Fiaccole per Massimiliano

9 ottobre 2012

09.10.2012 - 15:55

0

Quando quaranta giorni sono un'eternità. Questo devono sentire Fernanda e Cesare, i genitori. Di un uomo che è scomparso, nel nulla da un momento all'altro, in pieno giorno, nella felix Umbria. O che tale era, quando un omicidio era un unicum, avvenimento sconvolgente e terribile, la chiave di casa sulla toppa, le droghe erano noce moscata e cannella. Ma non voglio, qui e ora, rifare il verso al Pasolini che distingueva progresso, buono, e sviluppo, cattivo, né fare il cantore del buon tempo che fu. Certamente si vive meglio, più a lungo, più sani, più puliti, più belli, più 'ricchi', motorizzati e armati di modernissime tecnologie che hanno ucciso il tempo lineare per il tempo reale.
Ma come può capitare che accada un fatto doloroso e crudele quale quello che è capitato a Fernanda e a Cesare? In una zona dell'Umbria tranquilla, dove a memoria d'uomo per quel che rammento, chi tratta di cronaca nera può aiutarmi, non è accaduto niente di simile. Perché sì, la morte è dolorosissima, è irredimibile, non si riscatta, il poeta Giuseppe Ungaretti dice addirittura, da profeta, che la morte si sconta vivendo. Per due genitori, pur assuefatti loro malgrado alla legge della malattia mentale, del deficit cognitivo, o di qualche altra misteriosa latebra dell'intelletto, la fine è purtroppo una certezza con cui fare i conti, giorno dopo giorno, rifugiandosi nel ricordo e nella tristezza che tutto intride, oggetti, stanze, abiti, fotografie, reperti e referti.
Ma la bruttezza oscena della scomparsa, del "chi l'ha visto", non è paragonabile, si naviga a vista nella nebbia più impenetrabile, il dubbio sulla sopravvivenza si insinua fin dentro la carne, si fa sangue e ombra. Ma, conoscendo il vissuto crudo dei genitori, che amano in maniera straziante il figlio ferito dalla sorte,mi sento partecipe sì, tanto diciamolo pure, non costa niente esser buoni, in questa misura più formale che concreta. Ma anche arrabbiato, perché la società pur riempiendosi la bocca da mane a sera della parola famiglia (la famiglia è sacra, ma quella nostra, da qui il familismo tragico e financo comico che appanna il senso civico ed etico degli italiani. Anche la cosca mafiosa si chiama famiglia, no?), non alza non dico una mano, ma nemmeno un dito. Le famiglie - ogni famiglia felice è uguale alle altre, quelle infelici lo sono ciascuna a suo modo - sono lasciate sole, nel deserto della desolazione, e quando, a causa di mal governo, sprechi, ruberie di ogni genere, incuria, evasione fiscale, deboscia, disordine morale, egoismo occhiuto, congiunture economiche passive, disoccupazione eccetera, c'è da tagliare, eccoti il benservito a sanità, assistenza ai vecchi e ai disabili, mediante la riduzione drastica degli insegnanti di sostegno nella scuola, la cancellazione di tribunali mentre la giustizia, civile e penale, si muore di freddo, e così via, ma chi governa meno sciattamente di altri precedenti, dimentica o procrastina di cancellare enti inutili, auto blu, privilegi, vitalizi, elargizioni clientelari, prebende, premi ai dirigenti e sperequati stipendi a manager e a politicanti di lungo corso, pensioni pari a trentamila-quarantamila euro al mese che gridano vendetta al Cielo. La lista è ahimè lunga, oltraggiosa a fronte di milioni di giovani disoccupati spesso con due lauree, o in cerca di un posto al sole, ossia ottocento euro con cui campare. In Italia avverrà una rivoluzione morale? Quando? Fino a quando i Fernanda e i Cesare dovranno sostenere tutto il peso di una maternità, di una paternità difettose?Per Massimiliano c'è stata una fiaccolata, di solidarietà e di amore. Il Prefetto riattiverà, ha promesso, ricerche a vasto raggio. Non mollare la presa! Perché non se ne può proprio più! Massimiliano è tutti noi, inermi e oltraggiati dall'arroganza e dall'insipienza. E siamo Fernanda e Cesare, genitori sempre più soli.

A cura di Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Cultura

Il mito di Raffaello protagonista a Bergamo

Fino al prossimo 6 maggio, Raffaello è il protagonista della stagione espositiva 2018 di Bergamo con la grande mostra ‘Raffaello e l’eco del mito’, che anticipa le celebrazioni dell’anniversario, nel 2020, dei 500 anni dalla morte del maestro urbinate. Un inedito percorso di oltre 60 opere, provenienti da importanti musei nazionali e internazionali e da collezioni private che ha preso avvio dal ...

 
Cultura

Dal buio alla luce attraverso l’amore, è il libro di Fabio Salvatore

Come si può uscire dal buio della malattia, della violenza, della mancanza di speranza? Una via c’è, ed è l’amore. Lo sa bene Fabio Salvatore, regista, attore e scrittore, provato dalla vita da gravi malattie e lutti all’apparenza inconsolabili. A partire dal best seller ‘Cancro non mi fai paura’, passando per tanti altri successi, la sua esperienza letteraria si arricchisce ora di ‘Buio e luce’. ...

 
Spettacolo

Esce “Omicidio al Cairo”, di Tarik Saleh

Noredin Mustafa è un detective corrotto della polizia de Il Cairo. Una cantante viene trovata uccisa in una stanza dell’hotel Nile Hilton, e ben presto l’uomo scopre la relazione segreta della donna con il proprietario dell’albergo, ricco imprenditore e membro del parlamento. Durante le indagini gli viene ordinato di archiviare il caso. Il detective tuttavia non demorde e l'indagine conduce a ...

 
Siria, sale la tensione nell'enclave curda di Afrin nel Ghouta

Siria, sale la tensione nell'enclave curda di Afrin nel Ghouta

Afrin (askanews) - Sale la tensione nell'enclave curda di Afrin, nel nord della Siria, vicino al confine con la Turchia, nella regione del Ghouta. Le milizie filogovernative siriane, finite sotto il fuoco dell'artiglieria turca, si sarebbero ritirate a una decina di chilometri dal confine lungo cui avrebbero dovuto schierarsi dopo che i raid aerei dell'aviazione siriana, secondo le organizzazioni ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018