San Francesco è vivo!

8 gennaio 2013

08.01.2013 - 09:40

0

Gérad Depardieu crede di esserlo; nonostante il suo cognome contenga la parola Dio (o la sua partenza?). Francesco, o un suo perfetto Alighiero Noschese lo si trova in Assisi, oggi, anno di grazia 2013 appena cominciato. “Ma tu sei un nuovo Poverello!”, esclama, vedendolo, incontrandolo, il pellegrino o anche il turista non trinariciuto, salito a ristorare l’anima in questa città serafica che ha fatto un maquillage robusto di Medioevo postumo, ma dove alita, in certi mattini o stagioni, un che d’ineffabile, di miracolosamente inafferrabile. O insensata cura de' mortali!”, innalza Dante nell'XI del Paradiso; tutti rivolti come siete a “in basso batter l’ali”, senza volare sopra la melma della carnalità e della voracità. Mentre il grande e grosso attore francese va a piangere sulla spalla di Putin, pur di non darla vinta all’avido e occhiuto Hollande, c’è ancora, scusate il verbo, chi se ne fotte di andare "dietro a iura" o per amforismi", ma soprattutto chi spende tutto il proprio ingegno per ottenere e mantenere con l’inganno il potere o addirittura per “rubare”.Ochi, “nel diletto della carne involto”, vive di orge e di orgettine.
Dante è sempre attuale; più ne leggi e ne gusti le “Cantiche”, più ti appare come un sociologo o un satirico del terzo millennio, un pedagogo al quale affidare l’educazione e l’anima, e un fidato compagno di strada. Obelixno, che cosa può insegnare alle giovani generazioni? Che, dopo aver perso drammaticamente un figlio, si rifugia non nella carità ma nel materialismo (astorico) più bieco? Il Francesco odierno, che puoi incontrare la sera sotto il porticato della Basilica di Assisi, elevata per ospitare i pellegrini e i penitenti, i polpacci e i piedi viola dal freddo perché scalzo - Francesco, dice, andava scalzo, solo dopo la ricezione delle Sacre Stimmate, Santa Chiara lo obbligò a infilare delle pianelle -, e vestito di un sacco di iuta con cappuccio, non ha bisogno di fuggire dalla Patria per pagare meno imposte, non sa nemmeno che cosa siano, non conosce né iva, né spread, ignora fiscal cliff e iban, pin, codice fiscale… Sa che cosa sono gli euro quando tu gliene offri dieci per un opuscolo nel quale racconta la sua storia, la vita di chi si esilia dal mondo pur rimanendovi dentro, aspirando non a cambiarlo ma a viverci, spontaneamente, inconsciamente come esempio vivente. Ne ignoravo l’esistenza fino a qualche giorno fa, quando Assisi, la terra di chi il Presepio lo inventò nella notte di Natale del 1222, richiama come “spiritual magia”. Qui lo incontro e dice: “Il Santo non sono degno neppure di nominarlo; se sono qui è per testimoniare che il mondo è malato e si può guarire, con l'amore, anzi si deve”. Parlando, mi domanda chi io sia, rispondo che sono un cronista, allora il fraticello laico coperto di stracci e di barba lanosa e dalle gambe livide, mi confida che anche suo padre era un giornalista e scrittore. Ne domando il nome: “Alberto Coppo”. Esclamo di averlo conosciuto bene, ma guarda il caso! No, è la Provvidenza, sussurra, la luce negli occhi azzurri che sfidano il gelo e il buio. Alberto Coppo! Il suo “Fuori verde” vinse nel 1957 il Prix Européen di Ginevra per romanzi inediti. Questo l’incipit di una bella storia contadina ambientata nelle campagne di Terni: “Pietruccio Painu e Marietta del Pecoraro la sera delle Ceneri s’erano incontrati alla Misericordia. Erano venuti su con passo allegro salutando a gran voce..." Il poverello del gennaio 2013, suo figlio, si chiama Massimo, ha una sessantina di anni, ha diplomi di master frequentati negli Stati Uniti, ha una laurea in agraria da 110 e lode a Perugia. Ora Massimo (Coppo) se ne va scalzo per le strade dell’Umbria - ne son certo più felice di Depardieu e di Putin -, con la sacca e il bastone, in perfetta letizia, sulle tracce di chi sposò Madonna Povertà.
Davvero Giovenale non poteva cominciare meglio questo nuovo anno.

Carlo Antonio Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
Aquarius, medico MSF a bordo: da Italia politica inumana, indegna

Aquarius, medico MSF a bordo: da Italia politica inumana, indegna

Valencia, (askanews) - Una politica "disumana, indegna" quella messa in atto dall'Italia di respingere i migranti a bordo della nave Aquarius. Parla Aloys Vimard, project coordinator di Medici Senza Frontiere, a capo dell'équipe medica sull'Aquarius: "La decisione dell'Italia rappresenta il livello della politica europea. Sfortunatamente è un passo in più di una politica disumana, indegna e che ...

 
Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Sfilata di moda in sala Podiani

Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Il 22 giugno alle 18.30 la Galleria Nazionale dell’Umbria accoglierà in sala Podiani la sfilata di moda a chiusura dell’anno scolastico dell’IID, l'Istituto italiano di ...

15.06.2018

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

festival della canzone italiana

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

Dopo un lungo corteggiamento, Claudio Baglioni ha accettato l’incarico di direttore artistico del Festival di Sanremo nel 2019. "Sono molto contento - ha commentato il ...

14.06.2018

Il grande ritorno, tutti i nomi di punta

L'Umbria che spacca

Il grande ritorno, tutti i nomi di punta

Torna L'Umbria che spacca. Concerti in tre palchi, uno per il talk, workshops food & beverage nostrano, performance di danza moderna e street-art, tutto in pieno centro ...

13.06.2018