Forconi & salamandre

Forconi & salamandre

16.04.2014 - 14:42

0
Ma che strano paese è questo dove viviamo non per scelta ma per destino. Un'Italia la nostra amata Patria che sarebbe, se non l'abitassero gli italiani, cioè chi scrive e altri sessanta milioni di sublimi ignoranti, un magnifico Eden sempiterno. Risalgono spontanei alla memoria la gran frase attribuita a Massimo D'Azeglio: "Fatta l'Italia, ora bisogna fare gli italiani", o i giudizi di Giacomo Leopardi nel suo lucido e dolorante "Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'italiani", scritto nel 1824, a ventisei anni. Le classi dirigenti hanno combattuto pochissimo i caratteri dei nostri costumi originari, che sono per il supremo poeta il cinismo, la furberia, l'assenza di una coscienza civile, elementi che "distruggono o indeboliscono i principii morali fondati sulla persuasione", sicché dette classi superiori "sono più ciniche delle loro pari nelle altre nazioni". Insomma, sfrontatezza e irrisione, condite da massicce dosi di ipocrisia, sono la cifra distintiva delle classi dominanti, ma "il popolaccio italiano è il più cinico dei popolacci". L'illuminista lombardo Alessandro Verri (1741-1816, zio spurio di Alessandro Manzoni perché fratello del suo padre naturale), diceva che il fondo dell'italiano non è cattivo, ma il suo "senso morale è di pochissima energia". Tant'è che se voleva insultare qualcuno lo chiamava "italiano". Da qui i populismi imperanti, sopravvissuti fino ai nostri giorni; la storia d'Italia n'è colma, con uomini forti, uomini soli al comando, perché grandi giocatori d'azzardo o osannati perché mediaticamente inarrivabili. Non il pensiero pensato pesa nelle scelte, quanto il pensiero ben comunicato. L'Italia è l'antica terra del dubbio, e della litigiosa politica politicante che tutto stravolge, riversando sugli altri le responsabilità, confutando ogni evidenza con arroganza o arroccandosi in sterili "aventini", tutto rifiutando per meri o speciosi interessi di bottega, quando non per bassa macelleria di parte, di minima squallida navigazione sotto costa. Arduo governare, con leggi elettorali deliranti ma tollerate a lungo, con alleanze friabili, con maggioranze tenute insieme con lo sputo, con contumelie e minacce in ogni evenienza, pensando alla propria greppia e non al bene comune. Qualcuno ha scritto che delegare ai parlamentari il taglio del numero dei rappresentanti del popolo è come nominare Dracula presidente dell'Avis; c'è troppa gente che s'è fatta nominare nelle liste chiuse per procurarsi prebende e privilegi, ed ecco le difficoltà di trovare spazi e orizzonti per cambiare le cose. L'Italia è stremata, i forconi arrembano, tanto popolo scende per strada a protestare, tre italiani su dieci sono poveri, ma poveri per davvero, e quattro italiani su dieci evadono imposte e tasse, con figli esentasse per indigenza che vanno all'università in Ferrari. E poi ci sono tre cittadini su dieci che intasano gli uffici postali per pagare l'imu sulla seconda abitazione, che magari è una casupola, o la tares che viene in silenzio prorogata, per pagare bollette a iosa che ricorrono come i cavalieri dell'Apocalisse; dove? in questo beato paese dove fiorivano i limoni e ora non è che terra dei fuochi o palude per i fiumi che straripano inclementi e senza sponde. E Pompei, miracolo di bellezza e di memoria, cade ogni giorno a pezzi. Pietra dopo pietra. Ma che abbiano ragione quelli dei forconi? E torto chi ingiuria la società con l'indifferenza, con l'inerzia, con cascami d'ideologie tramontate? C'è una realtà politica che spaventa. È tempo di salamandre, di quegli anfibi cari agli alchimisti che si credeva potessero sopravvivere alle fiamme, che perfino Goethe nel "Faust" invoca per la loro castità: "La salamandra avvampi; fuoco dissolviti in salamandra!" C'è una realtà sociale che atterrisce. Quella conformata alla menzogna e allo sberleffo, senza alcun decoro propositivo, tutta tesa a scavare fossati e divisioni, in uno sterile gioco a rimpiattino con la storia, che andrebbe sentita come ammaestramento, minimo, si sa, ma almeno intinta in una certa nobiltà. Altrimenti è guerra perpetua, il trionfo delle fazioni, il delirio d'onnipotenza, la debolezza dell'onesta sconfitta dall'illegalità. Se il potere non è etico è sopraffazione e dittatura. Non si scappa da questa equazione. E bisogna dare ragione ancora una volta al "reazionario" Massimo Taparelli marchese D'Azeglio (1798-1866, politico, scrittore, pittore e genero di Alessandro Manzoni): "Se il filo di canapa è marcio, non s'avrà mai corda buona".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Fontana: larghe intese a Roma? Conseguenze negative su Lombardia

Fontana: larghe intese a Roma? Conseguenze negative su Lombardia

Milano (askanews) - L'eventuale formazione a Palazzo Chigi di un governo di larghe intese, sostenuto cioè da una maggioranza trasversale, potrebbe mettere in difficoltà la Lombardia. È il giudizio di Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione, che cerca di mettere così al riparo la propria coalizione dal rischio di spaccature generate dagli equilibri politici romani....

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018