Cittadini o sudditi?

Cittadini o sudditi?

12.11.2013 - 14:29

0

Senza volere accusare o giudicare nessuno, ma come semplice osservatore di ciò che mi accade e mi sta attorno, non posso non rilevare un profondo e preoccupante malcontento generalizzato. Si avverte una capillare sfiducia nelle persone che si incontrano e questo è davvero, per me, motivo di riflessione e dispiacere. Ascolto tanta gente che, lamentandosi continuamente, rimprovera qualcuno mentre è arrabbiato anche con un altro, ma non sempre con delle idee chiare o con motivazioni appurate e ben difese. Spesso, anzi, sembra che ci si trovi dentro una scia negativa, con un'onda che travolge senza sapere dove farà approdare. Molte volte ci si imbatte in discorsi poco sensati altre volte in affermazioni che non si capisce quale paternità abbiano, perché passano di bocca in bocca come luoghi comuni, ma non conducono a sintesi o risultati. L'umore di tanti è ormai sotto terra, qualcuno, al contrario, è vittima di deliri euforici. Ma cosa è successo al nostro bel Paese? Che cosa succede ogni giorno tra le nostre strade e all'interno delle nostre famiglie? Perché tanto malcontento? Persino gente realizzata professionalmente e serena dentro casa è per la maggior parte desolata, quando si confronta sui nostri sistemi sociali e specialmente politici. Non voglio assolutamente attribuire colpe, quanto piuttosto commentare brevemente. Penso che mano mano si stia perdendo la capacità, la coscienza, il coraggio e la voglia di essere protagonisti del proprio destino, a causa del non riconoscersi in grado di poter incidere davvero nei sistemi che ci sono attorno e, ancora peggio, nella propria vita. Eppure partecipazione, sensibilità e dovere del cittadino è anche quello di essere operoso, imprimere segni del proprio passaggio e di come si è consumato il proprio tempo vissuto in un ambiente insieme ad altri. Non è solo questione di educazione civica, ma di pluriformità di pensiero, che nelle diversità arricchisce armonicamente la convivenza. Tanti doni personali di abitanti di un luogo che potrebbero essere messi a disposizione e a servizio di tutti, che non vengono utilizzati perché mai richiesti. Tante capacità e idee che sarebbero volte a costruire, mai confrontate o espresse. Purtroppo alla mercé di pochi il compito di produrre pensieri preconfezionati e di propinare programmi e progetti, senza dare importanza al parere della moltitudine. Ma che siamo diventati sudditi? È come se ci si trovasse dentro un gregge guidato da lupi che non pensano a proteggere, che non sanno dove andare (o forse lo sanno troppo, ma solo per loro …) e che anzi, all'improvviso, aggrediscono. Ci si trova in attesa della prossima stangata da prendere, mentre intanto ci si distrae con diversivi superficiali. E pensare che si confonde il fisiologico bisogno di evasione, con banalità di persone. La tensione e l'agitazione, crescendo, procurano a volte risposte violente e immorali, altre volte sfoghi insignificanti e amorali. Non ci si ritrova ad essere costruttori attivi e protagonisti nelle proprie cose, anche quando si parla di ciò che si pensa ti appartenga, perché in realtà non si è più proprietari definitivamente di qualcosa, infatti tra oggi e domani si presenta un estraneo a deliberare per cose che pensavi ormai fossero tue. C'è sempre qualcuno che decide per te, anche chi non hai scelto come adatto a farlo, anche chi non hai mai delegato ad amministrare per tuo conto, mentre sfugge colui che pensavi ti potesse rappresentare. Come sarebbe bello essere governati dalle persone che sono state votate a suffragio universale … Detto questo mi permetto di ricordare ad ogni lettore che, per grazia di Dio, siamo comunque chiamati a diventare cittadini del cielo, dove i fatti corrisponderanno a ciò che si dice sulla carta e a parole. La speranza di una vita nuova, che riguarderà l'umanità futura, redenta e in piena comunione con Dio, non ci deve però esimere dallo sforzo di impegnarci ad essere costruttori di una nuova società, basata sui principi fondamentali per il rispetto e la dignità della persona che deve urgentemente tornare ad occupare il centro delle attenzioni, come cittadino libero e attivo.

Antonio Tofanelli

Frate minore cappuccino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi: la coalizione di centrodestra non è popolare ma populista

Renzi: la coalizione di centrodestra non è popolare ma populista

Roma, (askanews) - La coalizione di centrodestra non è guidata dal Ppe, ma dalle forze estremiste e populiste di Matteo Salvini e Giorgia Meloni". Ad affermarlo, parlando all'iniziativa sull'Europa organizzata dei Dem a Milano, è il segretario del Pd Matteo Renzi. "Amici del Ppe, vi stanno prendendo in giro. Basta guardare come si sono divisi i collegi uninominali. Ogni voto dato al fronte della ...

 
Il movimento femminista #MeToo in piazza a Roma con Asia Argento

Il movimento femminista #MeToo in piazza a Roma con Asia Argento

Roma, (askanews) - Una manifestazione del movimento femminista internazionale per gridare anche a Roma "#MeToo", contro le molestie e le discriminazioni verso le donne. Si è tenuta stamattina a Piazza Santi Apostoli organizzata da"American Expats for Positive Change" e ha visto la partecipazione tra gli altri dell'attrice Asia Argento.

 
Renzi punta sull'Europa: scelta è fra chi crede nell'Ue e chi no

Renzi punta sull'Europa: scelta è fra chi crede nell'Ue e chi no

Roma, (askanews) - L'Europa come spartiacque tra le forze politiche in campo alle elezioni italiane. Con il Pd nettamente schierato per il rilancio del processo di integrazione europea, contro l'euroscetticismo dei Cinque Stelle e della coalizione di centrodestra a trazione populista targata Lega-Fratelli d'Italia. È l'operazione che Matteo Renzi lancia da Milano, teatro di un'iniziativa del ...

 
È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

Lione, (askanews) - Paul Bocuse, colui che fu soprannominato "chef del secolo", si è spento a meno di un mese dal suo novantaduesimo compleanno a Collonges-au-Mont-d'Or, suo villaggio natale e nel quale sorgeva il suo celebre ristorante, già appartenuto al nonno, nei pressi di Lione. Il "Papa" della gastronomia francese, che soffriva da alcuni anni di Parkinson, proveniva da un'antica famiglia di ...

 
Gli U2 a Barcellona bono

Gli U2 a Barcellona

MUSICA

U2, fissata la tappa italiana. Quando e dove comprare i biglietti

Gli U2 tornano in Europa: l’appuntamento con i fan italiani è fissato per l’11 e 12 ottobre 2018 al Mediolanum Forum di Assago (Milano). L’eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour, dopo ...

16.01.2018

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

Lutto nel mondo della musica

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

La frontwoman dei The Cranberries, Dolores O'Riordan, è morta all'età di 46 anni. La cantante era a Londra per una breve sessione di registrazione. Nel 2017 il gruppo aveva ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018