Lib(e)ri tutti

27 novembre 2012

27.11.2012 - 12:56

0

Siccome mi piacerebbe morire mentre lo leggo un libro, e non sepolto vivo da uno smottamento di carta stampata, e rilegata come corpi contundenti, non potete immaginare... la crudeltà dei tomi cartonati quando diventano armi, mi vedo costretto a dare un po' d'ordine alla biblioteca, traboccante e caotica. Lafebbre dei libri,come intitola un volumetto Alberto Vigevani, bibliofilo e mercante, ma soprattutto raffinato scrittore, può passare con l'acetilsalicilico della morigeratezza, o addirittura seguendo l'esempio delle raccolte minime di San Gerolamo o di Francesco Petrarca, fatte di poche decine di volumina, o del sommo Lev Tolstoj a Jasnaia Poliana, scarne etagère appese al muro sopra lo scrittoio. E tornano in mente la sua fuga da lì nell'ottobre 1910, trovandovi la morte in una stazioncina ferroviaria di Astàpovo, e i libri che aveva con sé: i "Saggi" di Montaigne, "I fratelliKaramazov" di Dostoevskij, "Una vita" di Maupassant. Ma tornando a bomba, invecchiando, mutano gusti e ardori, sarà l'atarassia che dirige la tua vita, così l'ansia di possedere, di dominare, di accumulare rallenta, come il fiume quando raggiunge il mare sabbioso. E così intendo dismettere migliaia di libri,mandando al macero i libri brutti e inutili, tradendo un mio inesausto assunto giovanile secondo cui non esistono libri belli o brutti ma libri scritti bene o scritti male (che sia Oscar Wilde? ¿Quien sabe?). Un' altra serie di fascicoli, opuscoli, libri e libercoli la donerei a biblioteche pubbliche, se non sapessi che vivono gracilmente, assediate e in procinto di scoppiare. Poi c'è la "vendita" a peso per le bancarelle dell'usato, quindi c'è il macero, o addirittura i falò di Fahrenheit 451, con il napalm che ha un odore così buono di mattina come dice il tenente colonnello Bill Kilgore in "ApocalypseNow". Ma, senza "ma" la vita sarebbe odiosamente noiosa, una volta sguarnite le pareti e lasciati orribilmente vuoti come teschi i plutei degli scaffali e delle librerie, e gli stipi e le scansie, bisognerà rimettere in circolo una parvenza di letteratura, tanto per passare qualche buona serata invernale anziché "imbarbarirsi" con la televisione. Così, poiché un libro non si nega a nessuno, specie nella nostra epoca di libro fatto in casa (pensato, scritto, corretto,impaginato, stampato, allestito, distribuito) e di editori prezzolati, mi punge vaghezza di leggere tutti quei libri che negli anni verdi della divina giovinezza avrei rifiutato più dell'olio di ricino e dell'olio di fegato di merluzzo, e va da sé più della cicuta. In primis, per capire il calcio, le memorie di Cassano e di Ibrahimovic, di Conte e di Totti; quindi per gustare le canzoni gli scritti dei cantanti Venditti, Mannoia, De Gregori, Cuccini,Vecchioni; e ancora le ricette di Benedetta Parodi e Antonella Clerici per godersi la gola, e per conoscere il mondo i libri di Maurizio Lupi ("La prima politica è vivere") e Fabrizio Cicchitto, Pierluigi Bersani e Rutelli, e Matteo Renzi, e quelli di D'Alema e Walter Veltroni, di Tabacci e di Angelino Alfano ("La mafia uccide d'estate"), e Nichi Vendola e Roberto Maroni ("Il mio Nord"). Come farsi mancare i saggi degli Angela (ispirati a Cartesio) e di Giacobbo (a Cagliostro)? Come rinunciare ai libri di Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini, belli ma troppo poco pubblicizzati? E a quelli di CarloVerdone e Lella Costa? Chi vuol fare una permuta? Se uno anziché pensare alle primarie (io le ho votate!) scorre i giornali e internet, apprende che sono usciti di recente libri di Giorgio Napolitano, Mario Monti e Benedetto XVI. Prima scherzavo,ma a questi non rinuncio. E se qualcuno obbietta che leggere e scrivere non vale la pena, tanto un italiano su due non capisce il senso di quel che legge (e non la "Fenomenologia" di Hegel ma la "Vispa Teresa"), rispondo con Italo Calvino: "Mentre veniva preparata la cicuta, Socrate stava imparando un' aria sul flauto. Il carnefice gli domandò a che cosa gli servisse Socrate rispose: 'A sapere quest'aria prima di morire'".
Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Quando cadono le stelle (dello spettacolo): gli scivoloni sul palco

Quando cadono le stelle (dello spettacolo): gli scivoloni sul palco

L'ultimo è stato Bono Vox, scivolato durante il live allo United Center di Chicago. Ma le cadute recenti dei grandi del mondo dello spettacolo sono state tante. Eccone alcune, da Morandi, 'volato' giù dal palco, a Madonna, inciampata all'indietro durante la sua performance ai Brit Award.

 
Economia

Bnl al Wired Next Fest 2018

Luigi Maccallini, responsabile Comunicazione retail Bnl, racconta il progetto Bnl Explorer per spiegare come gestire la complessità in cui siamo immersi.

 
A Spief dialogo e business, modello vincente di Conoscere Eurasia

A Spief dialogo e business, modello vincente di Conoscere Eurasia

San Pietroburgo, (askanews) - Conoscere Eurasia ha creato un modello di capacità nel dialogo sul business anche in periodo di sanzioni. Ed è riuscita a coinvolgere due nomi importanti del business europeo a Mosca. Parla Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia: "Io non vorrei essere molto presuntuoso. Sia Philippe Pegorier che Frank Schauff sono nel nostro comitato organizzativo e ...

 
Chiude sipario Spief, accordi per 38 miliardi e voglia di dialogo

Chiude sipario Spief, accordi per 38 miliardi e voglia di dialogo

San Pietroburgo (Russia), (askanews) - Si chiude oggi il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, dopo giornate molto intense di incontri e una partecipazione internazionale per certi versi, sorprendente. La Russia di Vladimir Putin è apparsa tutt'altro che isolata. Parterre di altissimo profilo, a iniziare dal presidente francese Emmanuel Macron, oltre al premier giapponese Shinzo Abe ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018