L’Europa premia non solo Corciano

14 agosto 2012

14.08.2012 - 17:16

0

A Corciano, Comune attento, ordinato e attrezzato, il Consiglio ha riconosciuto nel 2000 il Diploma europeo, nel 2002 la Bandiera d'onore, la Targa d'onore nel 2006, e oggi il Prix de l'Europe. Uno dei motivi d'interesse per questa comunità umbra, credo che anche risieda, oltre che nella bontà dei progetti in favore dell'ambiente e degli aiuti umanitari, sanitari ed educativi in Malawi, Kosovo, Congo, Etiopia, Albania (ospedali, forni per il pane, riforestazione, partenariato scolastico, gestione dei rifiuti...), nei gemellaggi con comuni stranieri, attività che, nata nel 1997 con la Città di Pentling, RegioneBayern,Germania,è proseguita nel 2000 con Civrieux d'Azergues, Rhone-Alpes, Francia e nel 2009 con Libiaz, Malopolskie, Polonia.
Chi scrive pensa che l'esempio di Corciano, ottava città italiana a ricevere il Prix, la massima espressione di validità amministrativa riconosciuta dal Consiglio, vada seguito da altre realtà comunali dell'Umbria, specie da quelle insignite del fregio di Borghi più belli d'Italia. L'Europa è una cosa seria, non solo per quel che concerne l'eurozona: euro sì euro no; non solo per la crisi economica e finanziaria, contagiosa e immorale, che ci opprime; non solo per le incertezze sul futuro e sulla gracilità della condizione giovanile; l'Europa, il cui nome ha quattromila anni e più, e vuol dire forse "bene irrigata" non può - come si diceva una volta per le guerre di non lasciarle nelle mani dei generali - essere abbandonata alla lascivia dei potentati politico -finanziari, e alle beghe dei nazionalismi, pena la sua estinzione, quale entità multiculturale e multietnica, ma pure solida e in certo qual modo unitaria, anche se i peggiori massacri della storia negli ultimi quattro secoli si sono perpetrati dove scorrono il Don e il Po, il Reno e il Danubio, dove Dante e Leonardo, Goethe e Lutero, Cervantes e Shakespeare, e Galileo e Newton e Einstein qui vissero e inventarono il mondo moderno, che è fango e stelle come cantò il poeta umbro Sandro Penna. Ma Corciano è in Umbria, la terra impareggiabile di San Francesco, Patrono d'Italia e di San Benedetto, Patrono d'Europa. Non è un caso, tutto si tiene, anche se non è dimostrata, con la chiarezza e l'irredimibilità di un'equazione, la circolarità della storia e dei destini. Dunque il premio europeo dato a Corciano, Comune esemplare, è un premio dato all'Umbria. Non ci piove. Come non piove da troppo, e i campi si sono fatti screpolati come i "Cretti" di Alberto Burri. Non so che cosa intendessi, ma ormai l'ho scritto. E scripta manent. O no?

Carlo Antonio Ponti

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Strasburgo si gioca il futuro politico di Berlusconi

A Strasburgo si gioca il futuro politico di Berlusconi

Roma, (askanews) - A decidere il futuro di Silvio Berlusconi in politica sarà la corte Europea dei diritti umani, deliberando sul ricorso presentato dall'ex Cavaliere contro l'applicazione della legge Severino, che rende il leader di Forza Italia incandidabile. La sentenza della Grande Camera della Corte potrebbe arrivare anche mesi dopo l'unica udienza prevista, del 22 novembre. Ma è cruciale ...

 
Primo sciopero in 15 anni per dipendenti Carige: no agli esuberi

Primo sciopero in 15 anni per dipendenti Carige: no agli esuberi

Genova, (askanews) - Centinaia di lavoratori di Banca Carige sono scesi in piazza a Genova per protestare contro i mille esuberi annunciati dall'istituto di credito ligure che sta vivendo delle giornate particolarmente difficili in attesa dell'aumento di capitale da 560 milioni di euro che scatterà il 22 novembre. A confermare lo sciopero, il primo da 15 anni per i dipendenti Carige, è stata solo ...

 
Archibugi: "Gli sdraiati", rapporto padre figlio senza retorica

Archibugi: "Gli sdraiati", rapporto padre figlio senza retorica

Roma, (askanews) - C'è il rapporto complicato e conflittuale tra un padre e un figlio al centro del nuovo film di Francesca Archibugi "Gli sdraiati", tratto dal romanzo di Michele Serra, nei cinema dal 23 novembre. Claudio Bisio interpreta un giornalista di successo che vive e soprattutto cerca un dialogo con il figlio Tito, adolescente pigro e irriverente sempre circondato dalla sua banda di ...

 
Melissa e Cyrille, musica al femminile

Jazz Club Perugia

Melissa e Cyrille, musica al femminile

Melissa Aldana e Cyrille Aimée saranno concerti al femminile al Jazz Club Perugia. La sassofonista cilena, con il suo quartetto, suonerà nella Sala Raffaello dell’hotel ...

21.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

Spoleto

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

E’ gia atmosfera natalizia a Spoleto grazie a Don Matteo. Tra luminarie, giochi di luce e una grande slitta che ha fatto capolino lunedì 20 novembre in corso Garibaldi dove ...

20.11.2017