michele cucuzza bianco e nero

FUORI DAL VIDEO

La dieta mima digiuno

03.06.2017 - 16:53

0

C'è un regime alimentare che, praticato soltanto per pochi giorni al mese, ed eventualmente ripetuto nei mesi successivi sempre ed esclusivamente sotto controllo medico, rallenta l'invecchiamento, rigenera le cellule e brucia i grassi.
È la dieta mima digiuno, sperimentata con successo negli Stati Uniti dal dottor Valter Longo, direttore dell'Istituto di longevità della California.
I suoi effetti positivi sono simili a quelli prodotti dal digiuno, senza tuttavia rischiare le conseguenze dello stress provocato dalla prolungata astensione dal cibo come l'alterazione del sistema immunitario o le difficoltà nella riparazione delle ferite.
Con la prova costume alle porte, mentre il sogno di smaltire cuscinetti e rotoli rischia di diventare un incubo, suonano come un salvagente le parole di Annalisa Panìco, endocrinologa all'università Federico II di Napoli.
Dopo averne sentite tante sulle diete, l'autorevolezza della fonte e le argomentazioni riportate ci inducono a una rispettosa curiosità. Anche perché si va ben oltre il desiderio di ritrovare una linea accettabile. Vediamo dunque un esempio di schema alimentare adattato da esperti per agevolare i pazienti nella gestione della dieta: il primo giorno vanno consumate 1100 calorie (10% proteine, 56% grassi, 34% carboidrati) con a colazione caffè o tè, un uovo sodo, una fetta di pane tostato integrale con una noce di burro; a pranzo insalata con mezzo avocado condito con olio d'oliva e limone, e poi acqua o tè; a cena zuppa di verdure miste con fagioli e una fetta di pane integrale; nello spuntino al pomeriggio 10 mandorle o noci, una mela e mezza tazza di succo di mirtillo o in alternativa due quadratini di cioccolato fondente.
Nei 4 giorni successivi si scende a 800 calorie (9% proteine, 44% grassi, 47% carboidrati) con questi suggerimenti: tè o caffè a colazione e una fetta di pane tostato integrale con mezzo avocado e una noce di burro; a pranzo acqua o tè senza zucchero, salmone affumicato o tonno in scatola, con verdure; a cena insalata con 4 gamberi o una zuppa di verdure; spuntino con 5 mandorle o noci, una mela e mezza tazza di succo di mirtillo o in alternativa i soliti due quadratini di cioccolato fondente.
“Con una alimentazione gradevole - sottolinea la prof. Panìco - vengono ridotti di molto gli zuccheri, eliminate le proteine di origine animale e preferite quelle vegetali. Si tratta di una dieta vegetariana breve come nessun'altra, che può essere ripetuta nel tempo per amplificare i suoi effetti benefici. Questo schema si basa sull'assunto che la riduzione delle calorie allunga la vita: ridimensionando zuccheri e proteine di origine animale, viene frenato l'ormone della crescita, il GH, che in eccesso può provocare negli adulti la predisposizione a tumori e a malattie metaboliche e cardiovascolari . Parliamo quindi di un potente strumento di prevenzione che però non può essere adottato da tutti: occorrono un'attenta visita e una prescrizione medica, una volta valutati gli eventuali fattori di rischio di ciascun paziente. È un regime adatto ad adulti tra i 18 e i 70 anni, ma non a donne in gravidanza, con disturbi del comportamento alimentare, diabetici in trattamento farmacologico, sportivi in periodi di allenamento e competizione. Le sperimentazioni in corso negli States danno risultati molto promettenti su tanti fronti: oltre alla riduzione del grasso addominale si è constatato un calo della glicemia, della pressione arteriosa, del colesterolo e dei trigliceridi”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

"Fermare la plastica prima che arrivi in mare"

É stato presentato al Castello Estense di Ferrara il progetto di pilota "il Po d'Amare " per la prevenzione dell' inquinamento da plastica in mare. Il progetto predisposto da Fondazione per lo sviluppo Sostenibile , Corepla e Castalia è realizzato grazie coordinamento dell'autorità di Bacino distrettuale del fiume Po.

 
Altro

L’Eni guarda al futuro con l’economia circolare

I cambiamenti climatici e la protezione dell'ambiente impongono un cambiamento di paradigma. L'economia lineare basata sullo schema estrazione-produzione-consumo-smaltimento non è più in grado di rispondere alle sfide del futuro. Ora si guarda all'economia circolare, incentrata sull'ottimizzazione della produzione, sul riutilizzo dei prodotti e sul recupero dei rifiuti. Ed è proprio in quella ...

 
Economia

L’Eni guarda al futuro con l’economia circolare

I cambiamenti climatici e la protezione dell'ambiente impongono un cambiamento di paradigma. L'economia lineare basata sullo schema estrazione-produzione-consumo-smaltimento non è più in grado di rispondere alle sfide del futuro. Ora si guarda all'economia circolare, incentrata sull'ottimizzazione della produzione, sul riutilizzo dei prodotti e sul recupero dei rifiuti. Ed è proprio in quella ...

 
Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018