La sinistra in ordine sparso

La sinistra in ordine sparso

14.02.2017 - 13:35

0

Certo che a trasformare una vittoria in una sconfitta, o comunque non goderne compiutamente dei benefici ce ne vuole! E' un'impresa quasi disperata, che sta forse riuscendo alla sinistra italiana. Dunque, ricapitoliamo. C'è stato un referendum che ha segnato un successo (in qualche modo memorabile) della sinistra esterna ed interna al Pd "ufficiale" di Renzi, tanto da costringerlo ad andarsene. Ora, intendiamoci, la vittoria del No non è attribuibile alla sola sinistra (reca vari "segni" anche contraddittori tra di loro) ma ad essa la sinistra ha certo portato un contributo non del tutto trascurabile. La vittoria del No ha avuto dei contenuti "valoriali" di fondo (la difesa della Costituzione e della democrazia) ed in essa si è espressa, in dimensioni anche inaspettate, una insoddisfazione e una protesta verso una politica di stampo liberista e il governo che la interpretava. In particolare si è manifestata la ribellione di gran parte del Paese e delle classi lavoratrici e meno protette per la condizione sociale negativa nella quale sono costrette. Conseguenza logica di queste considerazioni, se hanno un fondamento, è che le varie componenti, che hanno condiviso i diversi punti della comune battaglia referendaria, avrebbero dovuto trovare lo stimolo e la spinta ad avvicinarsi ulteriormente tanto sul piano della proposta politica, quanto su quello della struttura organizzativa. Insomma l'idea di mettersi in qualche modo tutti insieme (smussando anche qualche angolo) in un nuovo partito o, come si suol dire, in un nuovo "soggetto", che riempisse il vasto campo attualmente deserto che, come si è visto, esiste alla sinistra del Pd, avrebbe dovuto trarre coraggio e nuova linfa. Ora, questo non sta accadendo. Alla vittoria referendaria i vari spezzoni della sinistra che pure, in questa come in altre occasioni, hanno dimostrato di condividere, più o meno, gli stessi programmi e di avere in comune valori portanti, hanno risposto con una babele di linguaggi e proposte politiche che rischiano di perpetuare una diaspora infinita quanto incomprensibile. Orientarsi in questa ridda di posizioni non è cosa agevole nemmeno per gli addetti ai lavori. La situazione è più mai ingarbugliata. Sinistra Italiana si prepara a celebrare alla metà di Febbraio il suo congresso fondativo. E' un tentativo nella direzione sopradetta di unificazione delle forze alla sinistra del Pd, aggregandone di nuove a quelle della disciolta Sel. Aveva sollevato speranze e aspettative. L'unico problema è che il neo partito si è diviso prima ancora di cominciare il Congresso, con una parte, quella che potremmo definire "filo Pd" che non vi parteciperà, per ricongiungersi, probabilmente, con il movimento (quanto consistente?) nel frattempo fondato dall'ex sindaco di Milano Pisapia, di cui sono note le posizioni di "vicinanza" a Renzi. La sinistra Pd, ultimamente, un giorno minaccia la scissione e l'altro no. L'idea, che per la verità appare così irrealistica da divenire patetica, è quella, attraverso un congresso, di "riconquistare" il partito. Nell'attesa D'Alema, che è quello che sembra con un più piede più fuori che dentro, ha fondato un suo movimento e si muove in una prospettiva politica che è però diversa e incomunicante con quella indicata da Bersani che, a sua volta, si differenzia da altri "leader" dell'area. Insomma, ognuno pensa e dice la sua. Quanto a Rifondazione comunista, ha fissato il suo Congresso e mira a conservare gelosamente se stessa (o quel che ne rimane) seppure, dice, in un rapporto unitario con gli altri, mentre un altro raggruppamento è impegnato nel tentativo di ricostruzione del Partito Comunista. Dell'aggregazione di Civati, "Possiamo", sembrano essersi perse le tracce, però prosegue il suo cammino (se ci sarà) isolato. Domanda. Perché in Italia è impossibile fare quello che, con discreto successo, è stato fatto in altri Paesi europei con aggregazioni unitarie della sinistra? E' irrealistico pensare ad una unificazione "culturale"? D'accordo, ma un soggetto programmatico, legato da uno stringente patto di unità di azione, parrebbe ad una ragionevole portata. Se non si fa ora, quando?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Barcellona, il giornalaio della Rambla: viviamo in un mondo così

Barcellona, il giornalaio della Rambla: viviamo in un mondo così

Barcellona, (askanews) - E' il primo chiosco sulla Rambla, proprio dove il furgone dei terroristi è entrato nell'arteria di Barcellona falciando la folla. Il racconto del giovane giornalaio argentino che ha visto la scena: "Ero dentro il chiosco e ho sentito un rumore strano, mi sono affacciato a guardare ed era il furgone che passava qui davanti investendo la gente. Veniva da laggiù, e poi è ...

 
Cappello bianco, vestitino fiorito: Madonna per le vie di Lecce

Cappello bianco, vestitino fiorito: Madonna per le vie di Lecce

Roma, (askanews) - Passeggiata tra turisti increduli per Madonna al Duomo di Lecce. La popstar si trova in Salento, infatti, per festeggiare il syuo 59esimo compleanno e non poteva mancare una visita alle bellezze barocche della "Firenze del Sud". "Ciao Madonna", "Ma è Madonna veramente?": lo stupore dei passanti e fan che hanno immortalato con iphone e tablet l'Icona del pop. I video sono stati ...

 
Capo Centro islamico Legnano: non musulmano chi uccide innocenti

Capo Centro islamico Legnano: non musulmano chi uccide innocenti

Milano, (askanews) - Non è un musulmano chi ammazza innocenti. Lo ripete senza ombra di dubbi Hamid Arifi, il responsabile del Centro Islamico d Legnano, il paese di origine di Bruno Gulotta morto nell'attentato terroristico di Barcellona. L'abbiamo incontrato subito dopo la preghiera del mattino, nel centro che si trova proprio tra l'abitazione di Gulotta e l'azienda dove lavorava, in via XX ...

 
Usa, "Trump razzista": le scritte sulla facciata di un albergo

Usa, "Trump razzista": le scritte sulla facciata di un albergo

Washington (askanews) - Torna la protesta artistica contro Donald Trump. Sulla facciata del Trump International Hotel di Washington sono state proiettate una serie di scritte contro il presidente degli Stati Uniti. Si tratta della nuova installazione ideata dall'artista e attivista Robin Bell che accusa apertamente Trump di razzismo e di essere un simpatizzante del nazismo. "Il presidente degli ...

 
Alla Darsena il Duo Bucolico

Notte in pista

Alla Darsena il Duo Bucolico

Sabato, 19 agosto, sarà il caso di muoversi verso il Lago Trasimeno, come di consueto. Alla Darsena si fa sul serio: sul palco del locale di Castiglione del Lago si esibirà ...

18.08.2017

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Novità discografiche

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Ci sono voluti quasi tre mesi per metterci a parlare di questo disco, perché d’estate le cose da raccontare in provincia son tante. Ma finalmente eccoci qua, a dirvi che il ...

18.08.2017

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il toto nome

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il suo nome, Franco Ruggieri, (scritto subito sotto il logo del Teatro Stabile), è sparito dal depliant con il programma della Stagione di prosa 2017-2018 del teatro ...

18.08.2017