L’ignoranza non è sinonimo d’innocenza

L’ignoranza non è sinonimo d’innocenza

25.06.2017 - 17:44

0

E se decidessimo, una volta che il ministero dell’Istruzione alla vigilia degli esami di maturità ha scritto sul suo sito, in un titolo ben in vista, “traccie” invece di “tracce” che è venuto il momento di fermarci e rimediare all’ondata di sciatteria e ignoranza che rischia di travolgerci e farci sprofondare nel patetico oltre che nel ridicolo? Perché questo è solo un caso, sene trovano altri ovunque, in continuazione. Inutile riderci sopra (la rete ride sempre, sghignazza quando non manda improperi). Non serve a nulla nemmeno sottolineare che l’errore è stato presto rimosso, che il correttore automatico fa commettere sbagli involontari in serie: dopo aver scritto si rilegge, insegnavano i maestri delle elementari senza immaginare che nel terzo millennio ci avrebbe preso una febbre compulsiva da tastiera che ci obbliga senza motivo a digitare a gran velocità, sempre più svelti, come fossimo inseguiti da chissà chi, scrivere, battere, scrivere, refusi compresi e non rileggere mai. Inutile andare a ripescare gli altri (numerosi) sbagli commessi negli anni dallo stesso ministero nella presentazione dei temi: si tratta di questioni ben diverse, le inesattezze a proposito di biografie, opere, anni, autori ci sono sempre state e sempre ci saranno. Qui stiamo parlando di una cosa elementare, saper scrivere in italiano. Forse non vale nemmeno la pena di invocare la regola (ignorata) secondo cui la ce la g vogliono la i al plurale se precedute da vocale, non quando seguono una consonante. E’ chiaro che si tratta solo di ortografia, che la i al plurale non si pronuncia in ogni caso, che la lingua evolve, che ormai scriviamo valige al plurale e pure ciliege: tutte precisazioni interessanti solo per chi non vive nella bolla dell’inconsapevolezza. Per chi legge, è attento, curioso, abituato a scrivere, controlla, si ricorda, gli viene in mente il dubbio, sa come verificare in fretta. Questo è il punto: la colpa - ha spiegato il Miur - è di una società di informatica che lavora per noi, cui è affidato il sito. Immaginiamo la scena: addetti con titolo di studio adeguato, addestrati al computer, convinti di saperla lunga e ignari del mondo. Saranno capitati anche a voi, alla posta, in un ufficio comunale, un centro medico, al bar. Gente che ride in continuazione con i colleghi, che quasi vi ignora, continuando a schivare l’essenziale, l’incontro, la difficoltà, il problema, vivendo l’impiego in gruppo, una bella comitiva, come in gita. Senza voglia di imparare, convinti di sapere già tutto. Peccato che poi si distraggono, dimenticano, non ti stanno a sentire, rispondono da maleducati. E magari, commettono un errore di ortografia al computer. E che sarà mai?L’importante è illudersi che si faccia davvero così, che il lavoro sia questo. Guai a fargli notare lo sbaglio, la superficialità, la scarsa educazione: apriti cielo. E chi può dirgli niente. Rispondono sempre a tono, mai a scusarsi, senza la minima empatia. C’è come un fossato tra gli addetti ai lavori di “prima” e quelli di adesso. Come se questi ultimi venissero da un altro mondo, senza memoria, illusi che l’ignoranza possa essere sinonimo di innocenza. Di chi stiamo parlando? Fa male al cuore dirlo, si tratta dei giovani. Non tutti, molti. I nostri figli, quelli che abbiamo coccolato fino a ieri, convinti che un eccesso di protezione li rendesse felici e non più fragili, ignari, restii a migliorarsi. Proviamo a invertire la tendenza?
mikcucuzza@gmail.com

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC
Musica in lutto

Addio a Malcolm Young, cofondatore degli AC/DC

E' morto a 64 anni Malcolm Young, chitarrista, compositore e cofondatore del gruppo rock AC/DC. A dare la notizia è stata la stessa band sulla sua pagina web ufficiale. Nato a Glasgow, in Scozia, nel 1953, aveva fondato il gruppo australiano con suo fratello Angus nel 1973 a Sydney. Tra i tanti successi della band "Highway to hell" e "Back in black", considerato il secondo album più venduto di ...

 
Festa con tutte le comunità religiose

Terni Film Festival

Festa con tutte le comunità religiose

Dopo il gran finale di domenica 19 novembre, appendice del Terni Film Festival lunedì 20 novembre. L'ultima giornata della kermesse si apre alle 9 al Cityplex Politeama con ...

19.11.2017

Mamma mia! con gli Abba in italiano

Assisi

Mamma mia! con gli Abba in italiano

Al teatro Lyrick di Assisi il 21 e il 22 novembre (ore 21.15) ospiterà Mamma mia!, tra le più celebri commedie musicali degli anni 2000  con le mitiche canzoni degli Abba. A ...

18.11.2017

Assisi diventa città dei cori

Grandi festival nascono

Assisi diventa città dei cori

Al via la prima edizione di Cantico Assisi Choral Fest rassegna dedicata ai cori in programma dal 20 al 23 novembre ad Assisi. Oltre mille coristi si esibiranno per quattro ...

18.11.2017