Pelù a San Bevignate

Pelù a San Bevignate

07.05.2014 - 11:33

0

C’è differenza tra “Genny ‘a carogna” e chi distrugge paesaggio e beni culturali di questa nostra Italia un tempo tota pulchra da sindrome di Stendhal? O fra un tribuno fracassone e Pelù che approfitta di un concerto pagato dai Sindacati, per apostrofare il Premier Renzi 'boy scout di Gelli'? Io so per certo che non c'è differenza tra Pelù e Marek Hamsik, entrambi apologie del cattivo gusto, epifania del tatuaggio scervellato, entrambi pessimi esempi pei giovani. Leggo che le curve nord o sud di certi stadi sono centrali di spaccio. Mi basta per rabbrividire il titolo del “Mundo deportivo” che titola: 'Un hijo de un camorrista ha decidido que de jugara la Final de la Coppa Italia”. Quando San Gennaro ha saputo del fattaccio, gli si è gelato il sangue nella teca. E così a San Bevignate quando gli han costruito un cantiere proprio in faccia per un' oscena e stolida casa dello studente. Con decine di meravigliosi di immobili dismessi. Decisione infausta dell'Adisu, ente per l’istruzione universitaria di una Università antica di 7 secoli; dove s' insegnano storia e filosofia greca, Fidia e Platone piangono. Dove s'insegnano disegno architettonico e meccanica razionale, piangono Galeazzo Alessi e Tullio Levi-Civita. E dove si leggono Dante Shakespeare Goethe Leopardi Sandro Penna, e Aldo Capitini e Walter Binni e la sua 'Poetica del decadentismo'. E Perugino e Leoncillo e Burri. Invece perché non fargli un gran dispitto? Invece d' utilizzare quel che va salvato, facciamo un bello scempio, tanto uno più o uno meno. I cittadini? Son dei sudditi idioti, e anche quando protestano (il candidato sindaco Barelli in conferenza stampa nel suo ufficio elettorale!) le carte legali parlano chiaro.
Le delibere sciagurate son state prese con tutti i crismi di legge, così i cavilli son già in agguato, la burocrazia leccandosi i baffi affila le armi. I risarcimenti frullano. Dunque Pelù può andare benissimo davanti a San Bevignate, da milionario e visitatore nel 1995 di Villa Wanda, oggi forte dei suo anelli e tattoo e baffi saturnini e mefisto, così simile a Hamsik Nainggolan Tevez ossia alla turba di calciatori grafiti come evasi da San Quintino; e a "Genny 'a carogna" che per buon peso fa il saluto romano, a torso nudo dov'è inciso con l'inchiostro indelebile un pugnale. Sì un bel concerto di Pelù lo consiglio al presidente dell'Adisu; i Templari distrutti da Filippo il Bello e i poveri morti della nostra Spoon River (tutti, tutti dormono, sulla collina: all, all are sleeping on the hill) gradiranno, perché il silenzio a lungo andare annoia, e la monotonia secondo Baudelaire è la metà del nulla. Forse è per ciò che si costruisce come matti da legare, per tenere viva la realtà che potrebbe addormentarsi nella profondissima quiete ove per poco il cor non si spaura. Per un vasto numero di idioti è la bruttezza a rappresentare il mondo, la volgarità che è simbolo del potere e soprattutto della ricchezza, ossia il sogno e il possesso della roba in senso verghiano, quella maledizione che farà naufragare la nave dei Malavoglia carica di lupini e di carrube. Sarà anche giusto, ma Hamsik guadagna 2 milioni all'anno e Pelù non ha cantato, e insultato, gratis, ha avuto un sostanzioso rimborso spese.
Sicuramente più di 80 auro. La gente si muore di fame, gente! Io, da vecchio ancora fanciullino, in certe cose candido come uno dei miei nipoti che ha 4 anni, ancora sbalordisco, ho ancora la forza e la grazia di stupirmi sia della redenzione di Totò Cuffàro che studia giurisprudenza in carcere anche perché non potrà fare il medico (che giustizia!), sia dell'inaridimento di così tanti, troppi valori. Purtroppo non basta Papa Francesco, il kantiano legno storto dell'umanità è lungi dal seccarsi, e gli uomini sono vuoti, hollow men, denuncia Thomas S. Eliot: "Siamo gli uomini vuoti | siamo gli uomini impagliati | che appoggiano l'un l'altro | la testa piena di paglia. Ahimè!" Ma il grano prevarrà sulla gramigna, perché siamo "uomini e non pecore matte." Ah! se Cleopatra avesse avuto un altro naso il mondo sarebbe stato diverso, lamentava Blaise Pascal. E non scendeva a patti con uomini tatuati come in "Apocalypto".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017