2019. Fuga in Europa

19 giugno 2013

19.06.2013 - 15:54

0

Confesso che ammiro di cuore la cara collega Anna Lia Sabelli Fioretti. Dalla sua puntigliosa cronaca sulla candidatura europea 2019 dell'asse Perugiassisi, mostra di aver capito. Almeno l'essenziale. Io, un po' distratto dall'affabulazione teatrale, un mix di Fo e di Sgarbi, con un pizzico di Crozza, del direttore artistico, mi son lasciato trasportare, perché è dolce naufragar nel mare dell'immaginazione, in una mia Umbria da decenni sognata e mai raggiunta; forse per la ragione balzana che mi piacerebbe tuffarmi nel Clitumno non dico di Carducci ma di Properzio. Sì, sto scherzando, uno non s'è incollato invano sul petto la griffe di Giovenale, se non avesse voglia di tanto in tanto di dissacrare, magari punto dal peccato dell'invidia, o dalla consapevolezza granitica ma pur tenera di non contare un'ette, ignorato dallo chef come uno sguattero in cucina.
Unica consolazione, pensare che Michelangelo mangiava non al desco del Papa ma coi servi. E che Niccolò Machiavelli, dismessi i broccati indossati nello studiolo in compagnia di Seneca e di Plutarco, al crepuscolo vestiva panni brutali e scendeva in osteria a giocare alla morra o alle carte, imprecando e bevendo boccali di vino in mezzo a stallieri e a ciabattini, a maniscalchi e a contadini. Sì sto scherzando. Male che vada, l'avventura prima spirituale che pratica della candidatura, varrà ad avere indagato sulla realtà antropologica, storica, sociologica e culturale dell'Umbria, e non solo della plaga capoluogo- città serafica, ossia il nucleo geografico ed etico che catalizzerà e renderà visibili fatti, concretezze, reti, infrastrutture, eventi, effimero, idee e progetti. E sogni.
Leggo che mancano 100 giorni, una ricorrenza che i soldati di leva festeggiavano, perché il più era fatto, e ne sa qualcosa un certo Napoleone, un còrso geniale e baciato fino in fondo della vita dalla fortuna, se avesse smesso di combattere ad Austerlitz, e invece subì il cupio dissolvi di Waterloo, con gli dèi e il caso contro. Per la nostra amata Heimat, piccola patria di 900mila abitanti, la vittoria sarà una manna, ma secondo me più in termini morali che effettivi, pur se non ignoro i vantaggi: turisti di qualità, ritorni economici, consolidamento del brand, realizzazioni di idee progettuali quale il recupero dell'infame spazio, liberato da luogo di pena, del carcere di Piazza Partigiani a centro di bellezza. Certo, solo i giovani possono permettersi la speranza e il futuro.
Anche se i giorni nostri sono oscuri, incerti, inerti, offensivi, e mentre si va cianciando di libertà al singolare o di libertà al plurale ci si dimentica che la prima di esse è quella dal bisogno, per affermare la dignità della persona umana. 2019. Le date a venire hanno sempre, grazie alla letteratura o al cinema, dunque alla cultura, un che di angoscioso, mentre il 1789 o il 1861 ci aprirono orizzonti di civiltà. 1984 di Orwell o 2001 di Kubrick o Fahrenheit 451 di Bradbury- Truffault ci hanno angosciato o divertito, fatto riflettere o atterrito, l'occhio al domani magari in balia di forze e di poteri forti. Ma il 2019 umbro, godendo del silenzio verde del paesaggio storico, dell'assistenza dall'alto di Francesco d'Assisi e di san Benedetto da Norcia, patrono d'Europa, e di molte strepitose e variegate risorse (tre laghi, Alberto Burri e Sandro Penna, Perugino e Pintoricchio, Aldo Capitini, vino, olio, tartufo, zafferano, festival, santa Rita da Cascia e cento e cento sante e beate, 140 musei e 110 biblioteche, 40 teatri...), della lungimiranza degli Umbri e dell'intelligenza dei superesperti coloniali ingaggiati nella lotta contro il tempo che urge; il 2019 umbro, ardisco affermare, pur dal mio splendido isolamento, avrà il sapore di un ritorno al glorioso passato dentro la modernità più tornita e tecnologica. Male che vada le idee partorite saranno non un'utopia ma un prova di serena e severa maturità. E di agguerrita innovazione. Chi vivrà vedrà. Ma no! Calma e gesso! L'Europa l'abbiamo in saccoccia. Parola di Giovenale. Però, a voler essere onesto fino in fondo, come scrive il grande poeta Paul Valéry nel primo dei suoi sterminati "Quaderni", non sempre sono della mia opinione.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Strasburgo si gioca il futuro politico di Berlusconi

A Strasburgo si gioca il futuro politico di Berlusconi

Roma, (askanews) - A decidere il futuro di Silvio Berlusconi in politica sarà la corte Europea dei diritti umani, deliberando sul ricorso presentato dall'ex Cavaliere contro l'applicazione della legge Severino, che rende il leader di Forza Italia incandidabile. La sentenza della Grande Camera della Corte potrebbe arrivare anche mesi dopo l'unica udienza prevista, del 22 novembre. Ma è cruciale ...

 
Primo sciopero in 15 anni per dipendenti Carige: no agli esuberi

Primo sciopero in 15 anni per dipendenti Carige: no agli esuberi

Genova, (askanews) - Centinaia di lavoratori di Banca Carige sono scesi in piazza a Genova per protestare contro i mille esuberi annunciati dall'istituto di credito ligure che sta vivendo delle giornate particolarmente difficili in attesa dell'aumento di capitale da 560 milioni di euro che scatterà il 22 novembre. A confermare lo sciopero, il primo da 15 anni per i dipendenti Carige, è stata solo ...

 
Archibugi: "Gli sdraiati", rapporto padre figlio senza retorica

Archibugi: "Gli sdraiati", rapporto padre figlio senza retorica

Roma, (askanews) - C'è il rapporto complicato e conflittuale tra un padre e un figlio al centro del nuovo film di Francesca Archibugi "Gli sdraiati", tratto dal romanzo di Michele Serra, nei cinema dal 23 novembre. Claudio Bisio interpreta un giornalista di successo che vive e soprattutto cerca un dialogo con il figlio Tito, adolescente pigro e irriverente sempre circondato dalla sua banda di ...

 
Melissa e Cyrille, musica al femminile

Jazz Club Perugia

Melissa e Cyrille, musica al femminile

Melissa Aldana e Cyrille Aimée saranno concerti al femminile al Jazz Club Perugia. La sassofonista cilena, con il suo quartetto, suonerà nella Sala Raffaello dell’hotel ...

21.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

Spoleto

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

E’ gia atmosfera natalizia a Spoleto grazie a Don Matteo. Tra luminarie, giochi di luce e una grande slitta che ha fatto capolino lunedì 20 novembre in corso Garibaldi dove ...

20.11.2017