L’Umbria è il paese che amo

11 settembre 2013

11.09.2013 - 13:59

0

La nostra terra non è lambita dal mare. Sai che scoperta! Intendo dire che nonostante questa mutilazione geografica - l'unica fra le regioni centromeridionali, in compagnia di Valle d'Aosta, Piemonte e Lombardia, il cui cielo è bello, quando è bello, però- l'Umbria è meravigliosa. Perché non lasciarsi andare a qualche lirico volo, anziché i soliti lai o discettare a vanvera su retroattività delle leggi o su decadenze (fossi Silvio Berlusconi - che avrà deliberato ieri la giunta delle elezioni? -mi dimetterei, fondando subito una vera grande destra italica ed europea e dando spazio a giovani agguerriti e onesti, nonché rimanendo alle spalle come un grande saggio o nella buca del suggeritore come s'usava una volta a teatro).
Ma si torni, di grazia all'Umbria, che è il fine di questo odierno pastone: parlare al volo delle sue bellezze di paesaggio; della sua arte che impregna di sé borghi e città di in una sorta di sinfonia di pietre, in un concerto di torri, merli, vicoli, chiese, pievi, abbazie, ponti, mura ciclopiche; dei suoi fiumi e dei suoi laghi; dei suoi musei e fontane, degli scavi archeologici, finanche dei suoi cimiteri. Certo, non tutto è conservato con la cura, spontanea, dei nostri antenati, che non dovevano combattere l'inquinamento atmosferico, l'avvelenamento dei fiumi, il rumore assordante, il dedalo di autostrade e superstrade, le tristi aree industriali che paiono sorte con un tiro di dadi, l'urbanizzazione sfrenata e le periferie rassegnate, il consumo divorante del territorio, la cementificazione a gogo, e così via così via.
La gente, pur vivendo una delle più infauste crisi sociali ed economiche della sua storia, ha voglia di bellezza, di gite fuori porta, di escursioni a panini e acqua minerale, ha bisogno di muoversi, vuole vedere, vuole dimenticare. Come spiegare altrimenti i battelli pieni a ogni ora che solcano le acque del lago Trasimeno, splendido di sole e di acque provvidamente scese dal cielo quando invocavamo tregua alle piogge che si sa bagnano i vestiti ma sono provvide per l'estate siccitosa. L'Umbria, poi, è terra di Benedetto e di Francesco, di Chiara e di Rita, plaga incantevole che si prepara festevolmente ad accogliere il Vicario di Cristo, semplice e spiccio nei modi, anticonformista come un figlio dei fiori di antica memoria. Ma non sarà facile prendersi gioco di lui, vigile e pauperista: già inventare gandhianamente, capitinianamente una giornata di digiuno per pregare la Pace universale di kantiano ricordo vale un Pontificato intero.
Se l'Umbria è invasa da turisti e da pellegrini, da escursionisti e da visitatori, lo deve a tante squisitezze storico- artistiche, a tante eccellenze enoelaio- gastronomiche da noi prodotte, tradizionali ricchezze che si tramandano nel tempo. Così profumati vini rossi e bianchi e rosati, oli extravergine puri e salubri, lenticchie di Castelluccio, fagiolina delT rasimeno, miele di Allerona,norcineria stagionata e al giusto grado salata e impepata, mortadella di Preci, zafferano di Cascia, roveja della Valnerina, tartufo nero di Norcia o bianco di Città di Castello e dintorni; e ancora la patata bianca di Pietralunga, quella rossa di Colfiorito, il pane di Strettura, i fichi d'Amelia, le pesche gialle di Papigno, le cipolle di Cannara, il sedano nero di Trevi, i formaggi - la Camera di commercio ha fatto compilare un libro d'imminente uscita sui formaggi umbri - il farro, la porchetta, la panzanella, la cicerchiata, i pesci del Trasimeno (luccio, carpa, persico, anguilla, latterini, tinche, gamberi), gli strozzapreti e le ciriole, gli essetti di Bevagna, la ciaramicola, il torcolo di san Costanzo, le torte di Pasqua, la crescia nelle varianti locali, i maccheroni dolci, emi fermo perché ho sparato a memoria, ma spero esistano altre squisitezze da imbandire per la gioia della gola.
È mattina presto e l'acquolina si scioglie in bocca; e mi sovvengono, da "Fisiologia del gusto" (1826), gli aforismi di Anthelme Brillat-Savarin, gastronomo e giudice: "Dimmi quel che mangi, ti dirò chi sei; gli animali si nutrono, l'uomo mangia, solo l'uomo di spirito sa mangiare; il destino delle nazioni dipende dal modo in cui si nutrono". In pieno 2013 muoiono di fame milioni di donne, uomini, bambini. E questo è il migliore dei mondi possibili!

