michele cucuzza bianco e nero

FUORI DAL VIDEO

Non offendere la memoria degli italiani

09.06.2017 - 18:48

0

Non va sottovalutata l'ondata di indignazione provocata dalla sentenza della Cassazione secondo cui bisognerebbe scarcerare o mandare ai domiciliari - visto il suo “scadimento fisico”, le sue “precarie condizioni di salute”, per garantirgli il “diritto a morire dignitosamente” - Totò Riina, l'attuale capo di Cosa nostra condannato a 17 ergastoli per tutti i più gravi delitti commessi dalla mafia dal 1969 al 1992, il boss che, sdraiato sulla barella, non si perde un'udienza del processo sulla “trattativa stato-mafia” ( in video collegamento dal carcere di Parma) e che a gennaio aveva detto che avrebbe risposto alle domande dei pubblici ministeri, ma poi ci ha ripensato. I primi a protestare sono stati i parenti delle vittime degli assassinii per i quali Riina è stato condannato: “una sentenza sconvolgente che mette in serio dubbio la mia fiducia nella giustizia” ha scritto su Facebook Rita Dalla Chiesa, figlia del generale dei carabinieri, prefetto di Palermo, ucciso nel capoluogo siciliano con la moglie e l'agente di scorta, per ordine di Riina e di tutta la cupola di Cosa nostra il 3 settembre 1982.
“Mio padre, e i tanti che sono caduti per mano mafiosa, massacrati dai proiettili nelle macchine o sui marciapiedi” ha postato “non hanno avuto dignità nella morte. A cielo aperto, sotto gli occhi di tutti. Senza nemmeno un lenzuolo per coprire il loro ultimo dolore”.
Una reazione che ha avuto immediatamente migliaia e migliaia di condivisioni, like e commenti: “anche noi che stimavamo tuo padre e gli altri eroi uccisi dalla mafia”, ha scritto Biancamaria Toccagni, “abbiamo sofferto increduli davanti a tanta barbarie. E oggi ci sentiamo traditi anche noi”. “Penso che abbiano ammazzato tuo padre per la seconda volta”, è il commento di Anna Maria Morelli. “Ho il pianto in gola, non si potrà mai dimenticare” ha aggiunto Margherita Caligiuri.
“Onore a tuo padre” ha scritto Mauro Abeti, “il suo è stato il primo assassinio che mi ha fatto capire questo Paese”.
E poi tanti e tanti altri ancora, a migliaia. Sono gli italiani che non dimenticano, che non si sono fatti travolgere dalla frenesia del “qui e ora”, senza storia né memoria che il web sembra a volte riuscire a imporre nell'illusione che il diritto di critica, la condanna, l'innocenza non possa che essere sinonimo di ignoranza. No, questa volta non è andata così. Ed è un fatto da tenere in grande considerazione: il nostro Paese non dimentica. Sa di dover fare i conti da decine di anni con la mafia, con le mafie, ricorda tutte le loro vittime e le onora come gli eroi che con la loro dedizione e il loro sacrificio hanno impedito che l'illegalità, la violenza brutale e l'intimidazione travolgessero istituzioni e convivenza, sono vicini a chi - oggi, tutti i giorni - continua a battersi per la sconfitta delle cosche e la difesa della nostra democrazia. Non è retorico sottolinearlo, come non è superfluo sottolineare che la detenzione - in certe situazioni particolarmente significative - ha un grande valore simbolico, che non può essere ignorato in nome del pur sacrosanto richiamo al diritto di chiunque a una morte dignitosa. Si può certamente curare e assistere con le dovute attenzioni chi è malato anche in carcere, come si è fatto per Provenzano. E' la memoria degli italiani, il sentimento di una comunità che si è espressa così nettamente in queste ore, che ha diritto di non essere offesa. Senza spirito di vendetta. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Trump riceve Macron: "Da matti l'accordo con l'Iran"

Roma, (askanews) - "Da matti l'accordo con l'Iran": così il presidente statunitense dalla Casa Bianca dove riceve il francese Emmanuel Macron. Proprio l'accordo con Teheran firmato da Barack Obama assieme alla diplomazia internazionale è uno dei temi caldi dell'incontro fra Parigi e Washington: Macron aveva per missione cercava di convincere Trump a non recedere dall'accordo, perdendo anni di ...

 
Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Inaugurata la prima statua di donna davanti a Westminster

Londra, (askanews) - Non solo le statue di Winston Churchill, di Gandhi e di Mandela davanti al parlamento britannico; c'è finalmente anche la statua di una donna, l'attivista per i diritti femminili Millicent Fawcett, svelata nel centesimo anniversario del voto alle donne. La statua realizzata dall'artista Gillian Wearing, è stata inaugurata dalla premier Theresa May accanto al sindaco di Londra ...

 
Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Trump-Macron in abito nero, Melanie-Brigitte sfoggiano il bianco

Roma, (askanews) - Il presidente americano Donald Trump ha ricevuto alla Casa Bianca il presidente francese Emmanuel Macron. I due capi di Stato, in elegante completo scuro, erano accompagnati dalle rispettive moglie, Melanie e Brigitte, entrambe in completo bianco. Melanie con anche un cappello a larghe tese.

 
Economia

Bose europee contrastate, a Milano bene il lusso

Le Borse europee chiudono contrastate, sulla scia del ribasso di Wall Street dopo che i rendimenti decennali americani hanno toccato la soglia del 3% per la prima volta da gennaio 2014. A Milano l'indice Ftse Mib segna +0,22% oltre quota 24mila punti. In progresso Londra +0,36%, deboli i listini di Francoforte -0,17% e Parigi -0,10%, dove il fermo di Vincent Bolloré per un'inchiesta su presunte ...

 
I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

quinta edizione

I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

La quinta edizione di Encuentro, in programma a Perugia e Terni dal 2 al 6 maggio, sarà quella dei grandi immaginari che si incontrano e dialogano tra loro. La letteratura in ...

24.04.2018

Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018