Linguistic review

21 agosto 2012

21.08.2012 - 13:11

0

Durante i venti annidi dittatura fascista, addirittura una legge, emanata nel 1926, vietava l'uso di parole straniere. Eccesso di zelo, eccesso di nazionalismo. Difendere una lingua non vuol dire offenderne la logica. La lingua è un corpo vivo, che si evolve, che accoglie nel suo vocabolario le parole nuove, i neologismi che la letteratura, il giornalismo, la politica, l'arte, la gente inventa per adeguarla alla modernità e all'attualità. Se qualche spirito saggio difese le parole "intraducibili", come sport, golf, bridge, tennis, poker, che rimasero nonostante le proibizioni dei signorsì di regime, ci fu chi propose ridicolaggini lessicali per sostituire per esempio la parola "bar": bettolino, qui si beve, taverna potoria, liquoreria, barro,mescita. La lingua non vive sotto una campana di vetro, si alimenta per le strade, nelle accademie, nei porti di mare, nei libri e nelle canzoni, afferma il linguista Gianluigi Beccaria in "Per difesa e per amore. La lingua italiana oggi".
Il misoneismo, ossia la paura del nuovo e il purismo, l'ossessione per una classicità ferma alla lingua Trecento o poco di più, sono ostacoli per la comprensione e la comunicazione, specie in Italia con tre milioni di analfabeti e otto-dieci di analfabeti di ritorno. Ma anche ai giorni nostri non manca chi, in nome di una purezza dell'italiano che va difesa a spada tratta soprattutto dagli anglicismi inutili, superflui, non resiste a coniare parole davvero umoristiche, come "rampichino" in luogo di mountainbike. Oppure "cuscino d'aria" per airbag. Con questo lungi da me non stigmatizzare (che parola aulica, non è meglio censurare?) il complesso edipico verso l'inglese globalizzante che mostrano troppi giornalisti o commentatori. Prendi la spending review. Ma non si può scrivere "revisione della spesa", visto che c'è un aggravio di sole tre consonanti e due vocali? Per non parlare del burocratese, che Italo Calvino chiamava l'antilingua. Al burocrate ottemperare sembra più efficace di rispettare, diniego di rifiuto, condizione ostativa di impedimento. Il ladro non fugge in automobile ma a bordo di, non esistono tipi o problemi, ma tipologie e problematiche. Non si scrive: si fanno panini, ma si eseguono panini. Non andare ma recarsi, non lode ma encomio, non si parla, si interloquisce. Terapia è più prestigioso di cura, esondare è più elegante di straripare, sedativo o analgesico più efficace di calmante. Non si passa, si transita;non attuabile ma esperibile; aeromobile al burocrate pare meglio di aereo; lesivo è meglio di dannoso; conferire di dare; rinvenire di trovare; esercente di negoziante o bottegaio; avvalersi di servirsi; usufruire di usare; denegare di negare. E' un'ira di dio di parole stoltamente non usuali, come se il demone dell'originalità lessicale abbia investito i computer o le matite degli estensori, ed ecco il capitombolo!
Non c'è nulla da fare, di fronte alla sordità e alla miopia di coloro che stilano leggi e circolari, ordinanze e sentenze, ricette mediche e referti, pareri legali e cartelli stradali, divieti e proibizioni, non ci sono manuali di scrittura semplice e chiara, accessibile anche all'illetterato, che tengano. Spesso ci sono persone con due lauree che si arenano davanti ai moduli da compilare, scritti in un pessimo italiano, e perdipiù con una "grafica" demenziale, sì che l'iban di 27 lettere e cifre ha meno spazio della data, il codice fiscale di sedici ne ha meno della sigla della provincia, e così via, in una gara di sciatteria formale e sostanziale. Non usiamo più, vi prego, turnazione, zonizzazione, utilizzo,disdettare, attergare, obliterare, notiziare, bonifico, storno, esborso, e poi basta con le locuzioni e i luoghi comuni o gli eufemismi come piano di alleggerimento per licenziamento o manodopera disponibile per disoccupati. Lo prescriveva Gesù: sì sì, no no. Pane al pane, vino al vino. E diamo a Cesare quel che è suo: una lingua viva ma non corrotta. Dove trovino armonia neologismi e esotismi, ossia parole straniere. Essendo pure autoironici involontari come il famoso purista napoletano Basilio Puoti (1787-1842) che in punto di morte, anziché bisbigliare come Wolfgang Goethe: "Più luce", sussurrò: "Me ne vado; masi può dire anche me ne vo".

Antonio Carlo Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

50 ambasciatori paralimpici per abbattere le barriere nello sport

Milano (askanews) - Promuovere lo sport e la cultura dello sport tra i disabili. Con questa mission nascono gli ambasciatori paralimpici italiani, una squadra di 50 medagliati capitanati da Alex Zanardi che promuoverà l'attività sportiva per le persone con disabilità e ne farà conoscere le opportunità. Il tutto attraverso un vero e proprio viaggio nelle scuole, nei presidi sanitari e all'interno ...

 
Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Motori, la Ferrari Portofino: ultima "scoperta" di Maranello

Maranello (askanews) - La Ferrari "Portofino" è la nuova Gran Turismo prodotta dalla casa del cavallino rampante. Erede della "California T", questa 2+2 coupé/cabriolet con motore V8 da 600 cavalli, presentata ufficialmente al Salone dell'Auto di Francoforte, è la più potente convertibile a offrire, contemporaneamente, il tetto rigido retrattile, un baule capiente e una grande abitabilità, ...

 
La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

La customer experience, nuova chiave di successo per le aziende

Milano (askanews) - L'attenzione ai clienti come chiave di successo per le aziende. La parola d'ordine per il presente e il futuro è "customer experience". Di questo si parlerà al convegno intitolato appunto "Customer Experience 2020", organizzato a Milano il 12 ottobre da CMI Customer Management Insights per esplorare il futuro della relazione con il cliente. Ne abbiamo parlato con la direttrice ...

 
Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Giorgia Meloni e la caprese: ricetta in diretta, con politica

Roma, (askanews) - Come fare la caprese, fra riflessioni sul commercio, sulla grande distribuzione, prodotti italiani da difendere, Ue e governo: Giorgia Meloni ripresa negli studi di Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 ha preparato in diretta radiofonica una delle sue ricette preferite.

 
Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Talento folignate alla ribalta

Federico Angelucci tra i protagonisti di "Tale e quale show"

Dodici personaggi del mondo dello spettacolo che si sanno battaglia in performance apparentemente impossibili, imitando in tutto e per tutto i big della musica nazionale e ...

20.09.2017

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Spoleto

Don Matteo, giorno sul set per Carlo Conti

Carlo Conti, popolare conduttore televisivo di Rai Uno, è arrivato nella tarda mattina di lunedì 18 settembre a Spoleto per partecipare a una giornata di riprese della ...

18.09.2017

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

IL VIDEO

Momento d'oro per J-Ax: dopo duo con Fedez torno a fare solista

Milano (askanews) - Molto più di un successo legato a un tormentone estivo. Per J-Ax è un momento d'oro, "Senza pagare", singolo tratto dall'album in coppia con Fedex ...

13.09.2017