Leggere il mondo

Leggere il mondo

12.03.2014 - 13:28

0
L'etimo (forma originaria di una parola) di leggere (latino legere) è raccogliere, da cui il participio passato lectum, quindi lettura. Se leggere è riconoscere dai segni della scrittura le parole e comprenderne il significato, il termine libro discende da librum, ossia la pellicola tra la corteccia e il legno dell'albero che prima del papiro serviva per tracciarvi i segni. In sincerità non so quanto siano utili in epoca di cellulari, messaggini, tablet, blog, facebook e immane rete del web, saper gli etimi anche se c'è la scienza o disciplina (nella famiglia della linguistica) che studia l'origine e l'interpretazione storica delle parole. Tuttavia noi con le parole, oltre che con le immagini, e coi suoni, conviviamo. Se uno ha la sfortuna di esser muto sordo cieco, la parola, o il gesto che la sostituisce, fa parte della nostra quotidianità. Certo, uno sopravvive all' ignoranza etimologica o lessicale. Anche se si ha un vocabolario di base di cinquecento parole - quelle che aiutano a spiegarsi: pane, vino, macchina, acqua, freno, aria, terra, cielo, mare, amore, strada, campagna, limone, religione, Dio, bottega, formaggio, città, fabbrica, euro, fame, lavoro, guerra, giornale, pace, sport,povertà, ricchezza, calcio, democrazia - ci si difende, ci si barcamena ma chi è ferrato o agguerrito con le parole rischia meno di esser preso in giro o turlupinato.. Inoltre non può avere dimestichezza con la pagina scritta, e stampata, e se non ha libri in casa né l'abitudine al libro, entra nell'opacità del postmoderno e del cattivo gusto, tutto fa brodo, il senso critico scema ai minimi livelli. Riflettevo su queste quisquilie nella banalità del bene, sui diritti del lettore di Daniel Pennac, uomo di scuola e scrittore di successo, di recente in Umbria. È il padre dell'immortale personaggio di Benjamin Malaussène, di professione "capro espiatorio", ciclo di libri grotteschi e feroci, specchio della realtà deformata ma con voglia di ridere. Ebbene, nel pamphlet su libro e su lettura ("Come un romanzo"), Pennac, nato a Casablanca da padre militare di carriera, all'anagrafe Daniel Pennacchioni, chiare origini còrse, stila, dicevo, una lista di come ci si difenda dal vizio impunito della lettura, di come ci si liberi da sensi di colpa, di come il lettore alla fin fine sia il sovrano, il dominus dell'oggetto libro, cartaceo o e.book. Dice Pennac: “L'uomo costruisce case perché è vivo ma scrive perché si sa mortale. Vive in gruppo perché è gregario ma legge perché si sa solo. La lettura è per lui una compagnia che non prende il posto di nessun altra, ma che nessuna potrebbe sostituire”. Passando al decalogo, il primo comandamento rivendica il diritto di non leggere. Si sa che un libro imposto annoia vedi a scuola “I Promessi Sposi” o la “Divina Commedia”. Seguono due sferzate: il diritto di saltare le pagine e quello di non finire il libro. I puristi già tremano di fronte all'oltraggio. Ma ha ragione Pennac. Non si può incatenare alla lettura, ma guai a bruciare i libri. Il lettore ha pure il diritto di rileggere, c'è chi ha letto non più di venti libri ma rileggendoli. Io ho letto trenta volte “Amleto”. Esiste il diritto di leggere qualunque cosa, il foglio pubblicitario coi saldi o l'elenco del telefono se non c'è di meglio, specie al gabinetto. Pennac salva il bovarismo, lo stato d'insoddisfazione spirituale, il desiderio d'evasione dal conformismo della vita borghese, con vaghe aspirazioni mondane, sentimentali e letterarie (il termine discende dal Flaubert di "Madame Bovary"). Un grande evasore dalla realtà, sognatore mezzo matto è Don Chisciotte con i libri di cavalleria. Seguono il diritto di leggere ovunque, che fa riflettere sulle sale d'aspetto o in bus dove la gente è impietrita dall' inattività. C'è il piacere sommo di spizzicare, di volare sul testo, avanti, indietro, sopra, sotto, in un andirivieni meraviglioso della fantasia e dell'immaginazione. Se poi c'è il diritto di leggere a voce alta, recitando a mo' di Lawrence Olivier o Vittorio Gassman, alla fine non si può tacere il diritto di tacere. Già l'aveva predicato Ludwig Wittgenstein nella riflessione 7, l'ultima, del "Tractatus logico-philosoficus": "Su ciò di cui non si può parlare, si deve tacere." Vallo a dire ai macilenti logorroici politicanti che infestano i tristi talk show, simbolo del nulla paludato di vuoto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC
Musica in lutto

Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC

E' morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista, compositore e cofondatore del gruppo rock AC/DC. A dare la notizia è stata la stessa band sulla sua pagina web ufficiale. Nato a Glasgow, in Scozia, nel 1953, aveva fondato il gruppo australiano con suo fratello Angus nel 1973 a Sydney. Tra i tanti successi della band "Highway to hell" e "Back in black", considerato il secondo album più venduto di ...

 
Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Napoli (askanews) - Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha presenziato, in piazza del Plebiscito a Napoli, alla cerimonia del giuramento di 90 nuovi allievi della scuola militare della Nunziatella in occasione dei 230 anni dalla fondazione della prestigiosa scuola militare, voluta dal Re Ferdinando IV di Borbone il 18 novembre del 1787. Erano presenti anche il ministro della Difesa, Roberta ...

 
Festa con tutte le comunità religiose

Terni Film Festival

Festa con tutte le comunità religiose

Dopo il gran finale di domenica 19 novembre, appendice del Terni Film Festival lunedì 20 novembre. L'ultima giornata della kermesse si apre alle 9 al Cityplex Politeama con ...

19.11.2017

Mamma mia! con gli Abba in italiano

Assisi

Mamma mia! con gli Abba in italiano

Al teatro Lyrick di Assisi il 21 e il 22 novembre (ore 21.15) ospiterà Mamma mia!, tra le più celebri commedie musicali degli anni 2000  con le mitiche canzoni degli Abba. A ...

18.11.2017

Assisi diventa città dei cori

Grandi festival nascono

Assisi diventa città dei cori

Al via la prima edizione di Cantico Assisi Choral Fest rassegna dedicata ai cori in programma dal 20 al 23 novembre ad Assisi. Oltre mille coristi si esibiranno per quattro ...

18.11.2017