Poche parole e tanti fatti!

Poche parole e tanti fatti!

15.04.2014 - 15:35

0
Da un giro di opinioni raccolte per la strada o nei vari luoghi d'incontro comune a tanta gente, emerge la sensazione che le cose in politica continuino a non essere affrontate come dovrebbero. Sembra apparso qualcuno che trasmette un certo entusiasmo e di gran lena comunica a tutti le tante cose che sa. Pare che lui solo abbia le ricette giuste in mente, anche se non si può dire in tasca, perché non si è certi della fattibilità di tali idee. Si ipotizza che finora siamo stati guidati da un branco di incompetenti, oppure di indifferenti ai veri problemi del paese e finalmente, si aspetta una svolta utile per i cittadini. Poi, però, approfondendo, l'entusiasmo cede il passo all'incertezza e all'insicurezza e questo non solo a causa del malessere che sfiducia un po' tutti, ma anche perché sembrano già svanire le prime promesse che sono state fatte a suo tempo (troppo poco tempo fa) per guadagnare terreno su altri. C’è chi imputa a giovani età l'incapacità di riconoscere le questioni nodali dei processi, per attivare le vere riforme necessarie, altri attribuiscono ai dispetti di palazzo la nascita di quelle frizioni che ostacolano volontariamente i successi possibili. Meglio sarebbe, a detta di ultimi, non far realizzare qualcosa di buono, piuttosto che farlo realizzare agli avversari, quindi boicottaggio a tutti i costi. Chi ci capisce di più tiri fuori il senno, per favore! Qui urge una rinascita totale! È vero che fino ad una certa età vengono sventagliate ai quattro venti tutte le cose che si sanno e anche quelle che non si sanno, pur di fare colpo. Certamente più utile sarà arrivare a dire solo le cose che si conoscono davvero, da maturi, fino a quando poi, da anziani, si diranno solo le cose che servono. Auguriamoci che al dire corrisponda il fare. Chi ha detto poche parole, mentre stava centrando il suo obiettivo, è stato Gesù di Nazareth! Gesù ha subito uno dei processi più assurdi della storia ed è stato condannato mentre si contravveniva alle leggi vigenti. Eppure, con poche parole e tanti fatti ha lasciato che si consumasse ciò che procurava il cambiamento più radicale della storia dell'uomo, di ogni tempo e per tutti i tempi. Quel che avvenne, storicamente, viene celebrato nella liturgia della settimana santa, di qui a pochi giorni, nelle chiese cristiane. Rimango stupito e dispiaciuto che mentre si vivono, nella fede plurimillenaria di un popolo, dei riti che fanno riferimento ad eventi nodali e nevralgici per la storia dell'Umanità, la maggior parte della gente continui ad essere distratta da tante altre cose. Il venerdì santo, a mio avviso, dovrebbe essere lutto nazionale, per riflettere sulla salvezza del mondo e per pensare a chi, appeso ad una croce, ha parlato di pace come mai nessun uomo. La legge dell'amore sopra ogni altra cosa, inteso come carità in azione, è il messaggio centrale di Gesù e se non recuperiamo l'amore all'uomo, per mettere al centro di ogni progetto la persona, si continuerà a farla fare da padrone soprattutto al profitto e di conseguenza si continueranno a mietere ora quelle ora queste vittime, a turno, una dopo l’altra. Prima che alle strategie politiche apriamo il nostro cuore all'amore verso il prossimo, solo allora le idee prenderanno una veste utile a tutti e si potranno fare passi in avanti. Arriva la Pasqua, la rinascita può essere totale! 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Altro

Ecco come si tagliano i capelli nello spazio

Come ci si tagliano i capelli in orbita? Ce lo mostra l'agenzia spaziale russa Roskosmos che ha pubblicato sul suo sito web un video nel quale si vede il cosmonauta russo Anton Shkaplerov con una macchina speciale che taglia i capelli al suo collega Alexander Misurkin. Gli astronauti usano una macchina speciale, dotata di un tubo aspirapolvere che non fa disperdere i capelli tagliati a gravità ...

 
Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Roma, (askanews) - L'Ultima Spiaggia di Capalbio, uno degli stabilimenti balneari più conosciuti d'Italia, celebra lo storico traguardo dei 30 anni di attività con una raccolta di storie, aneddoti e contributi segnalati o scritti per l'occasione dai clienti. Foto, biglietti, cartoline, ricordi ma anche poesie per una realtà imprenditoriale di successo che non è mai stata soltanto uno stabilimento ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018