Pannella digiuna per i carcerati

18 dicembre

18.12.2012 - 10:04

0

Ho sempre pensato che uno dei gradi di civiltà vera, da ascriversi al patrimonio morale di una Nazione, risieda sul come essa tratti i cittadini che delinquono o tralignano. La nostra bella e civilissima Costituzione dedica alla pena e alla carcerazione l'articolo 27 che credo faccia bene alla memoria dei cittadini probi o fortunosamente fortunati trascrivere interamente: "La responsabilità penale è personale. - L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. - Le pene non possono consistere in maltrattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. - Non è ammessa la pena di morte".
Quattro commi di una chiarezza cartesiana, cristallina come acqua di fonte. Eppure esiste in Italia la tortura. E contro questa crudeltà si batte con la sola arma che possiede Marco Pannella, ottantaduenne ultimo monumentale difensore dei diritti civili, da quarant'anni sulla breccia, al suo centesimo digiuno della fame e della sete. Da sei giorni non mangia, soprattutto non beve liquidi. La sua salute rischia; questo eroe, a volte discutibile, rischia la vita.
E in un paese di festini a luci rosse e di rimborsi con denaro pubblico per spese come cene, taxi, francobolli, costosi gadget e tutto à go go, in barba alla gente minuta con pensioni da ottocento euro mensili, che spesso raccatta cibi ai mercati generali o addirittura nei cassonetti,Pannella mi ricorda, sia pure in sedicesimo, Francesco d'Assisi o, in campo laico, Aldo Capitini, Piero Calamandrei, Giorgio La Pira. Forse che non è supplizio aggiungere alla privazione della libertà, bene supremo, la claustrofobica mancanza di spazio, la promiscuità coatta, l'ozio in migliaia e migliaia di giorni vuoti, il freddo e il caldo, la ripetitività dei gesti e degli ordini, dei regolamenti talvolta insensati, le visite brevissime, la castità, la violenza e l'umiliazione?
Non è autodafè costringere 60.000condannati, spesso in attesa di giudizio, in strutture carcerarie fatiscenti o perlomeno insufficienti, predisposte a contenere nei posti regolamentari al più 43.000 soggetti? I carcerati sono stipati come polli in batteria, senza lavoro e senza mercede, non in rieducazione ma in letargo, in un ghetto che definire infernale è un eufemismo. Avete notato nelle immagini di repertorio i cancelli che si aprono e si chiudono in quali condizioni sono?Scrostati, ripugnanti. Ecco, le inferriate arrugginite sono il brand delle carceri nostrane.
Carceri così sono luoghi dove si esercita, in nome della giustizia, la morte civile, quella che il drammaturgo Paolo Giacometti nell'Ottocento, portò sulla scena, cavallo di battaglia di Ermete Novelli ed Ermete Zacconi, la storia di un ergastolano che evade e si suicida per non rovinare la quiete della moglie e della figlia che si sono ricostruite una famiglia. Che vergogna! Pannella non mangia e non beve, ma c'è chi si abbuffa e si ubriaca di potere anche per lui.
Marco Pannella vuole richiamare l'attenzione sulle condizioni disumane, non soltanto dei carcerati,ma pure della polizia penitenziaria,pagata male e sottodimensionata, scarsa e demotivata. Pannella digiuna per sfoltire le carceri affollate oltre ogni pietà, per garantire il lavoro dentro e fuori le sbarre, consapevole che quasi ventimila condannati stanno scontando pene inferiori a tre anni, e novemila appena con un anno residuo. Possibile che non si applichino misure punitive diverse dalla detenzione?Ei parlamentari inquisiti, quelli condannati, sono o no candidabili o ricandidabili? Ma un Parlamento siffatto può essere sensibile alla "penosa" condizione delle carceri? Ma Lorsignori han letto "I Miserabili"? Nelle carceri italiane chissà quanti Jean Valjean esistono, ma ci sono troppi Javert usi a far la voce grossa non coi potentima coi poveri cristi.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

"Il gelato dopo il mare" e le cose da Custodire per Renzo Rubino

"Il gelato dopo il mare" e le cose da Custodire per Renzo Rubino

Roma, (askanews) - Un gran bel ritorno quello di Renzo Rubino sul palco dell'Ariston con il brano intimo "Custodire", prodotto da Giuliano Sangiorgi. "Tratta il tema della separazione dei genitori e quindi mi sono inventato questo dialogo immaginario tra mio padre e mia madre", ha spiegato Rubino in un'intervista ad askanews. Della sua terza partecipazione a Sanremo - nel 2014 con il brano "Ora" ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018