Venti di guerra sul mondo

Leonardo Caponi

Venti di guerra sul mondo

18.04.2017 - 16:46

0

Assorbita come è, per quella modesta parte che lo è, dalle non esaltanti o addirittura deprimenti vicende della politica nostrana o, per lo più, anche da esse lontana e disinteressata, la pubblica opinione guarda men che meno alle vicende di quella internazionale.
Per la verità anche tra i protagonisti delle istituzioni e dei partiti il dibattito sulla politica internazionale è praticamente scomparso, assorbito da un tran tran di basso profilo in cui risse da cortile fanno smarrire una dimensione di importanza decisiva. E lo fanno, paradossalmente, nel momento in cui il mondo è più integrato e interdipendente.
Formalmente domina il campo una concezione di supposta unità e "superiorità dell'Occidente" e il sostegno comune a politiche espansive della sua potenza o veri e propri atti di forza congiunti o di singole potenze.
Il pensiero unico liberista che, anche in questo campo si è affermato, rende o cerca di rendere totalmente silenti (qualche volta ci riesce) le divisioni profonde di carattere economico e politico che, al contrario, dividono il fronte occidentale e le sue componenti, siano esse aree, stati o organizzazioni istituzionali e che sono molto spesso cause non secondarie della instabilità che prevale nei continenti e su scala planetaria.
Questa, chiamiamola mancanza di attenzione, fa si che venga oscurato, agli occhi dei popoli, il rischio concreto di una nuova guerra mondiale.
E' una esagerazione dirlo?! Prefigurare un pericolo del genere è ingiustificato allarmismo, espressione di tendenze maniacali o fondato timore che dovrebbe suscitare una sollevazione delle menti e delle coscienze e spingere ad un impegno pacifista conseguente?
Il presidente nordamericano Trump ha mandato i suoi aerei a bombardare postazioni siriane dopo che le truppe di Assad avrebbero compiuto un crimine orrendo con armi chimiche. Ora, a parte il fatto che la vicenda sa un po' di film già visto (ricordate gli arsenali chimici di Saddam Ussein che si rivelarono inesistenti?), anche se le colpe del regime siriano fossero reali, chi da il diritto ad un singolo stato di ergersi a gendarme del mondo?
La Russia, a torto o a ragione, sostiene Assad. E se il conflitto Usa Russia si inasprisce o se la prossima volta "per errore" i missili americani colpiscono un insediamento russo sul territorio siriano, non c'è la possibilità che scoppi un confronto tra le due massime potenze nucleari del pianeta, che non potrebbe non avere conseguenze globali?!
Lo stesso vale per la Corea.
Il biondo presidente Usa ipotizza addirittura un intervento armato contro un Paese che è in possesso dell'arma atomica. Ma ci si rende conto di quel che significa?!
La lotta a quelli che vengono considerati sanguinari dittatori (ammesso che di questo si tratti) va condotta con metodi diversi da interventi militari i cui esiti fallimentari sono stati già sperimentati in diversi Paesi anche vicini al nostro e che, soprattutto, non rischino la generalizzazione dei conflitti.
Non esiste più il mondo unipolare seguito al crollo dell'URSS. Oggi la situazione e gli equilibri sono cambiati profondamente. Nuovi Paesi hanno acquistato o riacquistato un peso economico, politico e anche militare (non solo la Russia, la Cina, l'India, ma anche medie potenze) che li spinge, a torto o a ragione, ad essere protagonisti e a rifiutare l'idea avere un solo padrone. Domina inoltre una instabilità politica la cui base è rappresentata dalla radicale contradizione di un pianeta in cui pochi hanno tanto e tanti hanno poco o niente. Queste sono le classiche condizioni che possono scatenare la guerra. Il presidente Obama l'aveva capito e cercato per gli Usa una politica di "supremazia democratica". Se Trump e chi con lui, vuol tornare alla politica delle bombe che dettano legge, mette tutti a rischio ed è bene che cambi idea.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Roma (askanews) - Un successo che dura da 35 anni. I film di Natale prodotti da De Laurentiis, dal primo "Vacanze di Natale" del 1983 all'ultimo "Dio salvi la regina", hanno incassato complessivamente 400 milioni, coinvolto più di 200 attori, e sono stati girati in 50 location, da Cortina D'Ampezzo a New York. Quest'anno, per celebrare il 35esimo compleanno del cosiddetto "cinepanettone", il 14 ...

 
Castello del Trebbio, dai Medici all'agricoltura biointegrale

Castello del Trebbio, dai Medici all'agricoltura biointegrale

Milano (askanews) - Nelle sue sale si progettò la Congiura dei Pazzi, poi fu confiscato dalla famiglia dei Medici e donato al vescovo di Fiesole: inizia così la storia del Castello del Trebbio, dimora del Rinascimento datata 1184, che ha attraversato 800 anni di storia, passando da maniero a fortezza militare, a tenuta agricola per la produzione di vino ed olio di alta qualità. Siamo nel Chianti ...

 
Esplosione a un terminal gas in Austria: 1 morto e 18 feriti

Esplosione a un terminal gas in Austria: 1 morto e 18 feriti

Roma, (askanews) - E' di almeno un morto e 18 feriti il primo bilancio dell'esplosione al terminal di gas di Baumgarten, nell'Est dell'Austria. Lo ha riferito la Croce rossa all'agenzia austriaca Apa dopo l'esplosione "seguita da un incendio", come ha precisato un portavoce della polizia Edmund Tragschitz, secondo cui la situazione è già tornata sotto controllo. In precedenza, tuttavia, la ...

 
Grigliata da Guinness in Uruguay: arrostite 10 tonnellate carne

Grigliata da Guinness in Uruguay: arrostite 10 tonnellate carne

Milano, (askanews) - Non una grigliata tra amici della domenica, ma uno sforzo imponente per entrare nel Guinness dei primati. In Uruguay, nella piccola città di Minas, grazie a oltre 10 tonnellate di carne alla griglia, è stato battuto domenica il record Guinness del più grande barbecue del mondo. Per realizzare la gigantesca "parrilla" sono stati necessari 60 tonnellate di legna e l'impegno di ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017