A te, nella giornata del malato

A te, nella giornata del malato

11.02.2014 - 09:14

0
A te che soffri per una malattia nel corpo, nello spirito o nella psiche; a te che hai perso la speranza di guarire e a te che ancora la nutri con forza; a te che, ogni giorno, ti alzi augurando a qualcuno di guarire o che ti prodighi volontariamente o professionalmente, perché a qualcuno venga alleviata la sofferenza e il dolore provocati da qualche malattia; a te che studi o lavori per curare le malattie; a te che resti nei confessionali per elargire il perdono di Dio o che apri un consultorio per dare inizio a delle relazioni di aiuto; a teche aspetti un compenso per l'assistenza svolta questa notte a chi era solo o soffriva in casa o in una corsia d'ospedale e a te che invece, la notte, l'hai appena passata in bianco, per restare vicino a chi è malato e lo fai, perché doni il tuo tempo agli altri, senza utili; a te che hai appena finito di fare colazione con il ricordo negli occhi dello sguardo addolorato di un bambino o di un anziano e a te che hai appena ricevuto la notizia di essere stato colpito da una malattia; a te che stai programmando un viaggio in terre lontane, per raggiungere posti di assistenza medica o umanitaria e a te che stai già in viaggio per lo stesso motivo o ne sei appena tornato; a te, che fai finta di essere consolato, perché apprezzi chi ha provato ad incoraggiarti, ma anche a te che, invece, hai trovato consolazione per la prima o per l'ennesima volta e ti stupisci delle risorse umane; a te che stai in fila in qualche laboratorio di analisi, sperando che chi ami non è affetto da un brutto male e a te che ti dispiaci di non poter raggiungere tutte le persone malate che non sono amate da nessuno; a te che sai dare una carezza o proferire la giusta parola a chi è preda del panico per il suo male; a te che sai accogliere chi ti assiste e ti lasci aiutare con pazienza e gratitudine; a te, che hai appena finito di pensare che potevi fare meglio e di più per chi soffre; a te che non hai pretese mentre porti la tua croce; a te che sei testimone di gioia mentre sopporti delle pene; a te che ancora una volta hai risposto che non hai nulla, tenendo segreta la tua malattia; a te che sottovaluti la tua malattia e a te che al contrario esageri per questo; a te, dolce mamma di un bambino offeso dalla natura e a te che hai deciso di combattere contro tutti per far nascere tuo figlio nonostante le diagnosi terribili; a te, che sono giorni o anni che aspetti che "spunti il sole" sul tuo dolore grigio e speri che si spenga come fuoco sotto acqua fresca; a te, in questo giorno dedicato ai malati, il mio povero pensiero e la mia preghiera. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
Le prime immagini dell'esplosione di New York

Le prime immagini dell'esplosione di New York

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. Scondo i media americani diverse persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata. Le linee della metropolitana A, C ed E, che si incrociano nei pressi del luogo dove è avvenuta l'esplosione, sono state fatte evacuare.

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017