Anton Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gli Usa si ritirano dal Consiglio per i diritti umani dell'Onu

Gli Usa si ritirano dal Consiglio per i diritti umani dell'Onu

New York, (askanews) - Gli Stati Uniti si sono ritirati dallo Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Lo ha annunciato l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite, Nikki Haley, sostenendo che l'organo delle Nazioni Unite "non ha più nulla a che vedere con il suo nome". Da giorni si parlava di una imminente uscita da parte di Washington: "Facciamo questo passo perché il nostro impegno ...

 
La magia di Incanto Quartet nel primo inedito "Tornerò da te"

La magia di Incanto Quartet nel primo inedito "Tornerò da te"

Roma, (askanews) - "Tornerò da te" è il nuovo singolo di Incanto Quartet, il primo inedito del quartetto di soprani italiani, formato da Rossella Ruini, Laura Celletti, Francesca Romana Tiddi, Claudia Coticelli, fino al 2013 chiamate DIVAS. Celletti, la soprano dai capelli corvini delle Incanto, ci ha raccontato: "Una canzone che parla di un amore ostacolato dalla distanza, è un amore molto ...

 
A Pozzallo la nave Diciotti con oltre 500 migranti a bordo

A Pozzallo la nave Diciotti con oltre 500 migranti a bordo

Roma, (askanews) - È arrivata al porto di Pozzallo la nave Diciotti della Guardia Costiera italiana con oltre 500 migranti recuperati in sette interventi di salvataggio nel Canale di Sicilia. Quattro persone che avevano bisogno di cure mediche urgenti sono state trasferite a Lampedusa. A bordo c'erano anche i 42 naufraghi salvati dalla nave militare Usa Trenton. I migranti sono stati recuperati ...

 
Proteste a Philadelphia, no ai bambini tolti a famiglie migranti

Proteste a Philadelphia, no ai bambini tolti a famiglie migranti

Roma, (askanews) - Grande manifestazione a Philadelphia contro la politica a "tolleranza zero" del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta provocando la separazione tra bambini e genitori che hanno attraversato il confine tra Messico e Stati Uniti senza documenti. Durante la protesta, tra cartelloni e slogan contro l'amministrazione Trump/Pence, sono state messe a terra decine di ...

 
Quattro ristoranti, in onda la puntata girata in Umbria

Televisione

Quattro ristoranti, in onda la puntata girata in Umbria

Con l’estate alle porte - da giovedì 21 giugno alle ore 21.15 su Sky Uno hd – arrivano le nuove puntate inedite di Alessandro Borghese 4 Ristoranti, la produzione originale ...

19.06.2018

Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Sfilata di moda in sala Podiani

Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Il 22 giugno alle 18.30 la Galleria Nazionale dell’Umbria accoglierà in sala Podiani la sfilata di moda a chiusura dell’anno scolastico dell’IID, l'Istituto italiano di ...

15.06.2018

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

festival della canzone italiana

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

Dopo un lungo corteggiamento, Claudio Baglioni ha accettato l’incarico di direttore artistico del Festival di Sanremo nel 2019. "Sono molto contento - ha commentato il ...

14.06.2018