Umbria da pazzi

20 novembre 2012

20.11.2012 - 11:18

0

Il titolo di stamattina è sbarazzino, mail contenuto è serio. Il tema della follia ha sempre avvinto, perché è uno dei misteri, dagli albori del mondo, più inestricabili della storia umana,un rompicapo se questo termine non fosse allusivo e crudamente ironico. Il fatto è che del cervello umano molto si conosce: il suo peso (1.400 gr.), la sua geografia (nevrosi, psicosi, schizofrenia, paranoia, fobie, ossessioni), i suoi organi e aree (neuroni, lobi, fabbriche della memoria), ma in realtà la malattia mentale sfugge a una definizione univoca, quel che si sa sono le sfaccettature del prisma di materia che, morto, rende “morta” la persona anche se il cuore continua a battere i colpi. Si parla di morte cerebrale, di coma, di stato vegetativo, sopravvivenza con scarse se non nulle speranze. Quando l’encefalogramma è piatto, una linea orizzontale tragica, si lascia ogni speranza. L’argomento non è lieto né leggero, ma se le vicende della vita e degli studi non mi avessero condizionato per altra navigazione, confesso che avrei fatto il mestiere dello psichiatra, che è altro dal neuropsichiatra o dallo psicologo o dal psicoanalista. Ma voglio motivare quanto scrivo originato al solito da un libro. Per certi studi miei, ne leggo uno sapiente, informato, completo, chiaro, avvincente, ben scritto. Par poco? È di Valeria P. Babini, docente di storia della psicologia all’Università di Bologna, è “Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del Novecento” (Il Mulino, 2009) e affronta la storia della pazzia nostrana, dei meriti e specialmente dei demeriti e delle violenze più che della psichiatria, del sistema dei manicomi, sia ospedalieri sia giudiziari. Gli stravaganti, i dementi, gli “scemi del villaggio”, i lunatici, i “figli di Saturno”, gli estrosi, gli anarchici, i ribelli, le ninfomani venivano internati con estrema facilità, un po’ perché erano una vergogna per la famiglia, un po’ perché erano spettacolo che turbava. Meglio quindi esiliarli in un luogo lontano, definirli “pericolosi a sé e agli altri e di pubblico scandalo”, formula tuttora valida. Anche oggi, esemplifico, se uno alza il gomito,dà in escandescenze e resiste alla forza pubblica, rischia l’internamento, da cui potrà uscire, ma lo deciderà lo psichiatra. Oggi i cinque Opg, Ospedali psichiatrici giudiziari,non brillano per igiene, cure, alimentazione,ma il fatto grave è che gli alienati qui reclusi rischiano la morte civile, la dimenticanza, la detenzione a vita, l’oblio, numeri di un universo concentrazionario. Il secolo scorso, il secolo breve secondo Eric Hobsbawm, racchiuso fra 1914e 1989, la pazzia in Italia è anch’essa fra due date: la legge del 1904, di Giovanni Giolitti e il 1978, la celebre legge promossa dalle iniziative liberatorie del grande Franco Basaglia, con al centro la chiusura dei manicomi, un evento che potrebbe in piccolo paragonarsi alla liberazione degli schiavi dopo la guerra civile americana. Non più reclusori, magari dentro vasti e bellissimi parchi alberati,mal’apertura verso l’esterno, la caduta delle inferriate e dei cancelli, la fine della segregazione oziosa e vegetativa, basta con le cure con insulina per provocare coma, le docce fredde, la contenzione, le camicie di forza, le catene per gli agitati, l’elettroshock di Guido Cerletti, le lobotomie. Case-famiglia, il rientro in famiglia, tutto agevolato dagli psicofarmaci potenti; questo il quadro emerso grazie alla visionarietà e all’utopia di Franca e Franco Basaglia, eroi a Gorizia e a Trieste. E in Umbria? Dopo la direzione di Cesare Agostini al manicomio di Santa Margherita, a Perugia esplose nel 1965 (contemporanea alla rivoluzione del libro “L’istituzione negata”) l’antipsichiatria (contro il manicomio storicamente inteso, luogo di isolamento e di pilatesca assistenza) di eccellenti psichiatri: Ferruccio Giacanelli, Carlo Brutti, Carlo Manuali, Francesco Sediari,Francesco Scotti, Antonello Rotondi, che dettero “vita a una delle tra le più ricche e feconde espressioni di alternativa all’assistenza psichiatrica tradizionale”. Nel1969 la Provincia di Perugia, presiedente Ilvano Rasimelli, dette vita a una pioneristica lotta all’internamento. Nel libro compare il manifesto di Antonio Todini, professore all’Accademia.

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017