Farinetti, per favore basta

Farinetti, per favore basta

15.03.2017 - 10:57

0

Non ho nulla contro Oscar Farinetti. Ha dato vita a un esperimento su scala internazionale che si chiama Eataly, e promuove il meglio, lo spero vivamente, di quello che produce l’enogastronomia italiana. che rivoluziona il rapporto tra offerta e consumo, ha indicato una soglia innovativa a tutta la filiera del settore e non solo, se ha attirato a sé anche le antenne del penultimo Presidente del Consiglio. Bene, tutte cose condivisibili, il Paese ha bisogno di intelligenze che scuotano le zavorre della tradizione e individuino percorsi nuovi, soluzioni capaci di schiudere un futuro e proiettare il local nel global. Farinetti è nato ad Alba, culla di baroli e tartufi, scrigno di eccellenze di vino e di terra, ha capito che la distribuzione è un ganglio decisivo nel successo di un'impresa, odia il marketing one-to-one ("una cagata"), gli hanno dedicato una biografia che si intitola, non deve esere per caso, "Il mercante di utopie", come a dire mettere insieme due cose che sembrerebbero agli antipodi. Dice che bisogna "parlare il meno possibile e andare sulle robe", che basta con le abitudini e che occorre cambiare nella vita, che i soldi sono una variabile dipendente dei valori e delle idee, che la vita ha sempre un lieto fine, che siamo in una fase di declino accompagnata da una caduta del coraggio e che il coraggio, invece, è la chiave di tutto, purché porti con sé amicizia, furbizia, tenacia, dubbio, furbizia, capacità di analisi e originalità.. Insomma, lo ascolti ed è un po' come una terapia di ottimismo, che alla fine galvanizza e trova tutti d'accordo, almeno lì attorno a lui, e pensi che non sarebbe male diffonderla con una trasfusione collettiva. Male non farebbe, in tempi di depressione acuta e scoramento generalizzato. Però. C'è un però. Io Farinetti non lo voglio più vedere, levatemelo di torno, cancellatelo. Attenzione non è una fatwa, non ho niente di personale contro una potenza marketing-oriented di questo genere, resto ammirato della sagacia e dell'impasto di umiltà-furbizia - lo dichiara lui stesso - con cui distribuisce la sua manna salvifica. E però, me lo trovo sempre fra i piedi, apro il computer, vado sui siti delle news, cerchi dell'attentato, del gol della partita, della diga che crolla, del ponte che è venuto giù, delle sedute curativo-spiritiche di Torino, dei bulli di Vigevano e.. non c'è niente da fare, un destino a cui non puoi sottrarti, una fatalità, appare lui, si presenta con nome e cognome, ricorda il primo Eataly aperto a Torino, confessa la devozione a un gestore telefonico - che lo ha assunto come testimonial e gli "offre le soluzioni migliori per i suoi valori" - e spiega che essere un ready business per lui "è dare all'impresa una connessione diretta con il futuro e che il futuro è mettere insieme le tradizioni e le tecnologie più avanzate". Ora, non discuto del merito, si può condividere, sono messaggi-insegna appoggiati a una bonomia soddisfatta e simpatica, si può non condividere.. non è questo. Il fatto è che, ogni volta che clicchi su un video, te lo trovi davanti e lui ricomincia, imperterrito, "Sono Oscar Farinetti, qui a Torino ho aperto il mio primo..", e così fino alla fine.
Ogni volta così, non c'è verso di aggirarlo, almeno di accorciarlo, di ridurlo al minimo di un'apparizione, no, niente, "Sono Oscar Farinetti, qui a Torino..". Per favore, basta. Non avevamo detto che il marketing one-to-one era una cagata!?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Borse positive, corre Bper ma frena Fca

Le Borse europee chiudono in rialzo. Riflettori puntati sulla riunione dei Paesi Opec: è stato deciso all'unanimità un aumento della produzione fino a un milione di barili al giorno. A fine seduta a Milano guadagna lo 0,99%, spread in calo. Maglia rosa per Londra +1,67%, positive le piazze di Parigi +1,34% e Francoforte +0,54%. A Piazza Affari corre Bper +7,36% dopo che il gruppo Unipol ha ...

 
Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Roma, (askanews) - Si è chiuso oggi a Palazzo Corsini, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, il 415esimo Anno Accademico dei Lincei, la più antica Accademia del mondo. L'Adunanza solenne si è aperta con la relazione del presidente Alberto Quadrio Curzio sull'attività svolta nell'Anno Accademico 2017-2018 e nel triennio 2015-2018 che lo ha visto alla guida della prestigiosa ...

 
L'Alchimista sul trono

Quattro Ristoranti

L'Alchimista sul trono delle enoteche gastronomiche

Giovedì 21 giugno alle ore 21.15 su Sky Uno hd è arrivata la nuova puntata inedita di Alessandro Borghese 4 Ristoranti (LEGGI Quattro ristoranti, in onda la puntata girata in ...

21.06.2018

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Moon in june

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Dopo l’anteprima del 22 giugno al teatro di Tuoro (alle 21) con le sperimentazioni elettroniche di Fields Conduction e il concerto dei Lstcat insieme a Ginevra Di Marco e ...

21.06.2018

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

foligno

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

Il fascino e le emozioni della Quintana sbarcano su Rai3, che sabato 23 giugno manderà in onda uno speciale di 66 minuti dedicato alla giostra vinta dal rione Cassero. ...

21.06.2018