Altre vittime del tutto e subito

Altre vittime del tutto e subito

18.02.2014 - 10:23

0
Come la terra cerca l’acqua, come il fiore cerca la luce e tante cose cercano altro necessario, così, mi sembra di capire, siamo alla ricerca di silenzio, di spazio, di tempo. Emerge, nel nascondimento, un bisogno di minimale, in contrapposizione al tanto, allo sfarzo, all’esagerato. Da troppo tempo ci si ubriaca di cose eccezionali, si corre dietro alla spettacolarizzazione e all'effetto speciale. Fatto è che il bisogno di essenziale resta timido, non urla, non pretende ma mette radici sempre più profonde e si prepara a rompere l'asfalto che lo sovrasta. Se, perlomeno se ne sapesse riconoscere il linguaggio e se ne accettassero i presupposti che lo alimentano e gli si desse occasione con un po' di umiltà, quel bisogno di essenziale e di minimale riordinerebbe tante cose. Quanta folla nelle nostre menti, invece! Quella ricerca di silenzio, di spazio e di tempo, schiuderebbe tappi, lancerebbe ad alte quote, ma senza frenesie e imprudenze, perché il volo alto avverrebbe in profondità e non in superfice. Assecondare quella ricerca ci orienterebbe su nuovi percorsi, nei quali la spericolatezza lascerebbe il posto alla prudenza e la velocità sarebbe controllata e a misura d'uomo. Risultati positivi e superiori, rispetto a quelli previsti, sarebbero inanellati, mentre i confronti pacifici nutrirebbero in abbondanza le programmazioni e le larghe intese, accontentando moltitudini, democraticamente e senza compromessi. Invece, si continua a volare basso in senso negativo, nel monocromatico e nell'ostentazione, nella falsità e nella non chiarezza, perché ancora una volta ha trovato posto il rumore, il "tutto e il subito", e sono state mietute vittime. L'arroganza e la presunzione ne mieteranno ancora, cominciando da chi ha sferrato il colpo, soggiogato dalla superbia. Sì, sono metafore che alludono al mondo di tutti i giorni! Chissà se, per analogia, qualcuno in più riconoscerà le attività del proprio cervello e si rimetterà a pensare, immergendocisi però, anche se solo ogni tanto. La frenesia e la voglia di potere subito, hanno partorito le nozioni delle cose, travolgendo i tempi fisiologici che trasformano in cultura, e in più, stanno segando o addirittura negando l'importanza dell'assoluta preparazione, che richiede tempo. Sì, tempo e silenzio sono necessari per interiorizzare e, senza lo spazio adeguato, quel bisogno viene castrato e con dolore, lasciando mutilazioni di sorta. Purtroppo ci si scontra continuamente con chi di essenziale non respira nulla, in un tempo agitato e in uno spazio rumoroso. Se però puntassimo i piedi sui valori, allora la sofferenza dell'uomo d'oggi procurerebbe nuovamente arte! Comunque irromperà l'alba nuova! Arriveranno giorni in cui avremo ancora "acqua potabile e aria pulita". Maturerà chi dischiuderà "lucchetti di fango e paglia" e crolleranno i castelli di sabbia, sotto l'onda dell'oceano di pace. Intanto sopportiamo pazientemente chi non riesce a non giocare con le vite degli altri, ma evitiamo di rimettergli il pallino in mano. Che dramma, avere bisogno di silenzio e confrontarsi sempre con il rumore! 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gentile (Rfi): gelicidio imprevedibile, complicata prevenzione

Gentile (Rfi): gelicidio imprevedibile, complicata prevenzione

Bologna (askanews) - Il fenomeno del gelicidio che ha provocato ritardi sulla rete ferroviaria è un "fenomeno che si presenta in modo istantaneo" quindi "improvvisamente" ed è perciò "complicato" prevenire. Lo ha detto Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi). "Le situazioni più critiche permangono tra la Liguria, il Piemonte e un po' ...

 
Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017