giovenale, anton carlo ponti

E il turismo langue

15.03.2017 - 10:54

0

Sarà l'etimo spagnolesco, junta, imbevuto di golpe di stato sudamericani - Pinochet e Videla docent -, ma le giunte (e gli assessori) troppo spesso per i miei gusti garantisti e democratici si comportano come le tre scimmiette che non sentono, non parlano, non vedono, appollaiate sul comò, come le civette della filastrocca. Ambarabà ciccì coccò!
Prendi l'idea di chiamar Monica Bellucci a testimonial turistico dell'Umbria nel mondo, già di questo giornale e ripresa dall'assessore al turismo della Regione.
Non se ne sa nulla o poco. E il turismo langue, e tutti a stracciarsi le vesti, e questa volta in soccorso dei vinti.
Sono otto mesi dal terremoto e si sarebbe dovuto correre ai ripari, con campagne tranquillizzanti, distinguendo il territorio intatto da quello ahimè colpito, circoscritto e in tenuta, tranne quel ludibrio della basilica di San Benedetto mai sorretta, ma con la facciata in piedi per miracolo architettonico. Ma, si sa, la gente guarda e spesso non vede che i telegiornali che bombardano i teleutenti d'immagini apocalittiche. H24.
Meglio il Grand Guignol anziché una pacata analisi delle cose. La realtà è che il turismo è stato considerato, fin dalla fondazione della Regione, nel 1970, come materia secondaria, così come la cultura.
Questo senza voler mitizzare il turismo come taumaturgia bacchetta magica. Ma è un dato, il primo turismo, in Regione, quando c'erano le aziende autonome e gli enti provinciali, fu affidato a un geometra, se la memoria non m' inganna. Mancò l'idea che il turismo è sì un'attività economica ma con caratteristiche precipue, legate a creatività e a competenza e a cultura, di territorio, storia, tradizioni, consapevoli che l'Umbria è piccola e senza mare. Qualcuno dirà.
Come mai Montalbano coi suoi milioni di audience nel pianeta non porta turisti e visitatori nella bellezza sublime della Sicilia? Perché Monica Bellucci dovrebbe essere la chiave di volta per incrementare non tanto gli arrivi ma le presenze? Perché la Sicilia è distante, e in Calabria i Bronzi di Riace non li va a veder nessuno. Il nostro turismo è come il calviniano visconte dimezzato, e noi che potremmo avere il primato o il secondo posto dopo la Francia, siamo al quarto-quinto. E siamo il paese più bello del mondo, ma è ahimè abitato dagli italiani, quelli visibili per ruberie e degrado e corruzione e evasione e disordine. Non quelli invisibili, probi e onesti e educati e rispettosi di leggi e regolamenti, semplici o colti non importa.
Col rischio di ripetermi, dico ancora una volta che sollecitare il turismo è un'arte, e se si dimentica che l'Italia è amata per Michelangelo e per Giuseppe Verdi, il resto è noia.
Sì, Francesco d'Assisi è un ottimo brand, ma ci volle a fine Ottocento un pastore protestante francese, Paul Sabatier, per promuovere la fortuna planetaria del nostro Santo che innalzava laudi al Creatore. P
rima era un santo di serie B, un po' folle e ribelle. Non diamo retta a uno spirito libero come Robert Louis Stevenson se scrive con paradosso che il turismo è l'arte della delusione. E la sindrome di Stendhal?
Anche Gioconda o Colosseo possono ingannare, se uno cerca l'anima del mondo nelle cose e non dentro di sé. Che è il pensiero di Michel de Montaigne (che un po' d'Umbria percorse): "A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, solitamente rispondo che so bene quel che fuggo, ma non quello che cerco." 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Milano (askanews) - Partire dal paesaggio extraterreste... per tornare a casa. Potremmo forse riassumere così la mostra "Planetarium" di Flavio De Marco che è allestita sui due piani della galleria M77 di via Mecenate a Milano. Potremmo farlo perchè l'artista, leccese con base a Berlino, ha scelto di partire dagli altri pianeti del Sistema solare e dal loro registro cromatico per strutturare i ...

 
Francia, la sinistra radicale divisa sul voto a Macron

Francia, la sinistra radicale divisa sul voto a Macron

Roma, (askanews) - Votare per Emmanuel Macron - per molti di loro il rappresentante dell'odiata borghesia capitalista - pur di sbarrare la strada all'estrema destra di Marine Le Pen? Oppure astenersi, rischiando così di favorirne l'ascesa? E' il dilemma davanti al quale si trovano i sostenitori di Jean-Luc Mélenchon, il candidato della sinistra radicale arrivato quarto al primo turno delle ...

 
Nonostante le sanzioni, negozi Metro e Auchan aperti in Crimea

Nonostante le sanzioni, negozi Metro e Auchan aperti in Crimea

Sinferopoli, (askanews) - Carrelli, parcheggi e persino l insegna. Quasi tutto come in Unione europea. Ma il luogo è Sinferopoli, la città della sanzionata Crimea, che ospita l'unico scalo aereo internazionale. La presenza della catena tedesca Metro e della francese Auchan hanno scatenato molte polemiche, proprio perché le attività commerciali si svolgono sotto quei brand sul territorio della ...

 
Ivanka Trump invitata da Merkel al summit delle donne a Berlino

Ivanka Trump invitata da Merkel al summit delle donne a Berlino

Roma, (askanews) - L'imprenditrice e stilista Ivanka Trump ha fatto il suo debutto oltreoceano come 'First Daughter' del presidente americano Donald Trump al summit delle donne a Berlino, il G20 Germany 2017. A fare gli onori di casa la cancelliera tedesca Angela Merkel, tra le ospiti di rilievo la francese Christine Lagarde, attuale direttrice del Fondo Monetario internazionale (Fmi). A una ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Il parco giochi con Marco Bocci e Laura Chiatti

Il taglio del nastro con Marco Bocci e Laura Chiatti

La sorpresa

Il parco giochi con Marco Bocci e Laura Chiatti

Un battesimo targato Marco Bocci e Laura Chiatti quello de “L’isola di Peter Pan”, il nuovo parco giochi per bambini che da sabato scorso ha iniziato la sua avventura a Marsciano. ...