Guelfi e Ghibellini

11 dicembre 2012

11.12.2012 - 14:31

0

Altan è un genio, le sue vignette (politico- sociologiche) mi fanno impazzire (mio nipotino Pietro di due anni e mezzo va matto invece per il suo cartone “La Pimpa”). Immaginate dunque una bambina paffutella che domanda alla genitrice che sta leggendo un libro: "Mamma, noi siamo guelfi o ghibellini?". La madre: "Non so, chiedilo al babbo".
M'è tornata in mente nell'assistere ai dibattiti parlamentari fra gli opposti schieramenti. Non commento la sostanza, come la penso credo che i miei ventisette lettori l'abbiano intuito da un bel pezzo,no, vorrei dare un quadro dell'impossibilità di una pax verace e duratura che sostenga questo paese, questa nazione, questo popolo, questa comunità. Emi ha assalito alla gola la terzina di "Purgatorio" VI, 76-78 : "Ahi serva Italia, di dolore ostello,/ nave sanza nocchiere in gran tempesta,/ non donna di provincie ma bordello!", e non è la prima volta che la cito con amarezza estrema. "Si sta come d'autunno su gli alberi le foglie", si sta come se il capitano del nostro galeone comandasse di tagliare l'albero maestro, che per me è, fuor di metafora, la Costituzione, decaduta a zavorra da scaricare a mare, tra i flutti. Siamo davvero in un momento storico di inaudita gravità, il nemico (disoccupazione al top, consumi e risparmio al minimo storico, inflazione, recessione, sfiducia nella politica e nelle istituzioni, evasione ed elusione fiscali, corruzione, parlamentari e amministratori inquisiti,mafie invasive, infiltrazioni mafiose ovunque, eccetera) è alle porte, le mura al suono del corno di montone stanno crollando, Sodoma e Gomorra per diventare cenere, e "il congresso si diverte" e mentre la mandiamo in chiacchiere, sofismi e bizantinismi Sagunto è espugnata.
Ma com'è possibile che dei legislatori non sentano il dovere, mentre milioni di famiglie stringono la cinghia e milioni di lavoratori perdono il lavoro - la peggiore catastrofe che possa toccare a una persona - non si voti una buona legge elettorale, si voti invece una legge anticorruzione, come se non bastassero i codici vigenti, si voti una norma che escluda dall'elettorato passivo chi venga condannato in terzo grado a più di due anni! ,come dire che la specchiata moralità è un optional, si discuta di una macchina giudiziaria farraginosa, e invece di smaltire milioni di cause, civili e pendenti, si frappongano distinguo e intralci nelle ruote e cancellazioni di tribunali. E poi sapete quanti non sarebbero candidabili? Due o tre! Insomma, Guelfi e Ghibellini, questa la condanna a morte di questo sciagurato paese. Le riforme qui non sono mai radicali, ma a mezzo servizio, vedi il pastrocchio delle Province. Vedi il conflitto terribile di Taranto.Vedi la Tav. Vedi i manganelli di Manganelli.
Passerà la norma che imponga la riconoscibilità dei poliziotti in tenuta da sommossa? È concepibile colpire alla nuca un "fuggiasco" durante una manifestazione di piazza col rischio di renderlo inabile? Ma è concepibile insultare e sputare in faccia alle forze dell'ordine e tirargli addosso sampietrini e bottiglie molotov? Beh! Le domande sono centinaia e tutte laceranti. La lotta politica è salutare se aiuta a crescere, se educa all' emulazione sana, ma sì! anche alla contrapposizione frontale ma nonviolenta.
Sto leggendo l'ultimo libro di AldoBusi ("El especialista de Barcelona"), un'invettiva al vetriolo e un canto d'amore alla vita. Spero che lo scritto-re (o rescritore) si candidi, come fecero Leonardo Sciascia e Alberto Arbasino, e magari avere un ministro come Alberto Ronchey.Vi fossero 100.000 Umberto Eco, Claudio Magris, Ermanno Olmi, Claudio Abbado, Michelangelo Pistoletto, Salvatore Sciarrino, che Italia sarebbe. Invece abbiamo Vittorio Sgarbi, Massimo Giletti, Bruno Vespa, Daniela Santanché, Beppe Grillo e mille colonnelli senza un generale che conosca l'arte della pace, come Aldo Capitini o Giorgio La Pira.
Ho iniziato con Altan, termino con Altan. Questa vignetta l'ho appesa nello studio: "Lei è un delinquente?" - "Sì, ma nella mia privacy godo della mia totale fiducia". Non è autobiografica, perché non sono che un cronista triste solitario y final, un satirico di provincia, con l'iniziale minuscola beninteso.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017