Acque amare a Bevagna

3 luglio 2013

03.07.2013 - 17:02

0

In extenso, i fiumi dell’Umbria. Chiare fresche dolci acque, addio? Addio Francesco Petrarca, addio Santo Francesco e il tuo serafico ecologico “sor’acqua utile et umele et pretiosa et casta”? Senza sorgenti, là dove un rigagnolo di acqua pura a goccia a goccia scendendo a valle si fa torrente impetuoso e quindi fiume maestoso, non esisterebbe vita, almeno quel che noi egoisti civilizzati opulenti intendiamo, fra sprechi e disordine morale. L’Umbria, si dice, è ricca di acque. Gronda acqua. Due laghi naturali (Trasimeno e Piediluco) e due artificiali (Corbara e Alviano), decine di zone umido-paludose (fra cui Colfiorito), dieci acque minerali in brutte acque, decine di fiumi storici a cominciare dal Tevere che sgorga dal Monte Fumaiolo (per volontà di Mussolini posto nella sua terra forlivese). Gli affluenti umbri, questa rete ramificata che intreccia i corsi d’acqua facendoli alla fine confluire in fiumi di più ampia portata, secondo un sistema idrologico simile a vene e arterie, sono una quarantina, e pro memoria ne elenco i maggiori: Assino, Chiani, Chiascio, Clitunno, Corno, Fersinone, Genna, Marroggia, Menotre, Naia, Nera, Nestore,Paglia,Rasina,Tescio, Timia- Teverone, Topino. E qual è il loro stato di salute?
La competenza è della Regione e dei Consorzi di Bonifica, non sempre dotati di mezzi e di efficienza, il controllo è dell’Arpa che monitora in funzione degli obiettivi di qualità ambientale. Poi ci sarebbero i carabinieri, i vigili urbani, i forestali, la polizia provinciale… Posso aver saltato qualche passaggio di sua maestà la burocrazia,ma il quadro e la cornice son questi qui. Tema di questo Giovenale è la lotta che cittadini di Bevagna, costituitisi in Comitato per la difesa dell’acqua e dell’aria, vanno conducendo da tre anni spontaneamente con raccoltadi firme e di suggerimenti, decisi a dire la loro parola sulla salute e sulla qualità della vita.
I problemi dei fiumi sono molti e molteplici. Si va dagli scarichi abusivi nei fossi e negli alveoli di reflui industriali alle discariche pirata di solidi urbani lasciati dovunque da ‘cittadini’ selvaggi, da manufatti idraulici costosi rivelatisi inutili o dannosi come piccole dighe o canali, dai pozzi inquinati alla morìa di pesci, dai fanghi profondi all’aria insalubre su cui mai è stata fatta chiarezza con esami seri per finire alle stazioni di prelievo ’posizionate’ in punti non congrui o volutamente strumentali.
Inoltre occorrerebbe, ma siamo nella terra dove nacque il diritto e dove fioriscono i limoni, obbligare, con salatissime sanzioni, perfino penali, chi non cura i propri terreni, chi trascura i fossi e non pratica le micro-bonifiche poderali, eccetera eccetera.
Insomma, i cittadini protestano civilmente e scientificamente e domandano dialogo e trasparenza. Giovenale è di Bevagna ed è dunque portatore di un sesquipedale conflitto d’interesse, ma al cuore non si comanda come diceva Renato Caccioppoli, protagonista di “Morte di un matematico napoletano”, per dire che la ragione ha le sue ragioni che la ragione non conosce. Male richieste di una piccola parte di umbri possono essere dilatate, credo, ad altre plaghe della nostra terra impareggiabile, che ambisce a diventare capitale europea della cultura, che non vuol dire solo il Dante Alighieri o il Michelangelo che non si possono mettere dentro una pagnottella per cancellare la fame, ma anche avere non solo i conti pubblici ma pure il territorio in ordine. Quel che m’impressiona,  l’ho già scritto e detto, voce di uno che non conta un tubo, è il consumo delle nostre superfici, i campi rubati all’agricoltura, la ridda da gironi infernali di centri e snodi stradali, le zone industriali brutte e disordinate, sparse à pois, disegnate da geometri alticci, le villette single o a schiera costruite sui colli, tinteggiate con criminale uso del ‘pantone’, e i centri storici desertificati e le città musei per dinosauri. Non città-museo ma musei-città. Quel che capita al Colosseo o a Pompei (ma chi è il ministro dei beni culturali?) sta lì come monumento alla vergogna patria.
Giovenale, giunto al fin della tenzone si augura che l’azione di salvaguardia delle acque e dell’aria veda insieme, stretti in un’unione sacra, in un patto d’acciaio, i Comuni della Valle Umbra (nihil vidi jucundius vallemea spoletana): Foligno,Trevi, Spoleto, Montefalco, Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi, e ci metto anche Spello. Città antichissime, pietre e storia, terra e acqua e aria. Se l’Umbria non è questo, che abbiamo combattuto a fare? Perché lottare? Meglio allora spegnere la luce o, come diceva il matto di Re Lear, andare a letto a mezzogiorno.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
Aquarius, medico MSF a bordo: da Italia politica inumana, indegna

Aquarius, medico MSF a bordo: da Italia politica inumana, indegna

Valencia, (askanews) - Una politica "disumana, indegna" quella messa in atto dall'Italia di respingere i migranti a bordo della nave Aquarius. Parla Aloys Vimard, project coordinator di Medici Senza Frontiere, a capo dell'équipe medica sull'Aquarius: "La decisione dell'Italia rappresenta il livello della politica europea. Sfortunatamente è un passo in più di una politica disumana, indegna e che ...

 
Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Sfilata di moda in sala Podiani

Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Il 22 giugno alle 18.30 la Galleria Nazionale dell’Umbria accoglierà in sala Podiani la sfilata di moda a chiusura dell’anno scolastico dell’IID, l'Istituto italiano di ...

15.06.2018

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

festival della canzone italiana

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

Dopo un lungo corteggiamento, Claudio Baglioni ha accettato l’incarico di direttore artistico del Festival di Sanremo nel 2019. "Sono molto contento - ha commentato il ...

14.06.2018

Il grande ritorno, tutti i nomi di punta

L'Umbria che spacca

Il grande ritorno, tutti i nomi di punta

Torna L'Umbria che spacca. Concerti in tre palchi, uno per il talk, workshops food & beverage nostrano, performance di danza moderna e street-art, tutto in pieno centro ...

13.06.2018