Solidarietà: solo per casi eccezionali?

Solidarietà: solo per casi eccezionali?

26.11.2013 - 11:03

0

Ormai la storia recente ci dimostra e ci insegna che la popolazione italiana sa essere molto solidale quando ce n’è bisogno.E’ sul bisogno che spesso mi interrogo. Sembra che le importanti azioni di solidarietà, come anche quelle di volontariato, siano impiegate nelle circostanze eccezionali o estreme. Quando accadono eventi terribili, che purtroppo sono capaci di mettere in ginocchio intere aree geografiche, situazioni familiari o personali, oppure quando si devono gestire avvenimenti quali cataclismi naturali, terremoti, inondazioni, alluvioni e così via  o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 

Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.

La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!

Frate minore cappuccino

o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 
Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.
La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!
[FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli 
<CF90>Frate minore cappuccinoo altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale![FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli <CF90>Frate minore cappuccino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017