La Cgil: "Evitati oltre mille licenziamenti"

Gubbio-Gualdo

La Cgil: "Evitati oltre mille licenziamenti"

18.08.2014 - 10:44

0

"Per circa 1038 persone dipendenti di circa 245 aziende del territorio Eugubino-Gualdese e della fascia appenninica si è evitato che fossero licenziate per effetto della volontà del Governo di chiudere la possibilità di utilizzare l’ammortizzatore sociale cig in deroga".

Lo dice la Cgil Alta Umbria in una nota a firma di Alessandro Piergentili. "C’è voluta la mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil sia a Perugia sia a Roma insieme all’azione della Regione per evitare che ciò avvenisse.
E’ stato ottenuto un risultato parziale - viene argomentato in una nota - lo stesso decreto del 1 agosto contiene dei punti critici, rimangono molte incertezze e sono necessari altri finanziamenti, ma almeno la copertura per 11 mesi nel 2014 ha evitato il peggio. Certo ancora per i lavoratori che non percepiscono reddito dal gennaio, sarà una sofferenza indicibile, ma dobbiamo, come organizzazioni sindacali dare la speranza che con la mobilitazione e la lotta, si possono ottenere risultati, anche se parziali.
La situziane del territorio rimane pesante, lo stillicidio delle lettere di preavviso di licenziamento dei dipendenti dell’A. Merloni che stanno arrivando in questi giorni, il licenziamento dei 28 dipendenti dell’Edilcemento, ( erano ben altre le prospettive quando fu rilevata dal fallimento, con la presenza di altri acquirenti, dal gruppo Colacem) la sempre più incerta prospettiva dei 18 dipendenti della Sirio Ecologica, i licenziamenti in altre aziende legate all’edilizia, alla ceramica e ai trasporti ci consegnano una situazione territoriale sempre più preoccupante e grave.
Il lavoro, le prospettive occupazionali sono le vere emergenze che in questo territorio rappresentano le urgenze da affrontare, così come in Italia, altro che il ritornello sulle regole e/o sul’art.18.
Il sistema delle imprese e gli stessi imprenditori sono fermi, stabili, senza una capacità d’investimento sui prodotti propri, ma quello che preoccupa non ci sono programmi d’investimenti per il breve/medio periodo, anzi c’è la chiusura di attività.
Possiamo gioire dal fatto che ci sono aziende che saranno quotate in borsa, ma sul piano occupazionale, non c’e da festeggiare e non ci sono novità importanti.
Andando di questo passo c’è non solo il rischio di un accartocciamento della situazione sociale ed economica del territorio, ma rischiamo di subire una nuova ondata di emigrazione: verso dove, non si sa.
L’iniziativa dei sindaci, che opportunamente in maniera compatta stanno proponendo un terreno di confronto e di proposte condivise, nei confronti della Regione, del Governo e un modello per accedere alle opportunità fornite dalle azioni della Comunità Europea, è da salutare positivamente e da condividere.
Come organizzazioni sindacali siamo disponibili anche ad azioni, concertate con le stesse amministrazioni Comunali, di sostegno.
Oltre ai temi indicati dalla riunione dei sindaci che opportunamente hanno di nuovo posto il problema dell’identificazione di questo territorio come area interna, evitando equilibrismi da parte di rappresentanti politici, proponiamo con forza, com’è scaturito dall’incontro con il vice ministro De Vincenti, di agire con la massima sollecitudine e fermezza, rispetto all'accordo di programma dell’A. Merloni.  Che cosa facciamo con l’accordo di programma? Siamo di fronte ad un fallimento?
Noi non ci stiamo. Le responsabilità di questo immobilismo devono venire fuori tutte, per capire che cosa si può fare immediatamente, per attrarre investimenti e opportunità d’imprese e di lavoro, attraverso gli interventi previsti dall’accordo.
E’ necessario agire in tempi rapidi, dando una svolta alla reale efficacia delle misure previste, altrimenti rischiamo che una valanga di disagio sociale ci sommergerà e non ci sarà alibi per nessuno. Sono necessari interventi ed azioni ad dalle associazioni delle imprese, ad iniziare da Confindustria, per costruire opportunità di lavoro. E’ necessario che si adottino provvedimenti da parte della Regione che vanno nel senso di dare risposta al tema del lavoro che nella nostra Regione sta diventando l’obiettivo prioritario. Su questi temi come organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil dobbiamo mantenere un forte spirito unitario per dare certezze e speranza ai lavoratori e alle lavoratrici".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Tokyo (askanews) - Shinzo Abe alla prova della verità. Il 22 ottobre in Giappone si vota per la Camera dei rappresentanti, un passaggio importante per il premier nipponico che ha indetto le elezioni anticipate con il doppio obiettivo di ottenere un mandato per la riforma costituzionale e dirottare in ambito sociale l'extragettito che dovrebbe giungere dal 2020 grazie all'incremento della tassa ...

 
Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Milano (askanews) - Nel variegato mondo del prosecco, occupa un posto di eccellenza. Un'eccellenza garantita dal territorio su cui nasce, quelle colline adagiate tra le asperità delle Dolomiti e la laguna veneta. E dalla sapienza degli uomini che qui lo producono da oltre 140 anni. Il Conegliano Valdobbiadene prosecco superiore Docg è il frutto di questo lembo di terra fortunata, 15 Comuni nelle ...

 
Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Roma, (askanews) - Ancora non è troppo tardi per approvare le riforme che farebbero riconsiderare al leader dell'opposizione kenyana Raila Odinga la sua decisione di ritirarsi dalle elezioni presidenziali del 26 ottobre. Lo ha affermato lo stesso Odinga parlando con la stampa dopo le dimissioni di Roselyn Akombe, membro della Commissione elettorale che si è detta convinta della parzialità di ...

 
A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

Ischia, (askanews) - I sette ministri dell'interno delle principali democrazie industrializzate del mondo si incontrano a Ischia per il vertice del G7 su contrasto al terrorismo, anche via web, e lotta ai foreign fighters di ritorno dai territori liberati dall'Isis. In tanti però sono scesi in piazza per chiedere ai grandi politiche diverse e che tutelino i diritti umani. Ecco alcune voci del ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017