Giorni decisivi per 400 lavoratori ex Merloni

Nocera Umbra

Giorni decisivi per 400 lavoratori ex Merloni

02.08.2016 - 19:53

0

Inaccettabile. Questo il giudizio di lavoratori e Rsu riguardo la procedura di mobilità avviata per 400 dipendenti della Jp Industries che lunedì 1 agosto mattina si sono ritrovati davanti ai cancelli dello stabilimento. Per i lavoratori, dopo anni di sacrifici e di battaglie, non si può buttare fuori più della metà dei dipendenti senza nemmeno discussioni e, per di più, ad un passo - almeno così sembrava fino a poco fa - dal traguardo della ripresa. La notizia, infatti, è stata una vera e propria doccia fredda: all'inizio della pausa di agosto, l'attesa era semmai per il rientro a settembre, mese visto come un possibile momento di ripresa, grazie ad un preventivato aumento della produzione (nell'ultimo mese, la produzione dello stabilimento di Colle di Nocera Umbra era già aumentata da 150 a 300 unità giornaliere, riportando in fabbrica una media di 180 lavoratori). Invece quello che i lavoratori aspettano, ora, è l'incontro chiesto subito dai sindacati all'azienda, previsto a Fabriano in settimana, probabilmente giovedì 4 agosto. L'incontro dovrà chiarire molte cose. In primis le motivazioni di una decisione che ha colto tutti di sorpresa. E capire, soprattutto, se l'imprenditore Giovanni Porcarelli vorrà tornare sui suoi passi. La Rsu di Colle invita tutti i lavoratori ad essere presenti, estendendo l'invito alle istituzioni locali. “I segnali che abbiamo avuto negli ultimi mesi ci facevano pensare che la situazione si sarebbe evoluta in maniera diversa - spiega Luciano Recchioni (Rsu Fiom) -. Da parte dei lavoratori, dunque, c'è un dispiacere enorme, anche perché dopo anni di denunce e tribunali avevamo tutti ripreso la speranza. Oggi questa decisione sembra non tener conto del fatto che, nonostante tutte le difficoltà, se in questi anni si sono ottenuti risultati positivi è stato anche grazie al contributo e al sostegno che il sindacato e i lavoratori hanno dato all'azienda. Quest'annuncio senza dialettica è una mancanza di rispetto nei confronti di chi si è adoperato per l'azienda, a partire dai lavoratori, che invitiamo ad essere presenti all'incontro insieme alle istituzioni”. Parla di fulmine a ciel sereno, Angelo Commodi (Rsu Fim), soprattutto “visto come andava la situazione negli ultimi incontri. Per noi - puntualizza - questa decisione è assolutamente inaccettabile. Visto anche che i lavoratori possono essere accompagnati da ammortizzatori sociali fino al settembre 2017, non comprendiamo la necessità di ricorrere alla mobilità. Inoltre, azienda e sindacato hanno sempre lavorato di pari passo e in collaborazione: non è comprensibile da dove, oggi, derivi una decisione simile, presa senza interpellare nessuno”. A mettere l'accento sui sacrifici fatti dai lavoratori in questi anni è Rosa Di Ronza (Rsu Uilm). “I lavoratori l'hanno presa molto male - spiega -, in primo luogo perché non si aspettavano una notizia simile, poi perché sono anni che sopportano sacrifici anche per fare andare avanti l'azienda. Oggi ci aspettavamo una situazione diversa e ci potremmo ritrovare, invece, in una condizione forse peggiore di prima, senza conoscere quali sono le prospettive per il futuro. Aspettiamo, dunque, l'incontro con l'azienda e cercheremo di fare il possibile per far sì che la mobilità venga ritirata".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Libia, salvati 67 migranti al largo di Zawara

Libia, salvati 67 migranti al largo di Zawara

Tripoli (askanews) - Sessantasette migranti sono stati salvati al largo di Zawara in Libia. Sono stati recuperati e portati in un centro d'accoglienza nel paese nordafricano dove hanno ricevuto le prime cure e del cibo. "Oggi abbiamo soccorso un'imbarcazione con 67 persone a bordo, tra cui 12 donne e due bambini", ha detto Amir, del servizio medico internazionale.

 
Mondiali 2018, cadono le grandi: delusione Germania e Brasile

Mondiali 2018, cadono le grandi: delusione Germania e Brasile

Mosca (askanews) - Ai Mondiali in Russia cadono le grandi: l'esordio sui campi è stato amaro sia per il Brasile che per la Germania. La nazionale verdeoro è riuscita a conquistare solo un pareggio con la Svizzera, mentre i campioni in carica hanno dovuto arrendersi al Messico, che li ha battuti per 1 a 0.

 
La destra torna al potere in Colombia: Duque nuovo presidente

La destra torna al potere in Colombia: Duque nuovo presidente

Bogotà (askanews) - L'estrema destra al potere in Colombia. Ivan Duque, candidato del Candidato del Centro democratico, è il nuovo presidente colombiano col 53,98 per cento dei voti contro il 41,8 per cento di Gustavo Petro, 58 anni, del movimento Colombia Umana, primo candidato di sinistra ad arrivare così lontano in una competizione presidenziale. Duque ha immediatamente annunciato "correzioni" ...

 
Corsa all'Anello, una settimana di eventi. Taverne già aperte
NARNI

Corsa all'Anello, una settimana di eventi. Taverne già aperte VIDEO

Il passaggio dei banditori e l’apertura delle osterie ha segnato sabato scorso l’inizio della Rivincita, seconda edizione della Corsa all’Anello di Narni che durerà fino al 23 giugno quando al San Girolamo si terrà l’attesa sfida equestre. I tre banditori a cavallo hanno fatto il giro dei terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria per lanciare il bando di sfida. Subito dopo hanno aperto le ...

 
Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Sfilata di moda in sala Podiani

Gli studenti dell'IID si ispirano al simbolismo delle stagioni

Il 22 giugno alle 18.30 la Galleria Nazionale dell’Umbria accoglierà in sala Podiani la sfilata di moda a chiusura dell’anno scolastico dell’IID, l'Istituto italiano di ...

15.06.2018

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

festival della canzone italiana

Baglioni concede il bis: condurrà anche Sanremo 2019

Dopo un lungo corteggiamento, Claudio Baglioni ha accettato l’incarico di direttore artistico del Festival di Sanremo nel 2019. "Sono molto contento - ha commentato il ...

14.06.2018

Il grande ritorno, tutti i nomi di punta

L'Umbria che spacca

Il grande ritorno, tutti i nomi di punta

Torna L'Umbria che spacca. Concerti in tre palchi, uno per il talk, workshops food & beverage nostrano, performance di danza moderna e street-art, tutto in pieno centro ...

13.06.2018