Umbria/internazionalizzazione

11 settembre 2012

11.09.2012 - 12:23

0

Di una cosa sono sicuro. Non sono un economista. Come Giovenale quello vero, del resto. Molti, troppi lustri orsono studiai (male)economia politica ...ma siccome la facoltà era giurisprudenza e il prof era l'eccellente Stanislao G. Scalfati, un tipino ameno, ne uscii con un sonante 27, semplicemente rivolgendogli la domanda: "Professore, ma è lei il traduttore nel 1931 del libro 'La stabilizzazione del marco' di Hjalmar Schacht, presidente della Reichsbank e ministro di Adolf Hitler?". Lungi da me dunque discettare sulla internazionalizzazione, uno scioglilingua lungo 22 lettere, una in più dell'alfabeto italiano, se depurato di j,x,w,y.
Inoltre, da quel che ho capito all'avvincente Forum di recente promosso dalla Camera di Commercio di Perugia, internazionalizzare è quel processo di adattamento di un prodotto (sia olio d'oliva o software sofisticato) verso un mercato straniero, intuendo e studiando usi, costumi, cultura, intelligenza, tradizione, psicologia di quella nazione e di quel popolo. E localizzare prodotti significa aggiungere quel quid particolare, quasi site specific, che entri come un elemento indispensabile nel consumo di quel prodotto. Va da sé che queste strategie sono basate sull'esportazione, che è il fulcro su cui si muovono e ruotano i concetti di irradiazione di prodotto nel mondo, come l'acciaio, che in Umbria vale un buon terzo, come il mobile, come il maglione di cashemire, come le viti a ricircolazione di sfere, come un'apparecchiatura di collaudo di materiali, come un sistema meccanico per l'industria aerospaziale, come l'appeal turistico. In Umbria 2.800 aziende (su 70.000!) esportano i propri prodotti fatti di ingegno, lavoro, investimenti, fantasia, serietà, emuovono3.500 milioni, ma si potrebbe fare di più, dicono gli esperti: se aumentasse di potenza nell'informatica, passando almeno a 20 mega disponibili,davanti ai 40 della Germania e al 70% delle aziende così corazzate.
Dal Forum, vivace e interessantissimo, è venuto fuori che la carenza massima che frena la nostra regione, pur così variegata e affascinante, è l'assenza di un coordinamento fra i soggetti, la debole spendita del "brand Umbria" sinonimo di "made in Umbria", insomma la creazione e la promozione di una parola che denomini all'istante, nello spazio, la nostra terra benedetta da Dio, insomma un marchio inconfondibile, unico, universale, un logo da stampigliare sull'ago e sul pagliaio. Altro meccanismo sarebbe quello di spendere meglio i soldi che scarseggiano, ottimizzare e 'sinergizzare' i tour di promozione, qualificare il personale che sappia le lingue e s'intenda di comunicazione e di economia. Ora, per un profano come me, pur abituato ai cahiers de doléance, risulta chiarissimo che senza unione illuminata non si va lontano, ma addirittura non si va da nessuna parte. Se l'olio di sansa umbro viene venduto all'estero come una panacea e una leccornìa, non c'è partita!
La moneta cattiva scaccia quella buona, olé! In Cina, qualcuno ha detto, si vedono girare solo automobili tedesche, un'auto Fiat è una rarità, anche se sembra che la casa torinese stia per aprire uno stabilimento, ma con ritardo colpevole, e di certo non potrà concorrere all'occupazione italiana. Potenziare l'esportazione,quando l'euro è debole, è una verità lapalissiana, quindi non si possono tardare i tempi. Occorre mettersi insieme e lottare con gagliardia e con spirito illuminato. E ognuno faccia la sua parte. Occorre vincere le sfide non solo dell'internazionalizzazione e della localizzazione, ma pure della globalizzazione. Gesù, ci sono così tante zeta che quasi quasi in soccorso chiamo Zorro.  

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018