michele cucuzza bianco e nero

Migranti, la lezione dell'arcivescovo

05.05.2017 - 21:28

0

"Il fenomeno migratorio non è un'emergenza passeggera: continuerà a lungo. Sarebbe necessaria una politica mondiale, non solo dell'Europa, che fino ad oggi invece non c'è stata.
Soccorrere i migranti nel Mediterraneo è un dovere, ma occorrono anche corridoi umanitari in Africa: mi auguro che il G7 di Taormina sappia dare le risposte necessarie e impostare gli interventi efficaci. Non si può andare avanti con slogan che servono soltanto ad accontentare l'opinione pubblica”.
Monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, all'attivo missioni in Tanzania, un centro di accoglienza per minori nella sua diocesi siciliana “senza ricevere un euro dallo stato”, non usa mezzi termini, dopo giorni di polemiche aspre sui sospetti avanzati dalla procura di Catania su presunte intese clandestine tra scafisti e organizzazioni umanitarie private (le Ong) che imbarcano i profughi abbandonati sui gommoni al largo della Libia.
A proposito delle ultime scintille tra i politici, Mons. Pennisi riecheggia le posizioni della Conferenza episcopale italiana che ha subito parlato di “atto ipocrita e vergognoso nei confronti di chi salva vite umane” visto che partiti e istituzioni hanno lasciato sole le organizzazioni non governative a soccorrere i naufraghi, senza nemmeno una struttura promossa e gestita da enti statali o dell'Unione europea.
“Non voglio entrare” chiarisce l'arcivescovo “nello scambio di accuse tra politici che potrebbero strumentalizzare questo problema a fini elettorali, dico che è giusto che la magistratura vigili e acquisisca conoscenze sulla situazione nel Mediterraneo, ma - senza fatti certi - è ingiusto mettere nel calderone tutte le Ong. Se qualcuna traffica con gli scafisti bisogna denunciarla, ma senza sparare nel mucchio: ai sospetti devono seguire prove sicure. Chi salva vite va ringraziato e valorizzato. Parliamo piuttosto dei governi, dell'Unione europea, dell'Onu, che continuano a non assumersi le loro responsabilità: dopo aver causato la disgregazione e la crisi in Libia, una volta abbattuto Gheddafi, hanno lasciato sole le organizzazioni non governative a occuparsi di profughi. In Africa si dovrebbe prima di tutto migliorare le condizioni di vita delle popolazioni. Conosco qualcuno che lo fa, ancora una volta sono le Ong, non le istituzioni pubbliche. E adesso? Si vuole scaricare sui volontari, facendo di ogni erba un fascio, responsabilità che sono dei governi europei e delle Nazioni Unite: non si capisce ad esempio perché parecchi paesi dell'UE possano rifiutarsi di accogliere i migranti, nonostante Bruxelles glielo abbia imposto”.
Ecco, l'accoglienza, il vero problema all'origine delle polemiche di oggi. L'opinione pubblica è stanca, i migranti sono troppi, lamenta, i partiti - chi più chi meno - non possono non adeguarsi: ‘non si può negare che l'allarme ci sia. Come pure il tentativo di strumentalizzarlo a fini politici. L'accoglienza va organizzata, gestita con intelligenza e senso di responsabilità, i migranti vanno controllati. Si può fare: il piccolo Libano è un esempio. Anche la Tanzania, a me particolarmente cara, è un paese di accoglienza. Da noi i migranti troppo spesso sono abbandonati alle strutture caritative, laiche e cattoliche, che se ne occupano cercando per quanto possibile di integrarli. Non dimentichiamo però che c'è anche chi fa affari sulle miserie altrui. Basti pensare al CARA di Mineo dove, con una serie di complicità, si era infiltrata 'Mafia capitale'.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Francia, in stato di fermo il miliardario Bolloré

Francia, in stato di fermo il miliardario Bolloré

Parigi, (askanews) - Il miliardario francese Vincent Bolloré è stato fermato a Nanterre per "corruzione di funzionari pubblici stranieri" in riferimento a due vicende a Lomé in Togo e a Conakry in Guinea. I magistrati sospettano che il leader del gruppo Bolloré abbia facilitato l'ascesa al potere di leader africani fornendo consulenze e servizi di comunicazione a prezzo inferiore al mercato. Lo ...

 
Salute

I 60 anni di Enterogermina, farmaco icona Made in Italy

Il probiotico italiano prodotto nello stabilimento Sanofi di Origgio (Varese) festeggia il suo sessantesimo compleanno in un momento di grande fermento per gli studi sul microbiota umano, la flora batterica intestinale. Mantenerla in equilibrio è fondamentale per il benessere dell’intero organismo

 
Cena glamour per Trump e Macron, le first lady rubano la scena

Cena glamour per Trump e Macron, le first lady rubano la scena

Mount Vernon (Virginia), (askanews) - Lo sfarzo di Mount Vernon, la dimora storica di George Washington in Virginia, una cena a base di agnolotti e sogliola di Dover, l'eleganza delle due first lady Melania e Brigitte - la prima in nero, la seconda in giallo - e soprattutto il feeling tra i due presidenti Donald Trump ed Emmanuel Macron. Due ore di convivio, durante le quali a rubare la scena ...

 
Altro

Attesa finita, tornano gli Avengers

Esce domani 25 aprile Avengers: Infinity War. Nuovo attesissimo film Marvel che arriva nelle sale in concomitanza con il decimo anniversario dei Marvel Studios. Il terzo capitolo degli Avengers e diciannovesimo sarà distribuito in circa 900 copie da The Walt Disney Company Italia. Gli Avengers si sono divisi in due fazioni durante la Guerra Civile, inoltre Hulk e Thor erano impegnati tra lo ...

 
I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

quinta edizione

I grandi dell'immaginario protagonisti a Encuentro

La quinta edizione di Encuentro, in programma a Perugia e Terni dal 2 al 6 maggio, sarà quella dei grandi immaginari che si incontrano e dialogano tra loro. La letteratura in ...

24.04.2018

Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018