Solidarietà: solo per casi eccezionali?

Solidarietà: solo per casi eccezionali?

26.11.2013 - 11:03

0

Ormai la storia recente ci dimostra e ci insegna che la popolazione italiana sa essere molto solidale quando ce n’è bisogno.E’ sul bisogno che spesso mi interrogo. Sembra che le importanti azioni di solidarietà, come anche quelle di volontariato, siano impiegate nelle circostanze eccezionali o estreme. Quando accadono eventi terribili, che purtroppo sono capaci di mettere in ginocchio intere aree geografiche, situazioni familiari o personali, oppure quando si devono gestire avvenimenti quali cataclismi naturali, terremoti, inondazioni, alluvioni e così via  o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 

Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.

La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!

Frate minore cappuccino

o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 
Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.
La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!
[FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli 
<CF90>Frate minore cappuccinoo altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale![FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli <CF90>Frate minore cappuccino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
Le prime immagini dell'esplosione di New York

Le prime immagini dell'esplosione di New York

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. Scondo i media americani diverse persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata. Le linee della metropolitana A, C ed E, che si incrociano nei pressi del luogo dove è avvenuta l'esplosione, sono state fatte evacuare.

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017