nei confronti di un collaboratore del presidente Emmanuel Macron per "violenze da parte di persona incaricata di una missione di servizio pubblico". Nel mirino dell'ingagine c'è Alexandre Benalla, che - come si vede da queste immagini - il primo maggio picchia un manifestante. L'inchiesta, affidata alla ...

 
Altro

Balena di 10 metri spiaggiata in Cile, salvata da volontari e militari

Salvata dalla morte. Una vera e propria lotta contro il tempo da parte dell'esercito cileno e di tanti volontari per far riprendere il largo a una balena lunga 9,5 metri, spiaggiata in Cile, sulle coste dell'isola Chiloé. Nel video postato dalle forze armate cilene le fasi salienti della difficile operazione che si è conclusa con un applauso liberatorio. Peraltro il cetaceo aveva diverse ferite ...

 
Balene nel cielo, primo decollo per il nuovo Airbus Beluga XL

Balene nel cielo, primo decollo per il nuovo Airbus Beluga XL

Tolosa (askanews) - Giovedì 19 luglio 2019 ha compiuto il suo primo decollo dall'aeroporto di Blagnac, nei pressi di Tolosa, in Francia, il nuovo Airbus Beluga XL, versione "allargata" del celebre maxi aereo cargo del consorzio aeronautico europeo. Basato sull'Airbus A330-200, il nuovo Beluga XL, alto quasi 19 metri, ha una capacità di carico superiore del 30% rispetto al suo predecessore, di cui ...

 
Tassista abusivo arrestato a Milano per lo stupro di una 20enne

Tassista abusivo arrestato a Milano per lo stupro di una 20enne

Milano (askanews) - Un tassista abusivo di 61 anni di origini egiziane è stato arrestato a Milano, dai carabinieri della Compagnia Duomo, con l'accusa di aver violentato, la notte del 16 giungo 2018, una ragazza 20enne che, dopo una serata trascorsa con gli amici all'Old Fashion, uno dei locali più noti della movida milanese, aveva usufruito del taxi abusivo per tornare a casa. La vittima, una ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018