Sangue a Palazzo

30 aprile 2013

30.04.2013 - 13:33

0

 Scrivo ieri di mattina presto e la fiducia è nel pomeriggio. Spero che la fiducia sia ampia e solida, e accantono le diatribe su chi abbia vinto (Berlusconi), perché è ora di suonare le chiarine della festa e dire basta alle campane a morto. Scriveva Carducci: "Squillarono le trombe a parlamento". Ma il sangue versato, sangue di popolo è una variabile impazzita di una società che fin qui ha troppo urlato e poco dialogato, osannando l'eterna divisione in fazioni e in bande. Con lessico incauto spesso ("i politici sono morti che camminano"). Che la pacificazione e la riconciliazione, ottenute con il collo storto da entrambe le forze egemoni in campo, siano dunque durature, almeno per un paio d'anni di quiete, permettendo poi all'eroico Giorgio Napolitano di godersi i novanta genetliaci ad ascoltare musica e a leggere libri, a guardare film e pascersi di paesaggi, circondato dall'amore della signora Clio e di figli e nipoti, e soprattutto dall'affetto riconoscente degli italiani.
Se non tutti, innumeri legioni.
Mentre un ministero 'giovane e femminile, e di colore' (strepitose le facce di Cécile Kyenge - Lega permettendo - e di Emma Bonino, fatto di persone normali e non più di babbioni invecchiatisi sugli scranni del Parlamento, sta per varare in una navigazione d'alto mare la squassata ma robusta nave Italia, tuttavia sarà bene, dalla compagine di Letta, tenere slegate le campane a martello, perché i pericoli non sono morti. Anzi. Insomma, questo governo che nasce dopo due mesi angosciosi e caotici, di veti e contro veti, di veleni e di insulti, di commenti inconsulti, dovrà rapidamente, da subito, con decisione, affrontare alcuni lancinanti problemi, che anche in Umbria si avvertono con ferocia, con disagio, davanti a famiglie allo stremo, carrelli della spesa sempre più vuoti, sogni uccisi appena nati, se mai sognati in notti da incubo. Però, compagni, amici, camerati, cittadini, gente, popol mio!, vogliamo non addossare tutte le colpe e tutti i delitti ai politici, anche perché i più sono sotto il carapace dell'indifferenza, o sotto la bandiera dell'arraffa arraffa!
Moderni, no! Postmoderni pirati della fiducia pubblica. Mala vogliamo smettere di inserire nelle note spese gli euro della gomma da masticare o i pannoloni della nonna? Giovenale propone: Chi intende fare il consigliere avrà un'indennità "tot" onnicomprensiva. Stop. Si arrangi, magari con 8.000 euro al mese a fronte di pensioni di 500. Si sappia che un maresciallo maggiore con 30 anni di servizio e tre figli a carico, guadagna 2.100 euro. Che rischi la vita tutti i giorni sono affari suoi. Il governo Letta dovrà risolvere il problema della cassa integrazione e quello degli esodati, pagare i debiti dello Stato alle imprese, eliminare il rimborso ai partiti o ridurlo all'essenziale, assistere le famiglie in difficoltà, rilanciare l'economia. Il Parlamento dovrà realizzare il Senato delle Autonomie, cancellare le Province, accorpare nei servizi i Comuni piccolissimi, combattere evasione ed elusione fiscale, ridurre i parlamentari, risolvere il problema delle carceri e gli sprechi nella sanità, sostenere ricerca e scuola e territorio e fonti rinnovabili. È una parola! Ma si vuole almeno cominciare? E se provassimo a fare dei mea culpa e non il lagno addossando tutte le nefandezze sugli altri? Non voglio più ascoltare espressioni come abbassare i toni, ognuno si assuma le proprie responsabilità, e mai: basta a ruberie e scandali, basta a consorterie e abusi, non più offensive ostentazioni di potere e di scorte consentite da stupidi ma onerosi status symbol. Dirò una cosa ovvia, o una cattiveria; ma questo calabrese disperato anziché sparare a bruciapelo su due carabinieri non poteva sparacchiare contro un'auto blu? Vuota, s'intende! Ora tutti con scorta e macchine blindate. E gli stracci volano in aria. O, come nel verso di Eugenio Montale, "noi della razza di chi rimane a terra".

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017