michele cucuzza bianco e nero

Il viaggio di Papa Francesco

28.04.2017 - 12:41

0

Non userà l'auto blindata il Papa in Egitto, ma 60 mila soldati saranno mobilitati nella sola area metropolitana del Cairo per il suo viaggio “pastorale, ecumenico, interreligioso”: programmata da tempo su invito della più importante università islamica sunnita, quella di Al Ahazar, la missione di Francesco si svolge a soli 19 giorni dai sanguinosi attentati di Tanta e Alessandria rivendicati dall'Isis e a pochi mesi dall'attacco altrettanto grave nella capitale, ugualmente destinato a colpire i cristiani ortodossi copti.
Che paese vedrà il Pontefice? “C'è grande attesa. Nonostante il sangue versato e la tensione prevedibile, Francesco non troverà un paese diviso” riflette dal Cairo Neliana Tersigni, che da 13 anni racconta le vicende egiziane, prima per la Rai ora per Sky. “Si è diffuso spontaneamente da mesi” continua ‘un grande senso di solidarietà tra cristiani e musulmani che si chiedono stupiti: sono egiziani come noi, perché colpire i cristiani? Naturalmente questo non basta a ridimensionare l'esigenza di sicurezza e lo spiegamento di forze del regime. Abito di fronte al palazzo della Nunziatura apostolica che ospiterà il Papa: tutt'intorno già da giorni è proibito sostare; è facile immaginare che oggi e sabato la circolazione al Cairo resterà paralizzata. Da non perdere di vista, in ogni caso, la differenza sostanziale - palese in Egitto- tra la grande maggioranza musulmana pacifica e i gruppi islamisti che vogliono la teocrazia, applicando alla politica i dettami della loro religione, vista in maniera molto coercitiva.
È vero che sono nati qui, negli anni '20, i 'Fratelli musulmani', il primo movimento integralista che ha successivamente influenzato e stimolato il terrorismo jihadista , ma è altrettanto certo che in Egitto le organizzazioni che compiono atti feroci vengono decisamente combattute dal regime, a cominciare dai gruppi armati che imperversano nel Sinai. Non c'è famiglia egiziana che non abbia avuto un morto o un ferito nella penisola . Questo è l'unico paese della regione con un forte senso dello stato, nelle élite come tra i contadini: nell'ideologia islamista esiste invece solo la umma, la comunità dei fedeli musulmani. Lo stato sovrano non esiste'.
Senza dimenticare però che al-Sisi è diventato presidente in Egitto dopo aver rovesciato Mohamed Morsi del partito dei 'Fratelli musulmani' con un colpo di stato nel 2013: 'dopo però che Morsi si era arrogato tutti i poteri dello stato e le immunità. Milioni di persone erano scese in piazza per protesta chiedendo a gran voce l'intervento dell'esercito, che qui è visto come una grande istituzione popolare, formata dai coscritti di tutte le famiglie egiziane'.
In Egitto c'è da sempre una vastissima comunità italiana, recentemente l'ENI ha scoperto nelle sue acque il più grande giacimento di gas del Mediterraneo: tuttavia il paese per noi oggi significa soprattutto Giulio Regeni. Il portavoce della Santa Sede, Greg Burke, ha detto che 'quando può, Francesco viene incontro a richieste per motivi umanitari, con la massima discrezione e in modo efficace'. '
Una vicenda molto dolorosa e complicata' valuta Tersigni, 'credo che finché non sarà rimandato in Egitto l'ambasciatore italiano sarà difficile venirne a capo. Capisco che Roma non voglia inviarlo al Cairo per fare pressione sul regime, ma se non c'è un capo delegazione che reclama la verità da qua, sarà ancora più difficile fare chiarezza sulla morte crudele di Giulio'.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ratko Mladic condannato all'ergastolo dal tribunale dell'Aia

Ratko Mladic condannato all'ergastolo dal tribunale dell'Aia

L'Aia (askanews) - Il Tribunale penale internazionale dell'Aia ha condannato in primo grado all'ergastolo Ratko Mladic, l'ex capo militare serbo bosniaco soprannominato il "Macellaio dei Balcani". Mladic è stato riconosciuto colpevole di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità per il conflitto in Bosnia del 1992-1995. Prima della lettura della sentenza, l'ex capo militare dei ...

 
L'idolo millennial Beatrice Vendramin si racconta in un libro

L'idolo millennial Beatrice Vendramin si racconta in un libro

Milano (askanews) - La bella e grintosa Beatrice Vendramin non ha ancora 18 anni ma è già una star. Idolo dei Millennials con oltre 700mila follower su Instagram, è stata Emma la protagonista della serie Disney Alex&Co e ora ha deciso di rendere pubblico il suo diario trasformandolo in un libro "I piedi per terra, la testa nel cielo". "Ho voluto raccontare semplicemente quello che ho fatto fino ...

 
Renzi: spero che Berlusconi sia candidabile, vorrei sfidare lui

Renzi: spero che Berlusconi sia candidabile, vorrei sfidare lui

Roma, (askanews) - "Mi piacerebbe sfidare Berlusconi, spero venga messo nelle condizioni di fare la campagna elettorale". Così il segretario del Pd Matteo Renzi, parlando in treno con i giornalisti. "Ora siamo nella fase della costruzione delle coalizioni. Da qui alle prossime settimane si dovranno chiudere le squadre che giocano la partita e io sono, come tutti noi a parte Giachetti, molto grati ...

 
Ritrovati a Berlino un centinaio di effetti personali di Lennon

Ritrovati a Berlino un centinaio di effetti personali di Lennon

Berlino, (askanews) - Diari, portasigarette, lettere e occhiali sono alcuni dei numerosi oggetti appartenenti a John Lennon, circa un centinaio, che sono stati ritrovati a Berlino, dopo essere stati rubati, presumibilmente, dall'autista di Yoko Ono nel 2006. Il sospettato ha anche scontato due mesi in carcere nel 2007 negli Stati Uniti per aver tentato di ricattare la vedova di Lennon. "Stiamo ...

 
Melissa e Cyrille, musica al femminile

Jazz Club Perugia

Melissa e Cyrille, musica al femminile

Melissa Aldana e Cyrille Aimée saranno concerti al femminile al Jazz Club Perugia. La sassofonista cilena, con il suo quartetto, suonerà nella Sala Raffaello dell’hotel ...

21.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

Spoleto

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

E’ gia atmosfera natalizia a Spoleto grazie a Don Matteo. Tra luminarie, giochi di luce e una grande slitta che ha fatto capolino lunedì 20 novembre in corso Garibaldi dove ...

20.11.2017