Quaresima, tempo forte per l’uomo

Quaresima, tempo forte per l’uomo

25.03.2014 - 12:47

0
Nel tempo quaresimale è inevitabile parlare di croce e quando si alza lo sguardoverso il Crocifisso, si viene raggiunti da diversi stimoli capaci di far sviluppare, nella mente e nel cuore, tante e tali emozioni, interrogativi di vario genere, sentimenti che immediatamente fanno capire che non si è di fronte ad una cosa qualsiasi, non fosse altro per le conseguenze storiche che il Crocifisso procurò, ma di fronte alla possibilità di "cambiare vita". Proprio così, anche se può sembrare esagerato per chi non ha fede o non è credente in Gesù Cristo…Cambiare vita! La qualità esistenziale di un individuo dipende dalla sua condizione di libertà, non da intendersi come libero da sbarre carcerarie o da altri impedimenti, ma da quanto sia in possesso della verità. E’ la verità che rende liberi! Solo quando si conosce, allora si può agire e decidere per quel che pare meglio, nella speranza che corrisponda con ciò che è davvero bene, un bene oggettivo per la persona e per chi lo circonda. Conoscere la verità delle cose attraverso la relazione con Gesù di Nazareth, che ha sofferto per accogliere e trasformare la sofferenza; che è morto per annientare definitivamente la morte e quel che ne rimaneva prigioniero; che è risorto per donare al mondo intero, con tutto ciò che contiene, una vita nuova. Una vita nuova! Dunque, per mezzo di Gesù la vita cambia. Questo è un annuncio, certo, pur se sul piano ontologico è oggettivamente accaduto, per molti è solo un discorso di fede. Ecco allora che entra in campo il coinvolgimento proprio, per tentare un’esperienza personale. Non qualcosa detta da altri e basta, ma qualcosa provato e sperimentato direttamente in prima persona. Il punto di partenza può essere appunto vivere la quaresima come un tempoforte, cominciando dall'alzare lo sguardo verso il Crocifisso e accogliere quello che ne viene, senza timore né superficialità, lasciandosi portare dalla voce dell'anima e della coscienza che collaboreranno a far percepire la verità che scaturisce da colui che si è lasciato trafiggere per noi. La sfida è questa: quel “per noi”, davvero vuol dire “anche per me?” Quanto c’entro io con Lui e quanto c’entra il Crocifisso con me? Non è mio desiderio, in questa circostanza, enumerare motivi di credibilità e ragionevolezza del dato di fede in Gesù Cristo, perché spero invece, di far venire un certo “appetito” che spinga a provare un cammino di novità ed appunto un tempo forte per l'uomo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Luca Barbarossa: "Roma è de tutti, porto la romanità in tour"

Luca Barbarossa: "Roma è de tutti, porto la romanità in tour"

Roma, (askanews) - Una grande festa, con tanti ospiti, e la romanità al centro della scena. Luca Barbarossa festeggia il 29 giugno alla Cavea dell'Auditorium Parco della Musica il suo progetto "Roma è de tutti". Che l'artista racconta così: "Il progetto Roma è de tutti è una sorta di concept album, anche il concerto rispetta in scaletta dalla prima all'ultima canzone dell'album. Sono capitoli di ...

 
Su due ruote dal Sudafrica all'Angola: la missione dello Ied

Su due ruote dal Sudafrica all'Angola: la missione dello Ied

Roma, (askanews) - L'Istituto Europeo di Design insieme a Humacoo Foundation e MotoForPeace Onlus ha lanciato il progetto Missions_in missione per le missioni. Lo scorso aprile è partita la spedizione in Africa dei giovani creativi IED per dare un volto agli operatori delle missioni umanitarie in Sud Africa, Namibia e Angola e documentare il lavoro degli "anonimi" che si impegnano quotidianamente ...

 
Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018