Leggere il mondo

Leggere il mondo

12.03.2014 - 13:28

0
L'etimo (forma originaria di una parola) di leggere (latino legere) è raccogliere, da cui il participio passato lectum, quindi lettura. Se leggere è riconoscere dai segni della scrittura le parole e comprenderne il significato, il termine libro discende da librum, ossia la pellicola tra la corteccia e il legno dell'albero che prima del papiro serviva per tracciarvi i segni. In sincerità non so quanto siano utili in epoca di cellulari, messaggini, tablet, blog, facebook e immane rete del web, saper gli etimi anche se c'è la scienza o disciplina (nella famiglia della linguistica) che studia l'origine e l'interpretazione storica delle parole. Tuttavia noi con le parole, oltre che con le immagini, e coi suoni, conviviamo. Se uno ha la sfortuna di esser muto sordo cieco, la parola, o il gesto che la sostituisce, fa parte della nostra quotidianità. Certo, uno sopravvive all' ignoranza etimologica o lessicale. Anche se si ha un vocabolario di base di cinquecento parole - quelle che aiutano a spiegarsi: pane, vino, macchina, acqua, freno, aria, terra, cielo, mare, amore, strada, campagna, limone, religione, Dio, bottega, formaggio, città, fabbrica, euro, fame, lavoro, guerra, giornale, pace, sport,povertà, ricchezza, calcio, democrazia - ci si difende, ci si barcamena ma chi è ferrato o agguerrito con le parole rischia meno di esser preso in giro o turlupinato.. Inoltre non può avere dimestichezza con la pagina scritta, e stampata, e se non ha libri in casa né l'abitudine al libro, entra nell'opacità del postmoderno e del cattivo gusto, tutto fa brodo, il senso critico scema ai minimi livelli. Riflettevo su queste quisquilie nella banalità del bene, sui diritti del lettore di Daniel Pennac, uomo di scuola e scrittore di successo, di recente in Umbria. È il padre dell'immortale personaggio di Benjamin Malaussène, di professione "capro espiatorio", ciclo di libri grotteschi e feroci, specchio della realtà deformata ma con voglia di ridere. Ebbene, nel pamphlet su libro e su lettura ("Come un romanzo"), Pennac, nato a Casablanca da padre militare di carriera, all'anagrafe Daniel Pennacchioni, chiare origini còrse, stila, dicevo, una lista di come ci si difenda dal vizio impunito della lettura, di come ci si liberi da sensi di colpa, di come il lettore alla fin fine sia il sovrano, il dominus dell'oggetto libro, cartaceo o e.book. Dice Pennac: “L'uomo costruisce case perché è vivo ma scrive perché si sa mortale. Vive in gruppo perché è gregario ma legge perché si sa solo. La lettura è per lui una compagnia che non prende il posto di nessun altra, ma che nessuna potrebbe sostituire”. Passando al decalogo, il primo comandamento rivendica il diritto di non leggere. Si sa che un libro imposto annoia vedi a scuola “I Promessi Sposi” o la “Divina Commedia”. Seguono due sferzate: il diritto di saltare le pagine e quello di non finire il libro. I puristi già tremano di fronte all'oltraggio. Ma ha ragione Pennac. Non si può incatenare alla lettura, ma guai a bruciare i libri. Il lettore ha pure il diritto di rileggere, c'è chi ha letto non più di venti libri ma rileggendoli. Io ho letto trenta volte “Amleto”. Esiste il diritto di leggere qualunque cosa, il foglio pubblicitario coi saldi o l'elenco del telefono se non c'è di meglio, specie al gabinetto. Pennac salva il bovarismo, lo stato d'insoddisfazione spirituale, il desiderio d'evasione dal conformismo della vita borghese, con vaghe aspirazioni mondane, sentimentali e letterarie (il termine discende dal Flaubert di "Madame Bovary"). Un grande evasore dalla realtà, sognatore mezzo matto è Don Chisciotte con i libri di cavalleria. Seguono il diritto di leggere ovunque, che fa riflettere sulle sale d'aspetto o in bus dove la gente è impietrita dall' inattività. C'è il piacere sommo di spizzicare, di volare sul testo, avanti, indietro, sopra, sotto, in un andirivieni meraviglioso della fantasia e dell'immaginazione. Se poi c'è il diritto di leggere a voce alta, recitando a mo' di Lawrence Olivier o Vittorio Gassman, alla fine non si può tacere il diritto di tacere. Già l'aveva predicato Ludwig Wittgenstein nella riflessione 7, l'ultima, del "Tractatus logico-philosoficus": "Su ciò di cui non si può parlare, si deve tacere." Vallo a dire ai macilenti logorroici politicanti che infestano i tristi talk show, simbolo del nulla paludato di vuoto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017