Tutti noi possiamo dare di più

Tutti noi possiamo dare di più

28.01.2014 - 14:36

0
Abitualmente siamo portati ad interessarci delle cose grazie alle quali ne abbiamo un tornaconto. C'impegniamo negli affari che, a seguito di un nostro contributo, ci permettono di trarre un beneficio personale. Impieghiamo energie proprie quando ne vale la pena ed il criterio che domina sul discernimento è il guadagno o il profitto… Come siamo materiali! Fatto è che anche negli affetti finiamo per donarci e per amare solo quando siamo della stessa lingua, razza, popolo o nazione, quando si condividono gli stessi ideali o si fa il tifo per la stessa squadra, diventando repentinamente antagonisti o avversari con chi ha passioni diverse o contrarie o semplicemente appartiene, per scelta o diritto, ad altre frange. Com’è difficile gioire o godere dei successi altrui, delle soddisfazioni degli altri, fosse anche la figlia della mia migliore amica al saggio di danza, se questa è stata più brava della mia… Quando ci si limita a questo tipo di soddisfazioni, quali per esempio il mio primeggiare ed il tuo fallimento, si resta gretti e si diventa sempre più disumani, anche se non ce ne rendiamo conto. Ci si barrica in se stessi, ci si arrocca dentro le poche sicurezze e si esce allo scoperto solo quando si è in branco, pronti però a tradire nel momento della sfida, che inevitabilmente si presenta, contro o a danno di quelli che consideravamo complici e ci consideravano amici… Che quadro negativo! Forse sì (ma forse reale), però se non ci si apre ad un altro tipo di amore, allora queste dinamiche sono all’ordine del giorno, falso sarebbe negarlo. Certo che si può fare e vivere diversamente, certo che si può dare in altri modi e di più! Certo che come potenziale siamo più dotati, ma certe capacità e risorse emergono quando ci si apre alla gratuità del dono, all’andare verso l’altro o verso qualcosa, con libertà d'intenti, quando accettiamo che la nostra operosità si consumi anche se non ci sono utili da spartire, e soprattutto qualora fossimo felici di vedere gioire un altro anche senza che, necessariamente, venga riconosciuto che solo grazie a me ha ottenuto dei risultati positivi. Insomma aiutare e basta! Servire, inteso come essere utili, anche senza la bramosia del denaro, anche se chi mi ringrazia, oltre a questo, non potrà mai contraccambiare. Ma da dove viene un cuore così? E' il cuore di Cristo, ma anche quello dell'uomo! Un cuore, quest'ultimo, plasmato ad immagine e somiglianza del Suo creatore e reso capace di possedere lo stesso Spirito divino, per grazia di Dio, quindi atto ad amare con gli stessi sentimenti di gratuità. Un cuore che ama, semplicemente perché ama, e consuma amore, e chi lo incontra è investito di tale amore e basta.In realtà, tutti noi siamo mandati a testimoniare questo amore, infatti, con tale comportamento saremmo sale della terra e luce del mondo! Che responsabilità, vero? Da soli non è possibile, ecco perché c'è bisogno di comunione con Dio, di comunione continua però, e non solo a tratti per ottemperare a presunti riti vissuti ipocritamente. Osservare altri che si amano e amano gratuitamente e lasciarsi contagiare, per diventare poi interpreti e protagonisti di un nuovo modo di amare, vorrebbe dire favorire quella famosa nuova evangelizzazione di cui si parla ormai da più di venti anni e che è davvero la cosa più urgente di tutte e tra tutte!
*frate minore cappuccino

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Altro

Ecco come si tagliano i capelli nello spazio

Come ci si tagliano i capelli in orbita? Ce lo mostra l'agenzia spaziale russa Roskosmos che ha pubblicato sul suo sito web un video nel quale si vede il cosmonauta russo Anton Shkaplerov con una macchina speciale che taglia i capelli al suo collega Alexander Misurkin. Gli astronauti usano una macchina speciale, dotata di un tubo aspirapolvere che non fa disperdere i capelli tagliati a gravità ...

 
Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Roma, (askanews) - L'Ultima Spiaggia di Capalbio, uno degli stabilimenti balneari più conosciuti d'Italia, celebra lo storico traguardo dei 30 anni di attività con una raccolta di storie, aneddoti e contributi segnalati o scritti per l'occasione dai clienti. Foto, biglietti, cartoline, ricordi ma anche poesie per una realtà imprenditoriale di successo che non è mai stata soltanto uno stabilimento ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018