Solidarietà: solo per casi eccezionali?

Solidarietà: solo per casi eccezionali?

26.11.2013 - 11:03

0

Ormai la storia recente ci dimostra e ci insegna che la popolazione italiana sa essere molto solidale quando ce n’è bisogno.E’ sul bisogno che spesso mi interrogo. Sembra che le importanti azioni di solidarietà, come anche quelle di volontariato, siano impiegate nelle circostanze eccezionali o estreme. Quando accadono eventi terribili, che purtroppo sono capaci di mettere in ginocchio intere aree geografiche, situazioni familiari o personali, oppure quando si devono gestire avvenimenti quali cataclismi naturali, terremoti, inondazioni, alluvioni e così via  o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 

Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.

La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!

Frate minore cappuccino

o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 
Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.
La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!
[FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli 
<CF90>Frate minore cappuccinoo altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale![FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli <CF90>Frate minore cappuccino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018