Se il Cavaliere...

7 agosto 2013

07.08.2013 - 12:46

0

Non si gioisce per le sentenze di condanna. Una condanna è sempre triste. Anche se la si pensa in modo diametralmente opposto. Anzi, sono convinto che l'avversario leale sia l'ultimo che possa esser contento. Manon si può neppure, vivaddio, perché si è di parte, dichiarare coram populo, in tv, che il leader Berlusconi sia stato eliminato per via non democratica, "da cinque giudici non eletti dal popolo che hanno superato un concorso con un compitino".
E no! Qui si sta barando, smaccatamente. I cinque giudici non son certo, lo raffigura a oltranza il loro aspetto da senatores romani, quelli dei tempi di Cicerone, dei rivoluzionari o toghe rosse. Potranno poter avere sbagliato, non sia mai!, ma in buona fede. Il dato certo è che la sentenza definitiva, giusta fino a prova in contrario, è un vulnus che colpisce l'Italia innocente, quella dell'operaioa 1.100 euro al mese, l'insegnante a 1.300, il pensionato a 800. Magari quest'ultimo rovista tra i resti e gli scarti della frutta e della verdura al mercato.
Giusta anche la reazione dei fans di Silvio Berlusconi, ci mancherebbe, ma con moderazione, perché le sentenze, in un Paese che è di diritto nonostante, si rispettano. Dura lex sed lex, impartivano i nostri antenati della latinità, anche se aggiungevano, nella loro saggezza, summun jus summa iniuria. Ma in Italia vige perfino un terzo grado di giudizio, la Cassazione, che si cimenta nel Palazzaccio progettato dal perugino Guglielmo Calderini, senza laurea in architettura perché si usciva, quando andava bene, dall'Accademia di Belle Arti (questo non c'entra, ma Giovenale è il mago della citazione e del rinvio, mi si dice).
Tornando a Berlusconi, Giovenale si meraviglia di come un uomo a suo modo un genio, che si è costruito la fama e il patrimonio di vincente su tutta la linea (giornalistico- televisiva, edilizia, calcistica, finanziaria) si sia potuto cacciare nel cuore di un vespaio o nel nodo di vipere di inchieste giudiziarie sempre tese a rilevare, penalmente, e anche civilmente sotto forma di risarcimenti milionari, scorrettezze, manipolazioni, corruzione di giudici con mazzette, trucchi e capitali in paradisi fiscali, nottate sibaritiche, denunce morali e sanitarie della seconda moglie, divorzi, perfino una fidanzata più giovane di cinquanta anni "innamorata" di un barboncino bianco di nome Dudù.
Sembra che io stia facendo dell'ironia, ma non è così, sono veramente, tenacemente dispiaciuto per Silvio Berlusconi, mi sono illuso, allora, pur non votandolo, che un vincente, un tycoon illuminato potesse rivoltare l'Italia come un calzino, e invece niente. Pur disponendo di maggioranze parlamentari mai viste, nessuna riforma strutturale è stata compiuta, tutte missioni impossibili. A cominciare la tanto agognata riforma della giustizia, con processi lenti come mammut e farraginosi, con ministri che fingevano con lanciafiamme di bruciare le migliaia di norme invecchiate, e intanto la burocrazia impera nella sua stupenda stupidità.

Berlusconi, come tutti i Narcisi, come tutti quelli innamorati di se stessi, non si è circondato di tecnici, ma di cortigiani, non di assistenti ma di signorine avvenenti, e non ha mai, con la complicità bolsa della cosiddetta sinistra, risolto il conflitto d'interessi, la madre di tutte le sue sventure. Ecco perché il titolo di questo pezzo si apre con una vistosa congiunzione, secondo cui con i "se" non si fa la historia. Però, se non avesse proposto Cesare Previti a ministro della giustizia, se non si fosse servito di avvocati parlamentari incapaci, se non avesse insultato sistematicamente la magistratura tutta, quella buona e quella così così, se... se... sarebbe stato un premier, e non un condannato in via definitiva. Sono triste per l'Italia, e anche per lui medesimo.
Di una sentenza di condanna non si deve, non si può gioire. Però Berlusconi dovrebbe disfarsi di alcune persone che ha intorno e magari ascoltare Giuliano Urbani, Antonio Martino, Carlo Scognamiglio, perfino Giulio Tremonti. Fare il leader-ombra di un partito organizzato, onesto, fatto di persone si specchiata virtù. Dovrebbe seguirlo finanche la sinistra... Il giorno dopo: se non posso, non voglio, non devo gioire, sono triste per l'Italia. Ah! Se Berlusconi...

Anton Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC
Musica in lutto

Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC

E' morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista, compositore e cofondatore del gruppo rock AC/DC. A dare la notizia è stata la stessa band sulla sua pagina web ufficiale. Nato a Glasgow, in Scozia, nel 1953, aveva fondato il gruppo australiano con suo fratello Angus nel 1973 a Sydney. Tra i tanti successi della band "Highway to hell" e "Back in black", considerato il secondo album più venduto di ...

 
Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Napoli (askanews) - Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha presenziato, in piazza del Plebiscito a Napoli, alla cerimonia del giuramento di 90 nuovi allievi della scuola militare della Nunziatella in occasione dei 230 anni dalla fondazione della prestigiosa scuola militare, voluta dal Re Ferdinando IV di Borbone il 18 novembre del 1787. Erano presenti anche il ministro della Difesa, Roberta ...

 
Mamma mia! con gli Abba in italiano

Assisi

Mamma mia! con gli Abba in italiano

Al teatro Lyrick di Assisi il 21 e il 22 novembre (ore 21.15) ospiterà Mamma mia!, tra le più celebri commedie musicali degli anni 2000  con le mitiche canzoni degli Abba. A ...

18.11.2017

Assisi diventa città dei cori

Grandi festival nascono

Assisi diventa città dei cori

Al via la prima edizione di Cantico Assisi Choral Fest rassegna dedicata ai cori in programma dal 20 al 23 novembre ad Assisi. Oltre mille coristi si esibiranno per quattro ...

18.11.2017

Gran finale all'insegna dell'India

Festival Popoli e Religioni

Gran finale all'insegna dell'India

E' tutto pronto per il gran finale della tredicesima edizione di Popoli e Religioni-Terni Film Festival con una giornata interamente dedicata all'India. La giornata si aprirà ...

18.11.2017