Papa Francesco e il Tycoon di Francia

26 marzo 2013

26.03.2013 - 16:31

0

Nelle "Amoenitates Belgicæ", il sommo Charles Baudelaire ai Belgi non gliele manda mica a dire. A una fanciulla scrive che ha il tanfo d'un fiorellino ammuffito li definisce stupidi, ladri e furbi patentati, che parlano perdipiù un francese ridicolo; poi ci va giù duro: sull'inviolabilità del Belgio dice che "sì, toccarlo sarebbe un po' azzardato/ come impugnare sarebbe un bastone smerdato". Ci penserà Adolf Hitler a violarne i confini. Il pensiero del poeta è tuttora condiviso dalla pluralità dei Francesi, e anche noi Italiani in genere li consideriamo né carme né pesce, un po' scialbi ma con un passato coloniale feroce. Oggi, però, dopo il rifiuto di concedere la cittadinanza al tycoon o magnate Bernard Arnault, l'uomo più ricco d'Europa, i Belgi mi stanno simpatici.
Perché hanno capito che miliardario vuole sfuggire alla patrimoniale di Hollande, nell'illusione di non dover morire. I matrimoni d'interesse non mi sono mai piaciuti, antepongono all'amore il denaro o il potere, o entrambi insieme. Quale abissale differenza con il prete venuto quasi dalla fine del mondo, italo-argentino di prima generazione, un cardinale che andava in metropolitana e faceva la carità per davvero, simbolo di un grande popolo e di una grande nazione. Pensandoci, gli si attaglia, a questo meraviglioso prodotto della fede, della speranza, della misericordia, la sintesi fulminante con la quale Manuel Vázquez Montalbán, nel "Quintetto di Buenos Aires" definisce la capitale sul Rio de la Plata: "Tango, desaparecidos, Maradona". In effetti, come narrano le cronache di questi fausti giorni, Jorge Mario Bergoglio confessa di non disdegnare il ballo "peccaminoso" e sensuale che tutto il mondo apprezza.
Quanto al futból, è un acceso tifoso, non delle due più grandi e premiatissime compagini bonaerensi, il River Plate e il Boca Juniors, ma del San Lorenzo de Almagro, soltanto un'ottima squadra, con "camiseta" a strisce rossoblu. Ecco spiegato il riferimento al Diego Armando, genio e sregolatezza che illuminò di giocate sopraffine gli stadi della terra. Quanto alla dittatura militare 1978-1983, mostruosa e crudele all'insegna della tortura e dei rapimenti di bambini da dare in adozione ai ras della nomenklatura, papa Bergoglio è immune da compromissioni al 100 percento e da omissioni al novanta, rilevo dopo un'indagine internet. Ma il suo capolavoro, rivoluzionario e poetico, evangelico e popolare, popolano e progressista è essersi battezzato Francesco, iscrivendosi all'anagrafe della Storia. Grazie, Pontefice venuto dal Nuovo Mondo a dissodare la anche la vecchia Europa piena di crepe e la povera Italia massacrata dai tanti magnati dell'egoismo crudo.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017