Ma dove stiamo andando?

Ma dove stiamo andando?

19.11.2013 - 15:38

0
Una volta, parlando a un gruppo di giovani, domandai: "cosa vi fa stare bene?" Dopo qualche secondo di silenzio, prese a parlare uno di loro e mi disse: "a me piace tanto andare in barca a vela! Ogni volta che mi è possibile prendo il largo fino al punto che mi impedisce di vedere l'orizzonte. In mare aperto, immerso in un grande silenzio, stimolato solo dal leggero vento che soffia sulle vele e dal naturale sbattere dell'acqua sulla barca, provo una piacevolissima sensazione, quasi mi dimentico delle difficoltà di ogni giorno e riesco a raggiungere un grande senso di serenità. Il contatto con la natura in quel momento mi basta e vorrei che, se fosse possibile, quel tempo non terminasse mai". Rimasi colpito positivamente da come il giovane aveva rappresentato ciò che lo faceva stare bene e gli feci questa domanda: "se una volta che tu fossi in mare aperto, ti venisse tolta la bussola e la barca facesse quattro giri attorno a se stessa, senza poter più riconoscere dove si trova terra, sprovvisto delle coordinate offerte dalla bussola, che sensazione proveresti?" Quasi simultaneamente il gruppo riconobbe essere una circostanza di panico. Presero a dire, con il giovane d'accordo con loro, che una situazione del genere sarebbe angosciante, infatti ogni metro di mare percorso, viaggiando senza bussola e senza sapere da che parte si trova l'approdo, vorrebbe dire correre il rischio di allontanarsi sempre di più dalla meta. Inoltre sarebbe estremamente difficile accettare di compiere degli sforzi per viaggiare, se malauguratamente si procedesse dove non si sa. Ecco dunque che aggiunsi: "allora dobbiamo riconoscere che, oggettivamente, non è il viaggio in barca a vela, pur se compiuto in condizioni di sicurezza nel mare aperto che fa stare bene, quanto piuttosto il percorrere tale viaggio e vivere tale esperienza sapendo dove si va!" È una metafora con l'esistenza che i giovani hanno immediatamente colto e si sono chiesti se in effetti gli sforzi compiuti nella lotta della loro vita sono giustificati e aiutati da un senso della meta. Si corre davvero il rischio di puntare solo su soddisfazioni effimere, da consumare in fretta, senza essere certi che si costruisce per giungere ad un risultato. Questo, purtroppo, è un aspetto sottovalutato, infatti se si lotta senza saperne il perché, non è certo detto che la sera si vada a letto sereni e felici. Non basta tentare di arrivare ad un punto, è necessario conoscere anche il come e il perché si vuole arrivare a quel punto. Come vai? Perché vai? Dove vai? La mia bussola si chiama Gesù, e la tua? 

Antonio Tofanelli - Frate minore cappuccino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Tokyo (askanews) - Shinzo Abe alla prova della verità. Il 22 ottobre in Giappone si vota per la Camera dei rappresentanti, un passaggio importante per il premier nipponico che ha indetto le elezioni anticipate con il doppio obiettivo di ottenere un mandato per la riforma costituzionale e dirottare in ambito sociale l'extragettito che dovrebbe giungere dal 2020 grazie all'incremento della tassa ...

 
Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Milano (askanews) - Nel variegato mondo del prosecco, occupa un posto di eccellenza. Un'eccellenza garantita dal territorio su cui nasce, quelle colline adagiate tra le asperità delle Dolomiti e la laguna veneta. E dalla sapienza degli uomini che qui lo producono da oltre 140 anni. Il Conegliano Valdobbiadene prosecco superiore Docg è il frutto di questo lembo di terra fortunata, 15 Comuni nelle ...

 
Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Roma, (askanews) - Ancora non è troppo tardi per approvare le riforme che farebbero riconsiderare al leader dell'opposizione kenyana Raila Odinga la sua decisione di ritirarsi dalle elezioni presidenziali del 26 ottobre. Lo ha affermato lo stesso Odinga parlando con la stampa dopo le dimissioni di Roselyn Akombe, membro della Commissione elettorale che si è detta convinta della parzialità di ...

 
A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

Ischia, (askanews) - I sette ministri dell'interno delle principali democrazie industrializzate del mondo si incontrano a Ischia per il vertice del G7 su contrasto al terrorismo, anche via web, e lotta ai foreign fighters di ritorno dai territori liberati dall'Isis. In tanti però sono scesi in piazza per chiedere ai grandi politiche diverse e che tutelino i diritti umani. Ecco alcune voci del ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017