"Rilanciare Umbraflor con la chiusura del vivaio di Gubbio". Ma non tutti la pensano così

"Rilanciare Umbraflor con la chiusura del vivaio di Gubbio". Ma non tutti la pensano così

Audizione dei vertici dell'azienda vivaistica regionale davanti al comitato di vigilanza di palazzo Cesaroni

19.02.2013 - 17:35

0

Un’azienda con un fatturato “importante”, forte in un mercato di nicchia come quello delle piante tartuficole ma che risente della crisi del settore vivaistico e non solo. Il punto sull’azienda regionale Umbraflor in attesa di riforma è stato fatto oggi dai componenti del consiglio di amministrazione e del direttore, sentiti dal comitato di vigilanza e controllo del consiglio regionale.
Vivai in crisi Umbraflor per la prima volta nel 2011 ha chiuso il bilancio in deficit (20mila euro) e risente del fatto che il giro di affari del settore si è ridotto del 30%, come spiegato dal presidente e dal direttore, Claudio Bazzarri e Morano Moraldi, che, poi, hanno ricordato i contenuti del piano di risanamento e rilancio trasmesso alla giunta regionale.
Chiudere a Gubbio La possibilità di superare il deficit – è stato detto - è legata all'accelerazione dei piani rurali e alla riduzione del personale regionale, compresa la chiusura del vivaio di Gubbio i cui operai “avrebbero dovuto spostarsi a Spello con enorme risparmio aziendale”. Fabrizio Cerbella, consigliere di amministrazione di Umbraflor, invece non condivide l'ipotesi di chiusura del vivaio eugubino e ha invitato anche a considerare che molti dei dipendenti di quella struttura sono part-time. Per fare chiarezza sulle difficoltà di Umbraflor e sui ritardi nella riforma, il comitato intende sentire l'assessore regionale all'agricoltura.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Gerusalemme capitale, in piazza la rabbia dei palestinesi

Ramallah (askanews) - Migliaia di palestinesi sono scesi in piazza a Ramallah, in Cisgiordania, una ventina di Km a nord di Gerusalemme, per protestare contro la scelta del presidente americano, Donald Trump di riconoscere proprio Gerusalemme come capitale dello Stato d'Israele, spostandovi da Tel Aviv la sede dell'ambasciata americana. Nel frattempo, Fatah, il movimento del presidente ...

 
Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Clima Gentiloni: possiamo fare di più e meglio

Roma (askanews) - "L'ambiente è uno degli impegni fondamentali di cui c'è un estremo bisogno per questo deve esserci uno sforzo da parte di tutti. Possiamo fare di meglio. In questo anno di governo io ho cercato, a dispetto della mia biografia, di fare qualche sforzo ma dobbiamo fare di meglio e di più". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo all'iniziativa dei ...

 
Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

annuncio in diretta tv

Festival di Sanremo 2018: ecco il cast di Baglioni

L'attesa è finita. Sono stati annunciati in diretta su Rai1, nella notte di venerdì 15 dicembre, i nomi dei 20 big e delle 8 nuove proposte che gareggeranno nel 68esimo ...

16.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017