Fuffa e ipocrisie

Fuffa e ipocrisie

30.04.2014 - 15:49

0

Mio zio materno - capitano di fanteria con tre anni al fronte, decorato nella Grande Guerra e morto per antifascismo in un lager austriaco - non andava mai alle cerimonie celebrative. Mi riferiva mia madre che zio Gabriele, detto Lelle, avvocato, restava in casa - lui diceva in spirito sereno - per lasciare spazio agli imboscati e ai profittatori che in prima fila sgomitavano facendo la ruota del pavone, l’abusiva parola Patria sule labbra. Questo aneddoto domestico m'è tornato alla mente mentre scorrevo giorni fa la lapide dei caduti di un piccolissimo villaggio umbro. Decine di nomi! Così si spiegano i 650.000 morti di quella stolida carneficina, l’inutile strage come la definì papa Benedetto XV. Credo che papa Francesco la pensi allo stesso modo. Sulle guerriglie che insanguinano la terra. Riflettevo su quei nomi incisi sulla lastra di marmo, scoloriti dal tempo, ormai senza senso se non in qualche raro e maturo discendente, ma non certo in un pronipote o una pronipote di diciotto anni. Forse. Son così distratti da smartphone, twitter, blog, sms digitati da mane a sera. Ma la riflessione amara, da qualche tempo non me ne riescono di dolci, è l’Italia per cui questi soldati, figli del popolo, soprattutto contadini e mezzadri, ma pure studenti e borghesi, morirono senza sapere perché. Insomma per questa Italia che, direbbe Dante è in etterna campagna elettorale, e qui rivela il peggio di sé. Beh, sarò pedante, l’ho già scritto tempo fa, non sopporto i manifesti di candidati, che non si affidano a programmi o a slogan, ma, da pessimi comunicatori, alle proprie facce, in genere non encomiabili per leggiadria, il che non è, per carità, una colpa ma nemmeno un merito, vivaddio. Giovenale non è un Adone, ma perché dovrebbe votare per una donna o un uomo bruttini di cui non sa il perché si presentino a governare Comuni o a frequentare da eletti i consessi alti di questa Europa febbricitante? Ma ci sono facce e facce. Programmi e programmi. Ma che per qualche suffragio in più si debba o possa titillare il millantato amore per gli animali, contandone perfino il numero, mi pare grossa davvero. Ma perché allora non concedere il diritto di voto anziché ai padroni direttamente ai cani (8 milioni) o ai gatti (12 milioni)? Celia a parte, ma è autentica la passione degli italiani per gli animali? Che sia maggiore di quello per l’ambiente o il verde pubblico è indubitabile, vista la cacca che cosparge prati, aiuole e marciapiedi, o i cani abbandonati sull’autostrada o le mute di randagi che ho visto ahimè in talune luoghi del meridione. A latere poi assistiamo a spot televisivi sui cibi per cani e gatti, che gridano vendetta appetto a gente che si muore di fame, e, letteralmente, fruga nei cassonetti, l’ho visto coi miei miopi occhi ipocriti, e dunque e mi ci metto io pure in questa immane ipocrisia che pervade come gramigna il vivere quotidiano. E c’è poi la fuffa, ossia quella lanugine fastidiosa che affligge la parola, il gesto, la promessa, l’impegno, l’etica, trasformandosi in tribunizia violenza, in mendacio deviante, in illusione, in dubbio, in rinuncia, in accettazione supina, in rassegnazione. Dopo il 25 maggio ne vedremo delle belle, vedremo cose sconvolgenti, ma l’ottimismo è d’uopo altrimenti non restano che gesti estremi, come quello di non andare a votare dopo decenni di fedeltà assoluta alla scheda e all’urna che l’accoglie fra le sue braccia di carta, dopo lustri di sovrano rispetto per la democrazia del gesto e la sacralità del significato politico che contiene ogni consultazione. Pur se viziata da assenteismo, da bianche e da nulle, espressione plastica di “viltà” o di gran rifiuto alla Celestino V. È più o meno di ieri la giornata dei Quattro Papi, che pur riscatta secoli di oscurantismo e di confessionalismo, ma è pur vero che la Chiesa ha generato Michelangelo e perfino il maledetto Caravaggio. Ma non ha mai permesso, se non prendo una cantonata, lo scempio di Pompei o l’evasione fiscale né le mafie colluse con la politica come maggiore industria del Paese. Credo fermamente che mio zio Gabriele (1893-1944) stesse dalla parte del giusto quando delegava alla fuffa e alla truffa l'eroismo nazionale. O forse no. Chi sa dirmi?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017