Sinistre al bivio

Contrappunto

Sinistre al bivio

14.11.2017 - 08:30

0

L'ultimo scorcio di Novembre e i primi di Dicembre saranno decisivi per le sorti della lista che, alle elezioni politiche, dovrebbe raggruppare le forze alla sinistra del Pd costituendo, questa è la ambizione, il "quarto polo" della competizione elettorale. Dopo mesi di dibattito e atti confusi, contraddittori, spesso di scarsa comprensione, sembrerebbe determinata una road map che dovrebbe portare all'inizio del mese del Natale all'ambito traguardo. I vertici delle forze che dovrebbero dar vita alla lista (o meglio non tutte come vedremo, la maggioranza di esse) hanno condiviso un documento comune che sottoporranno al dibattito interno delle proprie organizzazioni, prima di organizzare, così par di capire, una "campagna" di assemblee comuni che eleggerà i delegati ad una conclusiva assemblea nazionale, i primissimi di dicembre, che licenzierà e "lancerà" programma politico e modalità di corsa elettorale (selezione dei candidati ecc.). Bene, ci siamo, diranno gli sfibrati sostenitori di questa sinistra del divenire. Manco per idea. Già infuriano discussioni e polemiche. Queste ultime provengono dalla ala sinistra della lista in pectore, particolarmente da "quelli del Brancaccio" (cioè i seguaci del movimento di Falcone e Montanari, alias i "civici"), ma sono un po' trasversali a tutti gli unificandi partiti e movimenti. Vengono mosse obiezioni di metodo e di sostanza. La prima è di verticismo. Sarebbe stato preferibile, si sostiene, rovesciare, come ci si era impegnati a fare, il verso della piramide; cioè prima una discussione alla "base" nei territori, con riunioni comuni e poi la sintesi al vertice e la determinazione delle leadeschip. Si lamenta la esclusione di Rifondazione comunista. Il documento è stato infatti discusso e concordato tra Mdp, Si, Possibile e i Civici, senza interlocuzione con i neocomunisti del Prc. La pregiudiziale nei loro confronti appare consumata con una certa dose di "perfidia" e suscita interrogativi, uno dei quali è che una formazione che potrebbe essere in bilico per il raggiungimento del quorum, non dovrebbe rinunciare ai voti di nessuno. C'è, per altro da dire, che il segretario di Prc, in questa esclusione, c'ha messo del suo, sostenendo (pur col pregio della chiarezza) una linea massimalista e isolazionista, quando il realismo consigliava di ammorbidire i toni. Ma la critica principale che viene rivolta al documento è che esso non rispecchia, né sul piano programmatico né su quello politico, la radicalità dei contenuti insita nella scissione di Mdp dal Pd e quelli sostenuti, in questi mesi, dalle altre forze. Ha un fondamento questa critica? Beh, sì. Le misure che vengono delineate (l'abolizione del jobs act, un'età pensionabile "in linea europea", che sono le cose più spinte) sanno un po', come dire, di minimo sindacale per una forza che aveva preannunciato una svolta di ben altro tenore rispetto alle politiche liberiste renziane e che quindi, invece di rincorrere, come fa, un idealizzato centro sinistra di prodiana memoria avrebbe dovuto parlare un linguaggio più coraggioso e rispondente alla "rabbia" dell'elettorato popolare. Si sottolinea infine, che nel documento non c'è la esclusione esplicita di una alleanza, né prima né dopo le elezioni, col Pd. E' scontata? Se lo fosse lo si sarebbe scritto. Insomma lista unica o no? Per farla ci vorrebbe un miracolo. O, senza scomodare il soprannaturale, un approccio diverso da parte di tutti.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Siena, faccia a faccia Valentini (Pd) e De Mossi (c.destra)
A poche ore dal ballottaggio per la poltrona di sindaco

Siena, faccia a faccia Valentini (Pd) e De Mossi (c.destra)

Iniziamo dalla mobilità. I taxi hanno difficoltà persino a raggiungere la redazione del Corriere. Devono inviare una mail per transitare lungo la Y storica. Cambieranno le regole? Valentini: “Abbiamo potenziato la pedonalizzazione delle strade più centrali, che chiamiamo Y storica per convenzione. In quella zona circolavano settecento veicoli al giorno, abbiamo reso più vivibile questa parte di ...

 
Saviano risponde a Salvini sulla possibile revoca della scorta

Saviano risponde a Salvini sulla possibile revoca della scorta

Milano (askanews) - Lo scrittore Roberto Saviano risponde con un video su Facebook alle parole del ministro dell'interno, Matteo Salvini che, commentando un altro video in cui l'autore di Gomorra accusava il titolare del Viminale di fare propaganda, ha ventilato una possibile revoca del servizio di scorta che da anni salvaguarda la vita dell'autore napoletano, minacciato di morte dalla camorra. ...

 
Yoga day, per i cento anni di BKS Iyengar un flash mob a Roma

Yoga day, per i cento anni di BKS Iyengar un flash mob a Roma

Roma, (askanews) - C'è una fotografia storica cara a tutti i praticanti di Iyengar yoga che ritrae Guruji nella posizione sulla testa - l'asana Sirsasana - circondato dai suoi allievi nella stessa posizione. È una foto molto bella, in bianco e nero, che ben rappresenta il filo profondo che legava e lega ancora i praticanti di Iyengar yoga con il loro maestro, spentosi il 20 agosto del 2014 e del ...

 
L'Alchimista sul trono

Quattro Ristoranti

L'Alchimista sul trono

Giovedì 21 giugno alle ore 21.15 su Sky Uno hd è arrivata la nuova puntata inedita di Alessandro Borghese 4 Ristoranti (LEGGI Quattro ristoranti, in onda la puntata girata in ...

21.06.2018

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Moon in june

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Dopo l’anteprima del 22 giugno al teatro di Tuoro (alle 21) con le sperimentazioni elettroniche di Fields Conduction e il concerto dei Lstcat insieme a Ginevra Di Marco e ...

21.06.2018

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

foligno

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

Il fascino e le emozioni della Quintana sbarcano su Rai3, che sabato 23 giugno manderà in onda uno speciale di 66 minuti dedicato alla giostra vinta dal rione Cassero. ...

21.06.2018