michele cucuzza bianco e nero

Il politico impari dal vigile del fuoco

27.01.2017 - 11:00

0

L'Italia piange i 29 morti all’hotel Rigopiano e a Campofelice mentre celebra i suoi eroi, i soccorritori del 118, a partire da quelli periti sull’elicottero precipitato a Casamaina, i volontari, gli spalatori a mani nude, gli angeli della neve i vigili del fuoco.
Il Paese intero li esalta e li ringrazia, dal Presidente della Repubblica all’ultimo utente di Facebook, mentre i terremotati fanno sit in davanti ai palazzi del potere a Roma a nome dei 400mila lasciati senza corrente nelle zone colpite dal sisma, con l’amaro in bocca per aver saputo che la funzionaria della prefettura di Pescara che ha ignorato il primo allarme partito dall’hotel Rigopiano si sente “con la coscienza a posto”.
“I vigili del fuoco” ha commentato per primo Mattarella con la consueta capacità empatica di cogliere gli umori del paese ,”'rappresentano un punto di riferimento nelle emergenze, con il loro essenziale apporto operativo e, nella vita quotidiana, con la diffusione della cultura della prevenzione e della sicurezza.
A loro va, per l’insostituibile opera svolta, la riconoscenza e la fiducia della Repubblica e la doverosa attenzione delle istituzioni” .
Così il Presidente.
Gli ha fatto eco Gentiloni: “dobbiamo essere orgogliosi dei soccorritori”ha detto il presidente del consiglio, “al Rigopiano è stato fatto ogni sforzo possibile”.
Così discendendo per li rami, fino a internet, dove la fan page su fb dei vigili del fuoco ha raccolto 448mila visualizzazioni per un solo video tra i tanti, le immagini della messa in salvo, fuori dai lastroni di ghiaccio, della piccola Ludovica nell'albergo sul Gran Sasso travolto dalla valanga. Più sotto, nello stesso sito, foto e video dei cori e degli striscioni che negli stadi di mezza Italia domenica scorsa hanno celebrato i vigili del fuoco come “orgoglio nazionale”. Nei social media però la gratitudine ha assunto toni via via più aspri, polemici nei confronti di altre strutture pubbliche meno efficienti. E della politica, naturalmente, più o meno esplicitamente.
“Mentre lo stato latita o fa solo molta scena e pochi fatti” ha postato su LinkedIn Raffaella Pingitore, insegnante a Milano “i vigili del fuoco ci sono sempre, ovunque, accanto alle popolazioni così duramente colpite, facendo il loro dovere come sempre, con pochi mezzi e per pochi soldi”.
“Onore a voi che sfidate le avversità e ci aiutate a vivere e tornare alla vita” invoca Elisa Cordioli. “In questa epoca negativa” commenta Caterina Crucchi “voi siete parte della bellezza, per cui vale la pena di vivere e di donarsi sempre al prossimo: siete delle persone meravigliose , uniche”.
E così via in un inno virale al sacrificio del pompiere coraggioso e capace, pagato due lire, contrapposto all’inefficienza di molte figure pubbliche e della burocrazia strapagata e inadeguata.
Non è molto complicato da decrittare, soprattutto dopo la sentenza della consulta che potrebbe avvicinare la data del voto. Prima di parlare di pericoli del populismo, del trumpismo in salsa italiana, di voglia dell’uomo forte perché non occuparsi di cosa vogliono gli italiani?ù
Al netto del risentimento di stagione, invocare efficienza, rapidità, correttezza, senso civico, sensibilità, morigeratezza non vuol dire chiedere necessariamente la luna dell’antipolitica.
L’elogio dei vigili del fuoco e degli altri volontari e addetti che hanno salvato molte vite in questi giorni funestati dal terremoto e dalle valanghe contiene un messaggio chiarissimo alla politica. Che ha un’occasione straordinaria, favorita da un eventuale prossimo confronto elettorale, di riavvicinarsi agli umori e ai sacrosanti desideri dei cittadini che, più o meno implicitamente dicono: fate come i vigili del fuoco, finendola di latitare, di fare scena senza costrutto, di promettere senza mantenere, di fare i soldi in alcuni casi facendo politica. E’ troppo? Altrimenti è inevitabile che cominci davvero a diffondersi, come teme Gentiloni, “la voglia di capri espiatori e di giustizieri”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

Legittima difesa, Bonafede: "Nessuna liberalizzazione delle armi"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 "In nessun modo la realizzazione dell'obiettivo riformatore, per come concepito dalla maggioranza, potrà portare alla liberalizzazione delle armi in Italia, la detenzione ed il porto delle quali risultano disciplinate da disposizioni normative rigorose sulle quali il Governo non avverte alcuna esigenze di intervenire, trattandosi di leggi che rappresentano, ...

 
Umbria Jazz: Perugia invasa da giovanissimi per i Chainsmokers

Umbria Jazz: Perugia invasa da giovanissimi per i Chainsmokers

Perugia (askanews) - E' stata la serata elettro-pop più dance della manifestazione regina del Jazz d'Europa: l'esibizione dei Chainsmokers ha fatto registrare un pienone di giovanissimi all'Arena Santa Giuliana di Perugia, nell'ambito della 45esima edizione di Umbria Jazz. Quella di Perugia è stata anche l'unica tappa italiana del duo dei record che ha dominato tutte le classifiche internazionali ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018