Il Papa e il Tycoon di Francia

19 marzo 2013

19.03.2013 - 13:06

0

Nelle “Amoenitates Belgicæ”, il sommo Charles Baudelaire ai Belgi non gliele manda mica a dire. A una fanciulla scrive che ha il tanfo d’un fiorellino ammuffito, li definisce stupidi, ladri e furbi patentati che parlano perdipiù un francese ridicolo; poi ci va giù duro: sull’inviolabilità del Belgio dice che "sì, toccarlo sarebbe un po' azzardato/ come impugnare sarebbe un bastone smerdato”. Ci penserà Adolf Hitler a violarne i confini. Il pensiero del poeta è tuttora condiviso dalla pluralità dei francesi, e anche noi italiani in genere li consideriamo né carme né pesce, un po’ scialbi ma con un passato coloniale feroce. Oggi, però, dopo il rifiuto di concedere la cittadinanza al tycoon o magnate Bernard Arnault, l’uomo più ricco d’Europa, i belgi mi stanno simpatici. Perché hanno capito che il miliardario vuole sfuggire alla patrimoniale di Hollande, nell’illusione di non dover morire.
I matrimoni d’interesse non mi sono mai piaciuti, antepongono all’amore il denaro o il potere, o entrambi insieme. Quale abissale differenza con il prete venuto quasi dalla fine del mondo, italo-argentino di prima generazione, un cardinale che andava in metropolitana e faceva la carità per davvero, simbolo di un grande popolo e di una grande nazione. Pensandoci, gli si attaglia, a questo meraviglioso prodotto della fede, della speranza, della misericordia, la sintesi fulminante con la quale Manuel Vázquez Montalbán, nel “Quintetto di Buenos Aires” definisce la capitale sul Rio de la Plata: “Tango, desaparecidos, Maradona”. In effetti, come narrano le cronache di questi fausti giorni, JorgeMario Bergoglio confessa di non disdegnare il ballo "peccaminoso" e sensuale che tutto il mondo apprezza. Quanto al futból, è un acceso tifoso, non delle due più grandi e premiatissime compagini bonaerensi, il River Plate e il Boca Juniors,ma del San Lorenzo de Almagro, soltanto un ottima squadra, con “camiseta” a strisce rossoblu. Ecco spiegato il riferimento al Diego Armando, genio e sregolatezza che illuminò di giocate sopraffine gli stadi della terra. Quanto alla dittatura militare 1978-1983, mostruosa e crudele all’insegna della tortura e dei rapimenti di bambini da dare in adozione ai ras della nomenklatura, papa Bergoglio è immune da compromissioni al 100 percento e da omissioni al novanta, rilevo dopo un'indagine internet. Ma il suo capolavoro, rivoluzionario e poetico, evangelico e popolare, popolano e progressista è essersi battezzato Francesco, iscrivendosi all’anagrafe della storia. Grazie,Pontefice venuto dal Nuovo Mondo a dissodare anche la vecchia Europa piena di crepe e la povera Italia massacrata dai tanti magnati dell’egoismo crudo.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

"Il gelato dopo il mare" e le cose da Custodire per Renzo Rubino

"Il gelato dopo il mare" e le cose da Custodire per Renzo Rubino

Roma, (askanews) - Un gran bel ritorno quello di Renzo Rubino sul palco dell'Ariston con il brano intimo "Custodire", prodotto da Giuliano Sangiorgi. "Tratta il tema della separazione dei genitori e quindi mi sono inventato questo dialogo immaginario tra mio padre e mia madre", ha spiegato Rubino in un'intervista ad askanews. Della sua terza partecipazione a Sanremo - nel 2014 con il brano "Ora" ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018